La modalità di navigazione privata di Chrome non è realmente privata

0
3

Ciò potrebbe non sorprendere, ma Google ha raccolto i tuoi dati privati ​​mentre navigavi in ​​modalità di navigazione in incognito di Chrome. Una causa legale collettiva sta ora costringendo il colosso della ricerca a eliminare questi dati e ad aggiornare le impostazioni sulla privacy predefinite di Incognito di Chrome.

Sin dalla sua introduzione, la modalità di navigazione in incognito di Chrome è stata considerata una modalità di "navigazione privata" modalità. Questa descrizione è solo parzialmente accurata. Sì, la modalità di navigazione in incognito può nascondere la cronologia di navigazione al tuo coniuge e fornisce una "tabula rasa" senza alcun accesso attivo al sito Web, ma non blocca i tracker né fornisce funzionalità sostanziali di protezione della privacy.

Alcuni utenti sono ben consapevoli delle funzionalità della modalità di navigazione in incognito (o della loro mancanza). Ma la maggior parte degli utenti non ne è consapevole. Sanno solo che quando aprono la modalità di navigazione in incognito, gli viene detto “ora puoi navigare in privato”.

Questa discrepanza è diventata il fulcro di un'azione legale collettiva nel 2020. I difensori della privacy hanno accusato Google di aver raccolto "dati personali e sensibili" da utenti in incognito “senza divulgazione o consenso”. La raccolta dei dati è stata effettuata tramite i servizi web di Google (Ricerca, Maps, ecc.), tracker di annunci Google incorporati nel sito Web e software di proprietà di Google eseguito sui dispositivi degli utenti (come Android).

Si tratta degli stessi metodi di raccolta dati che Google utilizza quando la navigazione in incognito è disabilitata. Google non nega di raccogliere dati dagli utenti di navigazione in incognito e afferma che questa forma di raccolta di dati è consensuale.

In ogni caso, la class action sembra aver raggiunto un accordo. Google ha accettato di eliminare (o rendere anonimi) tutti i dati privati ​​raccolti dalle sessioni di navigazione in incognito prima di dicembre 2023 e ora bloccherà i cookie di terze parti in modalità di navigazione in incognito per impostazione predefinita. Gli utenti che aprono la modalità di navigazione in incognito troveranno anche una spiegazione più dettagliata delle funzionalità della funzionalità.

Per quanto riguarda l’impatto di questo accordo, beh, sono cinico. Non sappiamo quali dati Google stia cancellando e se qualcuno di questi dati è stato venduto agli inserzionisti o utilizzato per la profilazione degli annunci, il danno è già stato fatto. Sì, la modalità di navigazione in incognito è leggermente più sicura di prima. Bloccare i cookie di terze parti per impostazione predefinita è un passo nella giusta direzione. Ma è una direzione che Chrome ha già abbracciato, poiché Google sta attualmente lavorando per sostituire i tradizionali sistemi di targeting degli annunci con la sua Privacy Sandbox.

Tieni presente che l'accordo non è stato finalizzato, anche se sembra che stia andando in quella direzione. Inoltre, i querelanti non sono riusciti a garantire denaro in questo accordo transattivo, quindi tutti gli individui che si sentono autorizzati a ricevere un risarcimento monetario devono presentare la propria richiesta al tribunale degli Stati Uniti.

Se sei seriamente preoccupato per la privacy sul Web, devi impegnarti e pensare in modo critico. Google è la più grande società pubblicitaria del mondo. Intercettare, raccogliere e vendere dati è il suo lavoro e dovere. Se la modalità di navigazione in incognito proteggesse effettivamente gli utenti dal tracciamento, non sarebbe offerta in Chrome.

Fonte: NPR