Il Primo Ministro di Modi, Mauritius, inaugura la pista di atterraggio, il molo e altri 6 progetti

0
5

Nell'ambito di un progetto strategico per garantire la sicurezza marittima e la connettività alle isole Agalega di Mauritius, giovedì il primo ministro Narendra Modi e il primo ministro Pravind Jugnauth hanno inaugurato virtualmente una pista di atterraggio e un molo.

Prime Il ministro Narendra Modi ha affermato che i due paesi stanno lavorando attivamente per garantire sicurezza, prosperità e stabilità nella regione dell'Oceano Indiano.

Definendolo un “giorno storico”, il Primo Ministro delle Mauritius Pravind Jugnauth ha affermato che questi progetti “miglioreranno la capacità e le capacità dell'isola nella sorveglianza e nella sicurezza marina, raggiungendo al tempo stesso gli obiettivi di sviluppo”.

Pubblicità Leggi anche | Per gli indù di Mauritius, il tempio di Ram li collega alla loro identità

L'iniziativa di sviluppare e costruire la nuova pista di atterraggio e il molo è arrivata dopo la visita di Modi nell'isola nel marzo 2015. Jugnauth ha affermato che dal 2003 sono stati fatti diversi tentativi per migliorare la pista d'atterraggio, ma non si è concretizzato nulla di concreto.

“Il protocollo d'intesa del marzo 2015 (per ammodernare la pista di atterraggio e il molo Set James) riflette l'impegno dell'India ad assistere continuamente Mauritius nel raggiungimento dei suoi obiettivi di sviluppo soddisfacendo i principi di reciproco vantaggio, rigoroso rispetto dei sacrosanti principi di sovranità e integrità territoriale.”

“Non c’è mai stato alcun programma per cui Mauritius rinunciasse alla propria sovranità sulle isole Agalega, come alcune persone malate di mente dentro e fuori Mauritius hanno tentato di far credere. Allo stesso modo, non c'è mai stato alcun programma per trasformare Agalega in una base militare… qui, desidero deplorare e condannare con forza la campagna contro l'India, hanno commentato alcune persone a Mauritius.”

Leggi anche | Leggi sul riciclaggio di denaro: un'azienda collegata agli investitori Adani ha perso le licenze a Mauritius

Ha affermato che ciò porterà a una sorveglianza e a un monitoraggio più efficaci della vasta ZEE di 2,3 milioni di chilometri quadrati di Mauritius, e che sarà in una posizione migliore per avviare azioni di lotta alla pirateria, al terrorismo, al narcotraffico, alla lotta al traffico di esseri umani, alla lotta pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata.

Pubblicità

Ha affermato che queste strutture saranno di fondamentale importanza anche per “le risposte alle emergenze, tra cui la ricerca e il salvataggio, l’inquinamento marino e l’assistenza umanitaria”. Inoltre, ha affermato, queste nuove infrastrutture e strutture genereranno “attività economiche significative, opportunità di lavoro che, insieme agli altri sei progetti… che abbiamo inaugurato oggi, contribuiranno notevolmente a migliorare la qualità della vita dei nostri fratelli e sorelle Agalegan”.

I progetti finanziati dall'India nell'isola Agalega di Mauritius sono considerati importanti in quanto si prevede che miglioreranno la connettività, nonché la sicurezza e la sorveglianza marittima nella regione strategica dell'Oceano Indiano.

Leggi anche | Mentre l'UPI viene lanciata in Sri Lanka e Mauritius, il Primo Ministro Modi la definisce “unire i partner con l'India”

Modi ha segnalato le preoccupazioni per le sfide nella regione dell'Oceano Indiano e ha affermato che India e Mauritius sono “partner naturali” nel settore marittimo per affrontarle .

“Molte sfide tradizionali e non tradizionali stanno emergendo nella regione dell'Oceano Indiano. Tutte queste sfide riguardano la nostra economia. India e Mauritius sono partner naturali nel campo della sicurezza marittima per affrontare le sfide”, ha affermato.

Pubblicità

“Stiamo lavorando attivamente per garantire sicurezza, prosperità e stabilità nella regione dell'Oceano Indiano”, ha affermato. ha detto.

© The Indian Express Pvt Ltd