Apple dovrebbe riportare il Boot Camp, ecco perché

0
2

Concetti chiave

  • Boot Camp era uno strumento utile per i Mac per eseguire Windows; la sua assenza sui nuovi chip Apple Silicon è deludente.
  • Apple ora consiglia macchine virtuali per sistemi operativi alternativi, ma manca il supporto completo per attività come WSL o alcuni giochi.
  • Le opzioni di virtualizzazione come Parallels Desktop possono essere costose, mancano di funzionalità e presentano limitazioni nelle prestazioni del gioco.

I moderni desktop e laptop Mac di Apple con chip Apple Silicon sono computer fantastici, con prestazioni eccellenti e la migliore efficienza energetica della categoria. Tuttavia, qualcosa di importante è andato perso nella transizione dai processori Intel: Boot Camp.

Boot Camp è stato rivelato per la prima volta nel 2006, quando Apple era nelle prime fasi di spostamento della sua linea di computer Mac dai processori PowerPC di IBM ai chip x86 di Intel.

Uno dei vantaggi del passaggio alla stessa architettura del processore dei PC era che ora i Mac potevano eseguire il sistema operativo Windows senza emulatori o macchine virtuali. Boot Camp è stato creato come un'utilità per aiutarti a partizionare l'unità del tuo Mac per un dual-boot, eseguire il programma di installazione di Windows e infine installare i driver richiesti per l'hardware Apple.

Anche se Apple voleva che le persone acquistassero computer Mac perché non erano PC Windows, l'azienda riconosceva comunque il valore di eseguire Windows in modo nativo per alcune attività. Phil Schiller, che all'epoca era il vicepresidente marketing di Apple (e ora gestisce l'App Store e gli eventi aziendali di Apple), ha discusso i vantaggi nell'annuncio originale del 2006.

Apple non ha alcun desiderio né intenzione di vendere o supportare Windows, ma molti clienti hanno espresso il loro interesse a eseguire Windows sull'hardware superiore di Apple ora che utilizziamo i processori Intel. Pensiamo che Boot Camp renda il Mac ancora più attraente per gli utenti Windows che stanno considerando di effettuare il passaggio.

Quando Boot Camp è stato completamente rilasciato come funzionalità opzionale in Mac OS X 10.5 Leopard, è diventato uno strumento prezioso per software di produttività, giochi e app di nicchia solo per Windows che non possono funzionare su macchine virtuali. Potrebbe essere utilizzato anche per Linux e quasi tutti gli altri sistemi operativi progettati per computer x86 standard. Un Mac ora potrebbe essere un PC da gioco, una workstation Linux completamente supportata o un server domestico personalizzabile, oltre ad essere un Mac.

All'epoca utilizzavo ampiamente Boot Camp sul mio Mac Mini di fine 2014, inizialmente solo per giocare a giochi solo per Windows. Alla fine, ho iniziato a utilizzare Windows 7 su Boot Camp per la maggior parte delle attività del mio computer, poiché macOS è diventato sempre più inutilizzabile sui dischi rigidi rotanti, come l'unità principale di quel Mac Mini. Apple non ha mai supportato Boot Camp così bene: puoi trovare molti esempi di driver che si comportano male, ma era meglio di niente.

La fine del campo di addestramento

Apple ha introdotto il suo chip M1 nel 2020, insieme ai primi MacBook Air e Mac Mini alimentati da M1. Proprio come la transizione dai chip PowerPC ai chip Intel a metà degli anni 2000, i nuovi chipset Apple Silicon hanno offerto ai computer Mac maggiore efficienza energetica e prestazioni rispetto a quanto era possibile con i processori precedenti.

Sfortunatamente, il passaggio ai chip personalizzati significa che i Mac non possono eseguire in modo nativo sistemi operativi progettati per i tradizionali computer x86. Non esiste un firmware bootloader UEFI standard, la CPU ora è basata su progetti ARM invece che su x86 a 64 bit e l'architettura grafica e di memoria unificata personalizzata di Apple non è come qualsiasi altra cosa nell'ecosistema PC . Per questi motivi, e probabilmente per molti altri, Boot Camp non è presente sui Mac con chip M1 o successivi.

Anche se Apple non ha implementato Boot Camp sui suoi computer più recenti, non ha bloccato completamente i sistemi operativi alternativi. Il progetto Asahi Linux ha compiuto progressi significativi nell'esecuzione di Linux nativo sui Mac Apple Silicon, sebbene non sia ancora così raffinato come Linux su un PC x86 standard.

La nuova soluzione consigliata da Apple per l'esecuzione di sistemi operativi alternativi sui computer Mac sono le macchine virtuali. L'azienda ha creato un framework di virtualizzazione appositamente per questo e, su macOS 13 e versioni successive, puoi persino utilizzare il livello di traduzione Rosetta di Apple per eseguire software Linux basato su x86 in macchine virtuali ARM Linux.

Le macchine virtuali sui Mac moderni sono fantastiche. Puoi utilizzare applicazioni come UTM, Parallels Desktop o VMWare Fusion per eseguire ARM Linux o Windows su ARM e le prestazioni generali sono state eccellenti sul mio MacBook Air M1 e sul mio Mac Mini M1. Ho giocato per ore a Civilization VI in Windows sul mio MacBook Air, che non è solo in esecuzione in una macchina virtuale, ma traduce anche in tempo reale da x86 alle istruzioni ARM di Windows. Sembra che sarebbe insopportabilmente lento, ma il gioco è ancora completamente giocabile.

Riporta il campo di addestramento

Anche se le macchine virtuali sono generalmente ottime sui moderni computer Mac, non sostituiscono completamente Boot Camp. I Mac Apple Silicon attualmente non supportano la virtualizzazione annidata, quindi alcune attività non funzionano affatto, come WSL in Windows. Esiste il supporto hardware per la virtualizzazione annidata nei chip M2 e M3, ma le funzionalità di virtualizzazione di Apple non lo supportano ancora.

Anche i giochi rappresentano un miscuglio nella virtualizzazione. Il software di virtualizzazione UTM gratuito non supporta affatto l'accelerazione GPU e VMWare Fusion e Parallels Desktop supportano solo DirectX 11. I giochi e altri software con accelerazione 3D che richiedono Vulkan o DirectX 12 non funzionano. Molti altri giochi dispongono anche di un software anti-cheat che vede una macchina virtuale o una traduzione x86 come un hacking e si rifiuta di essere eseguito: ecco perché non posso giocare a Fallout 76 sui miei Mac.

Infine, i costi e l'accessibilità sono un problema con la virtualizzazione. UTM è gratuito e open source, ma mancano funzionalità come l'accelerazione grafica e la facile condivisione dei file. VMWare Fusion è un prodotto a pagamento con una versione gratuita un po' nascosta disponibile per uso personale.

Parallels Desktop è la soluzione migliore, ma è anche incredibilmente costosa. La Pro Edition costa $ 120 all'anno e questo è un costo per computer. Se hai due computer Mac, preparati a pagare $ 240 ogni anno per il privilegio di eseguire il software Windows.

Boot Camp non era eccezionale, ma era un'utilità gratuita per tutti coloro che possedevano un Mac Intel. Apple non ha smesso di fornire fantastiche applicazioni integrate per i suoi dispositivi, ma nell'era Apple Silicon, l'azienda ha lasciato il supporto di Windows e Linux a sviluppatori di terze parti.

Apple non ha bisogno di rilanciare Boot Camp: l'azienda sta andando bene e i Mac moderni sono ancora computer fantastici. Potrebbe non essere nemmeno tecnicamente fattibile eseguire Windows in modo nativo su Apple Silicon senza modifiche strutturali significative a Windows o all'hardware.

Tuttavia, dovrebbe davvero esistere una soluzione ufficiale per eseguire applicazioni e giochi Windows su Mac. Se questo non è un dual boot simile a Boot Camp, allora qualcosa di gratuito e paragonabile a Parallels o VMWare sarebbe fantastico. Apple ha rilasciato un Game Porting Toolkit in grado di eseguire alcuni software Windows, ma proprio come il framework di virtualizzazione, non è confezionato in un modo che sia facile da provare per le persone normali.

Il Boot Camp non è stato perfetto, ma mi manca molto e non voglio dare altri soldi a Parallels.