Arte delle Donne alla Tate Gallery: “Sixty Years” e molte Mostre personali

0
63

Il Mondo dell’Arte è ancora dominato dagli Uomini. In modo che non rimanga così, dipende Tate Britain in una Parte della Casa di Arte contemporanea di Uomini. Invece di vedere: forte di Opere di Artiste donne.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Esclusivo Guarda

    Immagini e Installazioni di Susan Hiller sono sessanta Opere d’arte, il london Museum, la Tate Britain, per la prima Volta fianco a fianco sez. “Sixty Years” mostra esclusivamente Lavori di Artiste degli ultimi sei Decenni. Anche il Schwesterhaus Tate Modern, che si riconosce in una Serie di Mostre personali e Opere di Pioniere dell’Arte moderna

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Susan Hiller

    Susan Hillers Installazione Multimediale “Belshazzar s Feast, the Writing on Your Wall” (“Belshazzars Festa, i Segni della tua Parete”, Trad. d. Red.) è uno dei punti Salienti della Mostra. L’Opera, in cui Video, Audio, fotografia a colori, Disegni e Mobili uno Spazio formare un tradizionale Soggiorno ricorda. Nel 1984, questo è stato il primo Video-Installazione, Tate ankaufte.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Mostro Chetwynd

    Mostro Chetwynd, il 1973, nato Alalia Chetwynd, lo scorso Inverno, la Facciata della Tate Britain publikumswirksam in Scena: con la Proiezione di due gigante blu Lumache. “Sixty Years” mostra due dei loro nuovi Lavori: “Crazy Bat Lady” (Immagine) e “gesu’ e Barabba” (Odd Man Out 2011), entrambi dal 2018.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Rachel Whiteread

    La Scultrice Rachel Whiteread è stata la prima Donna del 1993, per un Artista, o un Artista di sotto dei cinquant’Anni, assegnati Turner-Premio vinto. A loro Sculture più dispone di un ampia Betonabguss all’Interno di una Gründerzeithauses. A Vienna predisposto si il Memoriale dell’Olocausto sul Judenplatz. Non solo “Sixty Years”, anche Tate Modern mostra 2019 le loro Opere.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Tomma Abts

    Anche Tomma Abts, è uno dei “Sixty Years”-Artisti che con la Tate Gallery organizzata Turner-Prezzo sono stati onorati. Nel 2006 ha ottenuto come primo Pittrice, un Premio per la loro astratta, rigorosamente geometrici dipinti ad Olio, in una lunga, non un Processo derivante. L’Artista nel 1967, nato in Germania, vive e lavora a Londra.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Rose Wylie

    Anche Rose Wylie, nato nel 1934, è di Turner Vincitrice. Racconta Storie come questa Arte-Puzzle “Pin Up and Porn Queen Jigsaw” del 2005. Il Pin Up Ragazza a sinistra nella Foto si riferisce a Marilyn Monroe nel Film “misfits” (1961). I Capelli che ricorda la Tecnica di Albrecht Dürer (1471-1528) Xilografie. La Testa a destra, che cita una Documentazione sulla Pornostar Annabel Chong.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Dorothea Tanning

    Da Febbraio e fino all’Inizio di Giugno del 2019 è una delle Pioniere dell’Arte moderna presso la Tate Modern apprezzato. Questa prima completa Esposizione dell’Opera di Dorothea Tanning (1910-2012) da più di 25 Anni di Lavoro da sette Decenni: Pittura, Scultura e Installazioni.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Anni Albers

    Nel Bauhaus Anno premia anche la Tate Modern Anni Albers con una Mostra di 350 Opere tedesca Tessile Artista. Lei ha usato le Tecniche tradizionali di tessitura a mano, Opere d’arte moderna. Le sue opere sono per la prima Volta in gran Bretagna a vedere una delle molte Solo Guardare le Donne, con la Tate Gallery, la storia dell’Arte ora rivalutato.

    Autrice/Autore: Sabine Peschel


  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Esclusivo Guarda

    Immagini e Installazioni di Susan Hiller sono sessanta Opere d’arte, il london Museum, la Tate Britain, per la prima Volta fianco a fianco sez. “Sixty Years” mostra esclusivamente Lavori di Artiste degli ultimi sei Decenni. Anche il Schwesterhaus Tate Modern, che si riconosce in una Serie di Mostre personali e Opere di Pioniere dell’Arte moderna

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Susan Hiller

    Susan Hillers Installazione Multimediale “Belshazzar s Feast, the Writing on Your Wall” (“Belshazzars Festa, i Segni della tua Parete”, Trad. d. Red.) è uno dei punti Salienti della Mostra. L’Opera, in cui Video, Audio, fotografia a colori, Disegni e Mobili uno Spazio formare un tradizionale Soggiorno ricorda. Nel 1984, questo è stato il primo Video-Installazione, Tate ankaufte.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Mostro Chetwynd

    Mostro Chetwynd, il 1973, nato Alalia Chetwynd, lo scorso Inverno, la Facciata della Tate Britain publikumswirksam in Scena: con la Proiezione di due gigante blu Lumache. “Sixty Years” mostra due dei loro nuovi Lavori: “Crazy Bat Lady” (Immagine) e “gesu’ e Barabba” (Odd Man Out 2011), entrambi dal 2018.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Rachel Whiteread

    La Scultrice Rachel Whiteread è stata la prima Donna del 1993, per un Artista, o un Artista di sotto dei cinquant’Anni, assegnati Turner-Premio vinto. A loro Sculture più dispone di un ampia Betonabguss all’Interno di una Gründerzeithauses. A Vienna predisposto si il Memoriale dell’Olocausto sul Judenplatz. Non solo “Sixty Years”, anche Tate Modern mostra 2019 le loro Opere.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Tomma Abts

    Anche Tomma Abts, è uno dei “Sixty Years”-Artisti che con la Tate Gallery organizzata Turner-Prezzo sono stati onorati. Nel 2006 ha ottenuto come primo Pittrice, un Premio per la loro astratta, rigorosamente geometrici dipinti ad Olio, in una lunga, non un Processo derivante. L’Artista nel 1967, nato in Germania, vive e lavora a Londra.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Rose Wylie

    Anche Rose Wylie, nato nel 1934, è di Turner Vincitrice. Racconta Storie come questa Arte-Puzzle “Pin Up and Porn Queen Jigsaw” del 2005. Il Pin Up Ragazza a sinistra nella Foto si riferisce a Marilyn Monroe nel Film “misfits” (1961). I Capelli che ricorda la Tecnica di Albrecht Dürer (1471-1528) Xilografie. La Testa a destra, che cita una Documentazione sulla Pornostar Annabel Chong.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Dorothea Tanning

    Da Febbraio e fino all’Inizio di Giugno del 2019 è una delle Pioniere dell’Arte moderna presso la Tate Modern apprezzato. Questa prima completa Esposizione dell’Opera di Dorothea Tanning (1910-2012) da più di 25 Anni di Lavoro da sette Decenni: Pittura, Scultura e Installazioni.

  • “Sixty Years”: Londra, Tate Britain celebra Artiste

    Anni Albers

    Nel Bauhaus Anno premia anche la Tate Modern Anni Albers con una Mostra di 350 Opere tedesca Tessile Artista. Lei ha usato le Tecniche tradizionali di tessitura a mano, Opere d’arte moderna. Le sue opere sono per la prima Volta in gran Bretagna a vedere una delle molte Solo Guardare le Donne, con la Tate Gallery, la storia dell’Arte ora rivalutato.

    Autrice/Autore: Sabine Peschel


Soffia un Vento fresco in tutte e quattro le Case britanniche, Tate Gallery, a maggior ragione, da allora, tre di loro gestite da Donne. Ora slancio le Gallerie, in caso di Parità tra Uomo e Donna nell’Arte in avanti: La Missione è, in contemporanea, Mostre equilibrio di genere.

E comunque, non le Mostre saranno anche la Varietà dell’Arte di tutti i Continenti per documentare. L’apertura al mondo, proprio in Brexit Tempi, Maria vuole Balshaw dimostrare come Punti di due Anni fa, per la prima femminile Direttrice in 120 anni di Storia della prestigiosa Tate-Musei è stato chiamato.

Sessant’Anni di Arte moderna di Donne

Con il suo ultimo Progetto da lei diretto da Tate Britain ora in primo piano: Nella casa Madre del Gruppo, dove britannico Arte dal 1500 ad oggi dimostrato, nella Sezione Arte Contemporanea degli ultimi sessanta Anni tutti i Lavori di sesso maschile Artisti in sospensione.

Sotto il Titolo di “Sixty Years”, racconta la Guarda nove Sale la Storia di donne Artista dal 1960 a oggi, di nuovo. Circa 60 Opere di trenta Artisti, in gran Bretagna lavorare, a partire dalle 22. Aprile 2019 raggruppate per tema fianco a fianco.

“Pauline Bunny”, Opera di Sarah Lucas (1997)

La Mostra collettiva “non esplicitamente femminista Guarda”, spiega Andrea Schlieker, Mostre Direttrice della Tate Britain. “Per noi si tratta di Internazionalità nel regno unito Kunstentwicklung dimostrare”, sottolinea.

La diversità e l’Internazionalità sia Segno di “Britishness”. Tra gli altri a riconoscere nelle Opere Video e Installationskünstlerinnen Susan Hiller e anglo-palestinese Mona Hatoum, nei Dipinti dell’Artista tedesco Tomma Abts, nel 2006, il Turner vinto e in opere di Bridget Riley, Rachel Whiteread o Sarah Lucas.

Storia dell’arte attimo riscrittura

Anche il Dialogo tra anziani e giovani Generazioni di Artisti sottolinea Domande di “Geografia politica”, di Identità, di Colore e Famiglie saranno affrontati. Così, l’anglo-afro-caraibica Artista Sonia Boyce una Serie di foto, in cui perplesso Passanti in diversi Modi a Rimettere Afro Parrucca rispondere.

Bridget Riley ha creato tra il 1980 e il ’85, una Serie di Streifengemälden, tra cui “Achæan” (1981)

Per il 2020 prevede la Tate Britain una Umhängung della vostra intera Collezione di “partire dal basso”, Didascalie dovranno scritto e scarsi notato Arte più presentati, annuncia Schlieker. Si dovrebbe non solo l’Eredità coloniale della Collezione critico sotto la Lente d’ingrandimento, ma anche Questioni come il Genere e Colore della pelle di una nuova valutazione. “Stiamo cercando di tutto pronta per una nuova avventura e la storia dell’Arte in gran parte di riscriverlo.”

Soloschauen per Artisti

Alla Tate Modern, la Casa d’Arte Moderna, segue una Direttrice di Frances Morris lo stesso principio di Uguaglianza, con una Serie di Soloschauen per Artisti di Anni Albers fino a Dora Maar e Dorothea Tanning. Non senza Orgoglio, alla Tate sottolineato che il prestigioso Turner-Concorso negli ultimi otto Anni, sei un Artista è stato assegnato. “Viviamo in positivo e fecondo di Tempo per la Frauenkunst”, commenta Maria Balshaw con Orgoglio.