Brij Bhushan si è offerto di comprarmi degli integratori se avessi ceduto alle avance sessuali: lottatore

0
58

Il presidente della Wrestling Federation of India (WFI) e deputato del BJP, Brij Bhushan Sharan Singh, ha chiesto favori sessuali a una lottatrice di wrestling, anche lei vincitrice di una medaglia, promettendole di acquistare i suoi “integratori” nutrizionali. Il giorno in cui ha vinto una medaglia d'oro in un campionato importante, l'ha chiamata nella sua stanza, l'ha fatta sedere sul letto contro la sua volontà e l'ha abbracciata “con forza” senza il suo consenso. Nel corso degli anni, ha insistito con “continui atti di molestie sessuali e ripetute avance indecenti” che l'hanno lasciata “profondamente turbata e spaventata”.

Queste sono le accuse chiavein una denuncia ufficiale depositato presso la stazione di polizia di Connaught Place a Nuova Delhi il 21 aprile da uno dei sette lottatori che protestavano, The Indian Express ha appreso.

Il suo nome è stato nascosto per proteggere la sua identità. Lei è Wrestler 3, perché il 7 maggio, The Indian Express aveva riferito di altre due denunce presentate da due lottatori, Wrestler 1 e Wrestler 2. Avevano, messo a verbale, almeno otto episodi di molestie sessuali e cattiva condotta che includevano palpeggiamenti, Tocchi e contatti fisici inappropriati: durante i tornei, durante il riscaldamento e persino nell'ufficio WFI.

Nel loro insieme, queste tre denunce, ora venute alla luce, assumono un significato quando il governo ha chiesto ai lottatori in protesta di “fidarsi” dell'indagine della polizia di Delhi. Martedì, i lottatori si erano recati ad Haridwar per consegnare le loro medaglie nel Gange, protestando per l'inazione sulle loro lamentele, ma poi hanno deciso di ripensarci.

Leggi | Il CIO interviene, sostiene i lottatori: (28 maggio) trattamento molto inquietante, protezione degli atleti, conduzione di sondaggi imparziali

Nella sua denuncia, Wrestler 3 ha affermato di essere stata “traumatizzata” mentre raccontava l'incidente dell '”abbraccio forzato” di Singh – la notte della sua vittoria per la medaglia d'oro – a un lottatore anziano, ma non ne venne fuori nulla. Ha anche parlato con sua madre delle avances di Singh. Wrestler 3 ha affermato che Singh continuava a chiamare sua madre per contattarla nonostante fosse consapevole della sua ferma “resistenza”. Ha dovuto cambiare il suo numero di cellulare personale, ha detto.

Leggi anche | I lottatori non cederanno, dicono i leader khap; incontrerà il Presidente, il Governo per risolvere la questione: il leader del BKU

Nella sua denuncia per l'abbraccio forzato, Wrestler 3 menziona che stava riposando nella sua stanza dopo aver vinto la medaglia d'oro quando un fisioterapista le disse che il presidente della WFI voleva che lei lo incontrasse nella sua stanza. Presumeva che Singh volesse congratularsi con lei e così decise di andare. Dopo averla messa in linea con i suoi genitori, Singh l'ha chiamata a letto e improvvisamente l'ha abbracciata senza il suo consenso. La lottatrice 3 ha detto che ha iniziato a piangere.

Sangeeta Phogat e Vinesh Phogat vengono arrestati dalla polizia. (Foto express di Amit Mehra)

Successivamente, si presume che Singh abbia iniziato a perseguitare la lottatrice al telefono contattandola tramite il telefono di sua madre. Durante una di queste telefonate, Wrestler 3 ha dichiarato di essersi offerto di comprarle degli “integratori” se lei avesse ceduto alle sue avances sessuali.

Pubblicità

Wrestler 3, secondo la sua denuncia, è stata profondamente colpita da questi episodi di molestie sessuali e stalking e le ci sono voluti “anni” per combattere il trauma, che ha avuto un effetto negativo sulla sua capacità di concentrarsi sull'allenamento e durante le competizioni. Ha evitato di andare nei posti in cui ci si aspettava che Singh fosse perché ogni volta che lo vedeva, le veniva in mente quello che aveva passato, si è appreso che aveva detto nella sua denuncia.

Nella sua denuncia, anche Wrestler 3 ha affermato che Singh “continua” a fare avance sessuali e commenti sessualmente colorati ad altre donne lottatrici. Il comportamento incontrollato di Singh è ciò che ha spinto lei e altre donne lottatrici a presentare una denuncia.

Singh ha ripetutamente negato le accuse definendole una cospirazione politica. Mercoledì, PTI ha citato Singh dicendo: “Anche se una singola accusa viene provata contro di me, mi impiccherò”. Non è stato possibile contattare Singh giovedì.

Pubblicità Leggi | Mentre i lottatori indiani stanno sulle rive del Gange, chiniamo la testa per la vergogna

Wrestler 1 e Wrestler 2, nelle loro denunce, hanno accusato Singh di usare il pretesto di controllare i loro schemi respiratori per toccarli in modo inappropriato sul seno e sullo stomaco. Wrestler 2 ha affermato che durante il riscaldamento, Singh ha sollevato la sua maglia da allenamento senza il suo consenso nel 2018 e le ha toccato il seno e lo stomaco dicendo che voleva controllare il suo schema respiratorio.

A gennaio alcuni dei migliori lottatori indiani, tra cui le medaglie olimpiche Bajrang Punia e Sakshi Malik e la medaglia del campionato mondiale Vinesh Phoghat, avevano protestato al Jantar Mantar dopo aver accusato Singh. Sono tornati a Jantar Mantar il 23 aprile chiedendo il suo arresto dicendo che la polizia non stava presentando FIR sulla base di denunce. Hanno anche affermato di aver perso la fiducia nel comitato di sorveglianza istituito dal ministero dello sport a gennaio per indagare sulle accuse. I risultati del Comitato di supervisione guidato dall'ex pugile campione del mondo Mary Kom non sono stati resi pubblici.

Sette donne lottatrici avevano sporto denuncia contro Singh il 21 aprile, tra cui una minorenne. Due FIR, di cui uno ai sensi del POCSO Act, sono stati registrati dopo che i lottatori si sono rivolti alla Corte Suprema.

Leggi anche

Aggiornamenti live sull'incidente del Coromandel Express: il bilancio delle vittime sale a 261 a Odis…

2 lottatori indiani, 1 arbitro principale, 1 allenatore statale: 4 testimoni che confermano

Corsa contro il tempo per la squadra di soccorso sul luogo dell'incidente ferroviario dell'Odisha mentre il pedaggio… 1200.jpg?resize=450,250″ />

Possibile errore di segnalazione potrebbe aver causato la tragedia del treno dell'Odisha

Martedì, rispondendo a una domanda dell'Indian Express, il Comitato Olimpico Internazionale ha rilasciato una dichiarazione – ore dopo i lottatori minacciato di far cadere le loro medaglie nel Gange – che il “trattamento” riservato ai lottatori durante il fine settimana, quando sono stati malmenati e detenuti per ore dalla polizia di Delhi il giorno dell'inaugurazione del nuovo Parlamento, è stato “molto inquietante”. Il CIO ha chiesto una “indagine penale imparziale” sulle accuse e ha sottolineato: “Sollecitiamo che la sicurezza e il benessere di questi atleti siano debitamente considerati durante questo processo e che questa indagine venga rapidamente conclusa”. Ha anche chiesto all'IOA, guidato da PT Usha, che finora si è distinto per il suo silenzio, di “proteggere gli atleti”.

© The Indian Express (P) Ltd