Iran-Conflitto: L’Iraq tra i due Fronti

0
44

International cresce la Preoccupazione per l’Escalation del Golfo Persico. Gli stati UNITI, che vanno da una nuova Minaccia, e prima di Diplomatici, di lasciare l’Iraq. Dalla parte di chi si pone l’Iraq?

Guarda il Video
02:35

Condividere

Tensioni nel Golfo

Inviare

Facebook

Twitter

google+

Tumblr

VZ

Xing

Newsvine

Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/3IZC9

Tensioni nel Golfo

Tutti i Funzionari, a Baghdad non utilizzati, devono Iraq abbandonare immediatamente. Il dipartimento di stato giustificato il Richiamo del suo Botschaftspersonals con una Minaccia “USA-nemici confessionale Milizie” in Iran. Il Governo degli stati UNITI ho solo “poche Possibilità di Cittadini americani in Iraq in caso di Emergenza i Servizi a disposizione”, si legge in un comunicato del Dipartimento di stato.

Da Settimane il Governo degli stati UNITI la Pressione su Teheran massiccio. All’inizio del Mese distaccati gli stati UNITI, una Portaerei e una Bomberstaffel nella Regione. In seguito, un’altra Nave da guerra e un Flugabwehrraketensystem. Sia il segretario di stato USA Mike Pompeo come anche l’Iran hanno sottolineato, nessuna Guerra. Tuttavia, la successiva Opzione: Sabotaggio Incidenti nella Regione, attacchi dei droni su un saudita Pipeline, stati UNITI Minacce. La Preoccupazione cresce, che un Incidente in una Situazione difficile incontrollabile Escalation di trigger.

Grande Influenza della Iraniani in Iraq

Il governo iracheno, il primo Ministro Abdel Abdul Mahdi ha spiegato i Movimenti non osservato, che costituivano una Minaccia: “Abbiamo gli Americani rispetto chiaramente che il Governo è loro Dovere, tutte le Parti a proteggere.”

Uno dei principali Oleodotti in Arabia saudita è stato con l’Esplosivo carico Droni attaccato

Ma come paese Confinante con l’Iran ex Besatzungszone degli stati UNITI probabilmente non prendervi parte, che l’Iraq ha un Ruolo nel Conflitto gioca. “L’Iraq è negli ultimi Anni in una Situazione difficile, perché egli sia con gli Americani e con Teheran molto stretto alleato”, spiega Guido Steinberg dalla Fondazione Scienza e Politica nel DW-Intervista.

L’Iran partecipa anche Influenza sulla Politica irachena. Il primo Ministro sciita Nuri al-Maliki per molti Sunniti in Iraq come un Burattino dell’Iran. Teheran esercita nel Paese vicino, inoltre, Influenza Schiitenmilizen. L’Iraq era diviso tra il suo Desiderio di una buona Relazione con gli Americani per intrattenere, e il massiccio politico, economico e militare Influenza che gli Iraniani prendere, pensa che il Politikexperte Steinberg.

“Politica Disastro per l’Iraq”

Questo rende per l’Iraq, il più grave, una posizione chiara nella Disputa tra Teheran e Washington possesso. Sia i Soldati degli stati UNITI, sia iraniano Milizie sono in Iraq presente. Anche se l’Iraq piuttosto ad esaurimento, i Desideri di Teheran in considerazione, i tentativi di lui di una Escalation del Conflitto tra due Parti di irakischem Terra impedire Nahostexperte Steinberg. “Per l’Iraq sarebbe un Disastro politico, quando in realtà gli Attacchi. Soprattutto perché è americano Vergeltungsschlägen potrebbe venire, potrebbe essere anche contro l’iran controllata dalle Milizie in Iraq.”

In uno Scontro militare aperto sarebbe il Governo iracheno tenta di rimanere neutrale, spiega Manaf Musawi, Direttore del Centro per gli Studi strategici a Baghdad, nei confronti della DW. Ma la grande parte delle autorità di pubblica Sicurezza, di Schiitenmilizen essere controllato, come anche di una parte della Popolazione sarebbe contro gli stati UNITI, così Musawi.

Segretario di stato USA Pompeo ha volato per l’Urgenza a Baghdad e non, come annunciato in Italia

Mentre era segretario di stato USA Mike Pompeo, il Governo iracheno richiesto, le Milizie di tenere sotto Controllo, ma è possibile che a giudizio dell’ex Diplomatici statunitensi Nabil Khoury ad una guerra Civile nel Paese: “Il Schiitenmilizen le Armi togliere, sarebbe Conflitto in Iraq. Il Tentativo di queste Milizie di risolvere e l’Esercito iracheno scattare, non è riuscita,” così Khoury da Chicago Council on Global Affairs di DW.

La diffidenza nei confronti degli stati UNITI

Attualmente sono ancora circa 5000 Soldati americani di stanza in Iraq. Teheran potrebbe essere tentato, in un Conflitto militare di attaccare. Perché l’Iran la Capacità militari, non avrebbe aperto con la Guerra, avrebbe altre strategie, come Guido Steinberg dalla Fondazione Scienza e Politica e spiega: “Noi non dovrebbero aspettarsi che lì la grande Lotta tra le grandi Unità. Un molto più probabile Scenario è che proiranische Milizie indirettamente modo di procedere. Ad esempio, da Missili o Mörserbeschuss di Basi americane. In diretta a Combattere contro le Truppe statunitensi avrebbero alcuna Possibilità.”

Se gli Avvisi di iraniani Attacchi un Fondamento reale, è ancora sconosciuta, perché sono stati di alcun Governo occupata. Parallela all’Anno 2003, si impongono su: a Quel tempo, è stato l’Iraq, l’Affermazione, il Paese sarebbe in possesso di armi di Distruzione di massa, Rovina. L’Affermazione non è mai stata confermata, tuttavia, ha dato seguito all’Invasione. Da allora, la Diffidenza nei confronti di Washington grande.

È chiaro: Un Conflitto militare sarebbe Iraq colpire duro. “Trump vuole, in realtà, non la Guerra. Sarebbe deleterio per tutti. Ma la Retorica provocatoria segue sempre la Mobilitazione e perché gli Errori possono accadere,” ha detto l’Ex Diplomatico Khoury. Pertanto, dovrebbero tutti stare molto attenti. “Gli stati Uniti d’America sperimentare un modo molto singolare di Tempo con un’insolita Amministrazione. E ‘difficile, c’e’ qualcosa da prevedere.”