La Camera degli Stati Uniti approva l'accordo sul tetto del debito mentre incombe la minaccia di default

0
53

Mercoledì, una Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti divisa ha approvato un disegno di legge per sospendere il tetto del debito di 31,4 trilioni di dollari, con il sostegno della maggioranza sia dei Democratici che dei Repubblicani per superare l'opposizione dei conservatori intransigenti ed evitare un default catastrofico.

Il Repubblicano -la Camera controllata ha votato 314-117 per inviare la legislazione al Senato, che deve emanare la misura e portarla alla scrivania del presidente Joe Biden prima della scadenza di lunedì, quando si prevede che il governo federale finirà i soldi per pagare le sue fatture.

Biden si aspetta di avere il conto sulla sua scrivania in tempo per evitare un default che paralizzerebbe l'economia statunitense e sconvolgerebbe il mondo mercati finanziari.
La misura, un compromesso tra Biden e il presidente della Camera Kevin McCarthy, ha suscitato l'opposizione di 71 repubblicani intransigenti. Normalmente sarebbe sufficiente per bloccare la legislazione partigiana, ma 165 democratici hanno sostenuto la misura e l'hanno fatta approvare.

I repubblicani controllano la Camera con una maggioranza ristretta di 222-213.

La legislazione sospende – in sostanza, rimuove temporaneamente – il limite di prestito del governo federale fino al 1° gennaio 2025. La tempistica consente a Biden e al Congresso di accantonare la questione politicamente rischiosa fino a dopo le elezioni presidenziali del novembre 2024.

Limiterebbe anche parte della spesa pubblica nei prossimi due anni, accelererebbe il processo di autorizzazione per alcuni progetti energetici, recupererebbe i fondi Covid-19 inutilizzati ed espanderebbe i requisiti di lavoro per i programmi di aiuti alimentari ad altri destinatari.

Hardline I repubblicani volevano tagli alla spesa più profondi e riforme più rigorose. “Nella migliore delle ipotesi, abbiamo un congelamento della spesa di due anni pieno di scappatoie e trucchi,” ha detto il rappresentante Chip Roy, un membro di spicco della linea dura House Freedom Caucus.

I democratici progressisti – che insieme a Biden avevano resistito ai negoziati sul tetto del debito – si oppongono al disegno di legge per alcuni motivi, inclusi i nuovi requisiti di lavoro di alcuni programmi federali contro la povertà. “I repubblicani ci stanno costringendo a decidere quali americani vulnerabili possono mangiare o ci getteranno nel default. È semplicemente sbagliato,” ha affermato mercoledì il rappresentante democratico Jim McGovern.

Nella tarda serata di martedì, l'apartitico Congressional Budget Office ha affermato che la legislazione comporterebbe un risparmio di 1,5 trilioni di dollari in un decennio. Questo è inferiore ai 4,8 trilioni di dollari di risparmio a cui miravano i repubblicani in un disegno di legge che hanno approvato alla Camera ad aprile, e anche al di sotto dei 3 trilioni di dollari di deficit che il budget proposto da Biden avrebbe ridotto in quel periodo attraverso nuove tasse.< /p>Pubblicità

Al Senato, i leader di entrambi i partiti hanno dichiarato di sperare di muoversi per promulgare la legislazione prima del fine settimana. Ma un potenziale ritardo sui voti degli emendamenti potrebbe complicare le cose.

I repubblicani hanno affermato che il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer e il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell potrebbero aver bisogno di consentire i voti sugli emendamenti repubblicani per garantire un'azione rapida.

Ma Schumer sembrava escludere gli emendamenti mercoledì, dicendo ai giornalisti: & #8220;Non possiamo rispedire nulla alla Camera, chiaro e semplice. Dobbiamo evitare il default.

Pubblicità

Il dibattito e il voto al Senato potrebbero protrarsi nel fine settimana, specialmente se uno dei 100 senatori tenta di rallentare l'approvazione.

Il senatore repubblicano intransigente Rand Paul, noto da tempo per aver ritardato importanti votazioni al Senato, ha affermato che non sospenderebbe l'approvazione se gli fosse consentito di offrire un emendamento per una votazione di base.

Il senatore Bernie Sanders, un progressista indipendente che fa caucus con i Democratici, ha detto che si sarebbe opposto al disegno di legge a causa dell'inclusione di un gasdotto energetico e di requisiti di lavoro extra. “Non posso, in tutta coscienza, votare per l'accordo sul tetto del debito,” Sanders ha detto su Twitter.

In caso di vittoria per i repubblicani, il disegno di legge sposterebbe parte dei finanziamenti dall'Internal Revenue Service, anche se la Casa Bianca afferma che ciò non dovrebbe ridurre l'applicazione delle tasse.

Anche Biden può indicare vantaggi.

L'accordo lascia in gran parte intatte le sue infrastrutture firmate e le leggi sull'energia verde, e i tagli alla spesa e i requisiti di lavoro sono molto inferiori a quanto richiesto dai repubblicani.

Pubblicità

I repubblicani hanno sostenuto che sono necessari forti tagli alla spesa per frenare la crescita del debito nazionale, che a 31,4 trilioni di dollari è all'incirca uguale alla produzione annua dell'economia.

Si prevede che il pagamento degli interessi su quel debito si consumerà una quota crescente del bilancio con l'invecchiamento della popolazione fa aumentare i costi sanitari e pensionistici, secondo le previsioni del governo. L'accordo non farebbe nulla per frenare quei programmi in rapida crescita.

Pubblicità

La maggior parte dei risparmi arriverebbe limitando la spesa per programmi nazionali come alloggi, istruzione, ricerca scientifica e altre forme di sostegno “discrezionale” spesa. La spesa militare potrebbe aumentare nei prossimi due anni.

La situazione di stallo sul tetto del debito ha spinto le agenzie di rating ad avvertire che potrebbero declassare il debito degli Stati Uniti, che è alla base del sistema finanziario globale.

Pubblicità < p>L'agenzia di rating del credito DBRS Morningstar ha esaminato gli Stati Uniti per un possibile downgrade la scorsa settimana, facendo eco ad avvertimenti simili di Fitch, Moody's e Scope Ratings. Un'altra agenzia, S&P Global, ha declassato il debito degli Stati Uniti a seguito di una simile situazione di stallo del tetto del debito nel 2011.

Leggi anche

Il principe ereditario di Giordania sposa l'architetto saudita in una cerimonia piena di stelle …

Il Congresso degli Stati Uniti approva la sospensione del limite di debito, scongiurando il default

La Cina critica il piano degli Stati Uniti per un accordo commerciale con Taiwan

< img src="https://images.indianexpress.com/2023/06/Capture-1.jpg?resize=450,250" />

Meteologa argentina diventa la prima donna a capo dell'agenzia meteorologica delle Nazioni Unite

L'ultima volta gli Stati Uniti sono arrivati ​​così vicini al default nel 2011, un periodo di simili divisioni partigiane a Washington, con un presidente democratico e una maggioranza al Senato e una Camera a maggioranza repubblicana.