Mantieni la legge sulla sedizione con emendamenti chiave, raccomanda la Law Commission

0
60

Al fine di prevenire qualsiasi “presunto uso improprio” della disposizione, la Law Commission of India ha proposto di mantenere la legge sulla sedizione con importanti emendamenti.

“Chiunque con parole, parlate o scritte, o con segni, o con rappresentazioni visibili, o altro, porti o tenti di indurre all'odio o al disprezzo, o susciti o tenti di suscitare disaffezione nei confronti del Governo stabilito dalla legge in India, con tendenza a incitare alla violenza o causare disordine pubblico. essere punito con la reclusione a vita, a cui può essere aggiunta la multa, o con la reclusione di qualsiasi tipo per un periodo che può estendersi a sette anni, a cui può essere aggiunta la multa, o con la multa”, ha proposto la Commissione nella sua 279a relazione.

La Commissione è attualmente guidata dall'ex giudice capo dell'Alta Corte del Karnataka Ritu Raj Awasthi. Il rapporto afferma che il ministero dell'Interno ha deferito la questione alla Commissione nel 2016.

Le parole qualificanti “tendenza a incitare alla violenza”, ha affermato la Commissione, significherebbero “semplice inclinazione a incitare alla violenza o causare disordini pubblici piuttosto che la prova di violenza effettiva o minaccia imminente di violenza”.

Attualmente, la sezione 124A del codice penale indiano, che si occupa di sedizione, prevede una pena dell'ergastolo insieme a una multa o alla reclusione che può estendersi fino a tre anni insieme a una multa. La critica contro la disposizione è che concede ampia e arbitraria discrezionalità ai tribunali sulla punizione.

Nel luglio dello scorso anno, la Corte Suprema ha sospeso l'applicazione della legge sulla sedizione dopo che il governo aveva dichiarato che avrebbe rivisto la disposizione coloniale. L'ex giudice capo dell'India NV Ramana ha espresso preoccupazione per l'uso improprio della legge. Nel 1962, nella sentenza Kedarnath Singh, la Corte Suprema confermò la validità costituzionale del provvedimento, restringendo l'applicazione della legge a coloro che incitano alla violenza.

“La Law Commission è del parere ponderato che la sezione 124A debba essere mantenuta nel codice penale indiano, sebbene alcuni emendamenti, come suggerito, possano essere introdotti in esso incorporando la rotio decidendi di Kedar Nath Singh c. Stato del Bihar [AIR 1962 SC 9551] al fine di apportare maggiore chiarezza circa l'uso della disposizione. Raccomandiamo inoltre che lo schema di punizione previsto dalla suddetta sezione sia modificato per garantire che sia portato alla parità con gli altri reati ai sensi del Capitolo VI dell'IPC “, ha affermato la Commissione.

Leggi anche

Aggiornamenti in tempo reale sull'incidente del Coromandel Express: Morte il pedaggio sale a 261 a Odis…

2 lottatori indiani, 1 arbitro principale, 1 allenatore statale: 4 testimoni che confermano

Corsa contro il tempo per la squadra di soccorso sul luogo dell'incidente ferroviario dell'Odisha come c…

Il Karnataka è l'ultimo a legarsi al carrozzone DBT Annuncio

“Inoltre, consapevole delle opinioni riguardanti l'abuso della Sezione 124A , la Commissione raccomanda che il governo centrale emani linee guida tipo per limitare la stessa. In questo contesto, si suggerisce anche, in alternativa, che una disposizione analoga alla Sezione 196(3) del Codice di procedura penale del 1973 (CrPC) possa essere incorporata come riserva alla Sezione 154 di CrPC, che fornirebbe la necessaria tutela procedurale prima deposito di una FIR in relazione a un reato ai sensi della Sezione 124A dell'IPC”, ha affermato la Commissione.