Chris Christie entra formalmente nella corsa del 2024, mentre prende di mira Trump

0
57

Chris Christie, l'ex governatore del New Jersey che è stato eclissato da Donald Trump nelle primarie presidenziali del 2016, ha depositato documenti martedì dicendo che avrebbe cercato la nomination repubblicana del 2024, organizzando una rivincita con l'ex presidente ed espandendo il campo di Candidati GOP.

Nella sua seconda corsa alla presidenza, Christie, 60 anni, si è posizionata come la persona più disposta ad attaccare sia Trump, il suo ex amico diventato avversario, sia il governatore della Florida Ron DeSantis, che da mesi è al secondo posto in quasi tutti i sondaggi primari repubblicani pubblici. La presenza di Christie in gara potrebbe essere sgradita a DeSantis, per il quale ogni candidato in più compromette la sua capacità di consolidare il sostegno.

Christie, che martedì sera annuncerà la sua corsa a un evento in stile municipio nel New Hampshire, ha ha già iniziato a presentare un caso aggressivo contro Trump basato sulle politiche dell'ex presidente, vale a dire che ha fatto una serie di promesse che non ha mai mantenuto.

Quel caso è un caso che altri promettenti hanno generalmente eluso, invece in gran parte evitando di pronunciare il nome di Trump. Al contrario, Christie si è rivolta direttamente a lui.

Ha preso in giro le dimensioni della folla in diminuzione di Trump, lo ha definito un perdente e ha detto che con le sue azioni ha oltrepassato il limite che ha portato una folla pro-Trump ad attaccare il Campidoglio il 6 gennaio 2021.

E lo ha fatto si è descritto come in grado di catturare la nomination. “Sono la valida alternativa a Trump”, ha recentemente dichiarato Christie a The Daily Beast.

Tuttavia, il percorso di Christie per vincere la nomination è complicato. È un repubblicano nord-orientale che non è stato invischiato nelle guerre culturali dell'era Trump. Il suo percorso principale sarebbe necessariamente attraverso il New Hampshire, uno stato in cui ha condotto una feroce campagna nel 2016 ma alla fine non è riuscito. E per ottenere trazione, dovrà fare affidamento sull'attenzione dei dibattiti sui candidati.

Pubblicità

La sua campagna dipenderà in larga misura dalla copertura mediatica e dall'agilità nel recarsi nei luoghi in cui ciò è più probabile. Il New Hampshire è lo stato in cui inizierà la sua campagna, ma non necessariamente dove si rifugierà.

Deve ancora soddisfare i criteri fissati dal Comitato nazionale repubblicano per accedere a quella fase di dibattito, che include 40.000 donatori unici.

Tuttavia, se ce la fa, come un tempo amico di Trump, ha una profonda conoscenza dell'ex presidente e di come entrare nella sua pelle. A seconda di come va la gara, l'impatto principale di Christie potrebbe essere quello di danneggiare gravemente Trump, che ha attaccato con entusiasmo. Ma è stato incoraggiato da un certo numero di donatori repubblicani e alti funzionari nelle ultime settimane, in particolare quando DeSantis è inciampato prima ancora di diventare un candidato formale.

Pubblicità

Christie, ex procuratore federale, si troverà in una posizione unica per attaccare i vari travagli legali di Trump, poiché Trump è il primo ex presidente ad essere incriminato e sta affrontando il potenziale per ulteriori incriminazioni in altri casi.

Tuttavia, Christie dovrà affrontare domande sulla sua conversione da sostenitore di Trump a detrattore . (Trump, dopo aver lasciato l'incarico, ha definito Christie “un opportunista”.)

Christie era uno dei favoriti di alcuni repubblicani per candidarsi alla nomination nella campagna del 2012, quando era uno dei governatori più famosi del paese, noto per aver aggrovigliato i leader sindacali e spacciato per sapere come bilanciare un budget. Ma invece di correre quell'anno, mentre la sua stella stava sorgendo, ha scelto di concentrarsi sulla candidatura per la rielezione, ricevendo l'attenzione nazionale per la sua risposta durante il devastante uragano Sandy e le critiche di alcuni repubblicani per essere apparso con il presidente Barack Obama nel New Jersey giorni prima l'elezione in un evento legato alle conseguenze della tempesta.

La rabbia tra i repubblicani presagiva un ambiente politico in cui i repubblicani punivano i loro funzionari eletti per la cortesia con i democratici.

Quando Christie annunciò era candidato alla presidenza nel 2015, quando non c'era più un democratico in carica, la sua candidatura era stata ostacolata dal cosiddetto scandalo di vendetta politica Bridgegate che aveva sommerso la sua amministrazione due anni prima.

Christie ha negato il coinvolgimento nel presunto schema di rimborso che prevedeva la chiusura delle corsie sul ponte George Washington per vendicarsi di un oppositore politico del governatore, e le condanne contro due imputati sono state annullate nel 2020 dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Ma a quel punto, le fortune politiche di Christie erano state danneggiate.

Leggi anche

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump incriminato in un documento riservato… ” />

Drammatico riscaldamento nell'Oceano Pacifico, El Nino ritorna dopo 7 anni, dichiara…

La Cina costruirà una base di spionaggio a Cuba, affermano i media; Stati Uniti e Cuba mettono in dubbio la ri…

Crollamento della diga di Kakhovka in Ucraina: la causa, l'impatto e ciò che sappiamo finora

Dopo aver abbandonato la corsa del 2016, Christie ha appoggiato Trump quel febbraio, uno dei primi repubblicani nazionali di spicco a farlo COSÌ. Tale approvazione è stata preziosa per Trump mentre cercava di fare appello ai repubblicani che erano scettici nei suoi confronti per i suoi commenti che chiedevano il divieto di ingresso dei musulmani nel paese o per le sue dichiarazioni misogine sulla conduttrice di Fox News Megyn Kelly.