L'UE mira a un maggiore ruolo di sicurezza dell'Asia tra le tensioni con la Cina

0
46

Scritto da David Hutt

Alti funzionari della difesa europea hanno utilizzato un importante vertice a Singapore nel fine settimana per precisare le loro visioni per un maggiore impegno sulla sicurezza nell'Indo-Pacifico tra le preoccupazioni sulla Cina.

Josep Borrell, capo della politica estera dell'Unione Europea, ha detto allo Shangri -La Dialogue, il massimo forum sulla sicurezza in Asia, dove Europa e Asia hanno una “parte in gioco diretta” nella reciproca sicurezza.

“Dobbiamo lavorare insieme per evitare uno scontro nella regione,” Borrell ha detto al forum. “Niente è lontano in un mondo globalizzato.”

Mentre cresce la tensione sulle ambizioni strategiche di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, l'Europa sta cercando di sviluppare una risposta coesa.

Da leggere | Sondaggio: l'influenza dell'UE aumenta nel sud-est asiatico

Un potenziale punto critico è Taiwan, un'isola autogovernata che Pechino considera territorio cinese e che un giorno sarà “riunita” con la terraferma. Questa è una delle principali fonti di tensione tra Stati Uniti e Cina.

Pechino rivendica anche il controllo di quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, nonostante un tribunale internazionale abbia stabilito che non ha basi legali per la maggior parte delle sue rivendicazioni.< /p>Pubblicità

Sabato, mentre il forum era in corso, il Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti ha annunciato che un cacciatorpediniere navale statunitense, l'USS Chung-Hoon, è stato costretto a cambiare rotta per evitare una collisione con una nave della marina cinese durante il suo passaggio attraverso lo Stretto di Taiwan tra Cina e Taiwan.

La Cina rifiuta l'incontro con gli Stati Uniti, si siede con l'Europa

Il ministro della Difesa cinese Li Shangfu ha avvertito il forum che qualsiasi tentativo di separare Taiwan dalla Cina sarebbe stato accolto da una risposta militare senza “temere alcun avversario e indipendentemente dal costo”.

Li ha anche lamentato che i paesi al di fuori della regione “tentativi di fomentare problemi” inviando le loro navi da guerra in esercitazioni di libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale, dove Pechino contende il territorio a diverse nazioni del sud-est asiatico.

Annunci Leggi anche | L'UE sta perdendo la battaglia per i diritti umani in Asia?

Pechino rivendica il controllo di quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, nonostante un tribunale internazionale abbia stabilito che non ha basi legali per la maggior parte delle sue rivendicazioni.

Sebbene Li non abbia incontrato il suo omologo statunitense, Lloyd Austin, il cinese ufficiale si è seduto per discutere con i funzionari europei, tra cui Borrell e il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius.

Il capo della politica estera dell'UE in seguito ha definito l'incontro “costruttivo” e ha twittato che Bruxelles vuole “continuare a sviluppare relazioni UE-Cina basate sulla fiducia e sul rispetto del diritto internazionale”.

Borrell ha anche affermato al forum che l'UE farebbe di più per impegnarsi con i paesi della regione per aiutare a preservare la stabilità.

Durante il suo discorso, Borrell ha sottolineato che sebbene l'UE abbia mantenuto un approccio leggero nel passato sulle questioni di sicurezza, ha promesso che Bruxelles intende esercitare maggiori sforzi per mantenere la pace nella regione. “Puoi contare su di noi,” disse.

Pubblicità

“Il coinvolgimento sta aumentando lentamente ma inesorabilmente, anche se partendo da un punto di partenza molto basso,” ha detto Felix Heiduk, senior associate presso l'Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza.

Ha spiegato | Cosa c'è in serbo per le economie asiatiche emergenti nel 2023?

Nel sud-est asiatico, i sondaggi di “élite” Secondo l'Istituto ISEAS-Yusof Ishak di Singapore, l'opinione pubblica nella regione mostra che l'UE è affidabile per difendere il diritto internazionale e come partner per la sicurezza.

Pubblicità

La cooperazione in materia di sicurezza è uno dei pilastri di un partenariato strategico ratificato nel 2020 tra l'UE e l'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN).

Il blocco ha firmato accordi di difesa con il Vietnam e sta attualmente negoziando accordi di partenariato e di libero scambio con altri paesi della regione.

Pubblicità

Diverse nazioni europee, tra cui Germania e Francia, si sono impegnate in esercitazioni di libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale, che sono viste come una risposta a Le rivendicazioni marittime della Cina.

Il ministro della Difesa tedesco Pistorius ha annunciato al forum che la Germania invierà una fregata e una nave di rifornimento nel Mar Cinese Meridionale il prossimo anno come parte delle esercitazioni sulla libertà di navigazione, a seguito di un precedente dispiegamento nel 2021.

Piuttosto che essere volte a scoraggiare la Cina, ha sottolineato che le esercitazioni sono “dedicate alla protezione dell'ordine internazionale basato su regole a cui tutti abbiamo aderito e di cui tutti dovremmo beneficiare – sia nel Mediterraneo, nel Golfo del Bengala o nel Mar Cinese Meridionale.”

Il ruolo dell'UE nella sicurezza rimane limitato

Borrell ha ammesso all'inizio del suo discorso al forum sulla sicurezza che “l'Europa è ancora ampiamente vista come un attore extraregionale con un impatto limitato sulla le dinamiche di sicurezza regionale dell'Indo-Pacifico o dell'Asia.”

Da non perdere | Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg: “La sicurezza non è più regionale… ciò che accade in Asia è importante per l'Europa”

“Il mio messaggio principale,” ha aggiunto, “è che l'Unione europea è un partner affidabile per la sicurezza. Non siamo una classica alleanza militare; non siamo una grande potenza tradizionale che fa il suo peso. Non abbiamo la 6a o la 7a flotta da schierare nell'Indo-Pacifico.

Tuttavia, Borrell ha affermato che alcuni paesi europei “hanno una certa capacità tecnologica che vogliamo sviluppare per diventare uno ‘smart enabler,’ investire nella sicurezza condivisa.”

Shada Islam, un commentatore con sede a Bruxelles sugli affari dell'UE, ha detto a DW che la maggior parte dei paesi asiatici sa che l'UE non diventerà un vero attore della sicurezza, alla pari con gli Stati Uniti o la Cina, “e non vogliono che accada in qualunque momento presto.

Il valore dell'UE nella regione, ha aggiunto, sono le sue credenziali di sicurezza morbida o non tradizionale, dalla lotta alla pirateria e alla pesca illegale lotta ai cambiamenti climatici e alla povertà. In effetti, gli analisti ritengono che l'impegno europeo possa trarre vantaggio da una forma di cooperazione di basso profilo e poco controversa.

Tuttavia, questo basso profilo ha limitato il coinvolgimento europeo nelle piattaforme di sicurezza formale in Asia. Solo di recente l'UE è stata autorizzata a partecipare all'annuale East Asia Summit (EAS), il principale forum indo-pacifico per il dialogo strategico.

Anche i funzionari europei sono esclusi dalla riunione dei ministri della Difesa dell'ASEAN 8217; Meeting Plus (ADMM-Plus), un forum guidato dalla regione.

L'Unione Europea, la Francia, la Germania e il Regno Unito hanno ancora richieste di adesione in sospeso, anche se la Francia e il Regno Unito parteciperanno quest'anno a diverse iniziative di esperti create da ADMM-Plus. Gruppi di lavoro, che sono piattaforme di discussione di livello inferiore.

Xuechen Chen, assistente professore di politica e relazioni internazionali presso la Northeastern University di Londra, ha dichiarato a DW che è improbabile che l'UE aderisca all'ADMM -Più a breve termine.

“L'UE si considera un attore critico per la sicurezza, in particolare nelle aree di sicurezza non tradizionali,” lei disse. “Tuttavia, l'ASEAN e i suoi Stati membri vedono ancora l'UE principalmente come una potenza di mercato e un importante attore economico, piuttosto che un attore della sicurezza nella regione.”

C'è anche un problema con la rappresentazione, complicando ulteriormente l'impegno. La Cina e la Russia, e potenzialmente l'India, che sono stati membri dell'ADMM-Plus per anni, si oppongono all'adesione di molte altre democrazie occidentali ai quadri regionali. Francia e Germania spesso vogliono partecipare individualmente, ma alcuni governi asiatici preferirebbero un contingente europeo centralizzato.

Leggi anche

Una barca che trasporta 180 Rohingya i profughi sono scomparsi. Una frenetica telefonata aiuta…

< /figure>Il crollo di una grande diga nell'Ucraina meridionale innesca l'emergenza mentre Mosca e…

L'India è una democrazia vibrante, vai a Delhi e guarda di persona: Casa Bianca

Il Nepal Oppn accusa il Primo Ministro di “svendita” all'India al suo ritorno, la Corte Suprema sta…

“Ciò che l'Asia non fa vogliono che decine di ministri europei si uniscano a questi incontri e complichino le discussioni,” ha detto l'Islam.