Recensione POCO X6 Pro 5G

0
5

In una parola? Equilibrato. Finalmente uno smartphone medio/base di gamma che non arriva con alcune specifiche super pompate e poi altre che lasciano a desiderare. Questo Poco X6 Pro fa tutto quello che deve fare e lo fa anche bene ma soprattutto.. Arriva ad un prezzo sensato!

Peso e dimensioni

160.5 x 74.3 x 8.3
186 g

Sistema operativo

Android 14, HyperOS

Storage

256 GB

Display

6.67″
1220 x 2712 pixel

Camera

64 mpx f/1.7
Frontale 16 mpx

SOC e RAM

Mediatek Dimensity 8300 Ultra (4 nm)
RAM 8 GB

Rete

HSPA, LTE-A, 5G

Batteria

5000 mAH Scheda tecnica completa

Confezione e contenuto

La recensione di questo X6 Pro 5G inizia bene, perché come sempre iniziamo dalla confezione e oggi la troviamo davvero completa. Poco fornisce infatti il cavo da USB-A a USB-C, l’alimentatore da 67W e anche una cover in silicone carina e ben fatta.

Materiali design e touch-and-feel

Lo spessore è pari a 8,3 millimetri e se lo uniamo al peso di 186 grammi otteniamo uno smartphone abbastanza sottile e leggero ma che soprattutto, complice anche il design, in mano si tiene bene e non scivola. Prova ergonomia superata e poi io ho provato la versione nera, che ha la back cover in plastica, quindi immagino che il giallo essendo invece rivestito in una specie di simil pelle riesca a fare ancora più grip. In ogni caso c’è anche la certificazione di resistenza ad acqua e polvere IP54.

L’always-on diciamo che c’è ma si attiva solo al tocco, quindi non è letteralmente “always”on. In quanto a connettività troviamo 5G, WiFi6 dual-band, Bluetooth 5.4, GPS, NFC, Android Auto, Google Pay e connettore USB-C che non ha l’uscita video.

Display

Il display è un AMOLED da 6.67″ con risoluzione 1.5K, refresh rate a 120Hz e luminosità di picco che arriva a 1.800 nits. Il tutto protetto da vetro Corning Gorilla Glass 5. Si tratta di un pannello piacevole da guadare e di ottima qualità per la fascia di prezzo, la luminosità è più che buona e i colori sono tarabili quindi davvero nulla da dire.

Processore e memoria

Il processore a bordo di questo X6 Pro è il Dimensity 8300 Ultra a 4nm ottimizzato direttamente con MediaTek per ottenere il massimo delle prestazioni in tutto, gaming compreso e affiancato da 8/12GB di RAM LPDDR5X e 256/512GB di memoria interna UFS 4.0.

Batteria

La batteria è una 5.000mAh, 25Wh, con ricarica cablata a 67W (100% in 45 minuti) che viene protetta dalle ottimizzazioni dedicate alla ricarica notturna e che mi ha portato a fine giornata con circa il 25% residuo, quindi non male ad autonomia.

Software ed ecosistema

Il software preinstallato sul Poco X6 Pro è Android 14 con le patch di sicurezza aggiornate a gennaio, quindi molto bene e poi sono garantiti 3 major update e 4 anni di patch. L’interfaccia è nuova perché finalmente Xiamo ha rinnovato la sua MIUI che adesso si chiama HyperOS e si, ci voleva. Nessuno stravolgimento, sia chiaro, però è stata alleggerita, è più matura e non presenta bug al lancio, non c’è più il dwawer obbligatorio e ci sono varie personalizzazioni estetiche carine.

Reparto telefonico

Sul reparto telefonico troviamo luci ed ombre, nel senso che il dialer è quello di Google e permette anche di registrare le chiamate, rarità che apprezzo, però d’altro canto non c’è la compatibilità con le eSIM e come dico sempre in viaggio sono molto comode. Ricezione e qualità audio invece sono nella media, nulla da segnalare. Xiaomi viene spesso criticata per l’affidabilità del sensore di prossimità e purtroppo anche qui credo sia stato usato quello virtuale perché non mi è sembrato affidabile al 100%. Nulla di grave, anzi, sulle chiamate non ho avuto problemi ma qualcosa quando si vanno ad ascoltare gli audio su WhatsApp sì, speriamo venga risolto.

Foto e video

Il comparto camere è composto da:

  • camera principale 64MP stabilizzata otticamente,
  • camera ultra-grandangolare da 8MP,
  • camera macro da 2MP,
  • camera interna da 16MP.

Gli scatti e i video registrati convincono, stiamo parlando di un medio/base di gamma e pur non avendo chissà quali pretese li ho trovati sopra la media dei suoi diretti concorrenti. Unico neo il fatto che la grandnagolare arrivi solo fino al 1080 30fps mentre la principale registra anche in 4K 30fps.

Audio

Volume, volume davvero alto, forse i bassi non sono proprio i più potenti che abbia mai sentito ma grazie al volume si fa apprezzare.

App e gaming

Il MediaTek scelto da Poco si è rivelato una scelta azzeccata, le prestazioni sono ottime, non avremo un top di gamma ma non ho notato nessun problema di prestazioni e fluidità, nemmeno con le app più pesanti. Il feedback della vibrazione è nella media, non il più preciso mai visto ma nemmeno da criticare per la fascia di prezzo.

Giudizio finale

Finalmente! Finalmente un telefono di questa fascia che esce con un prezzo sensato e giusto per quello che offre. La versione 8/256GB viene proposta a 349 euro e secondo me ci stanno. Questo X6 Pro si è dimostrato maneggevole, costruito bene ed equilibrato, senza comparti troppo spinti che poi vengono bilanciati con altri pessimi. Qui ogni cosa fa quello che deve fare e non è così scontato! Se non avesse avuto quel piccolo problema con il sensore di prossimità su WhatsApp sarebbe già un best buy, speriamo venga risolto!

POCO X6 Pro – Smartphone 8+256GB, Schermo Amoled 6.67 120HZ 1.5K, Snapdragon 7s Gen 2…Acquista ora su Amazon! 349,90 €