Dopo il tweet di Shah Rukh Khan per il nuovo Parlamento, NCP afferma che il BJP non chiederà il divieto dei film degli attori

0
66

Domenica il Nationalist Congress Party (NCP) ha affermato che i leader del BJP nel Maharashtra non chiederanno il divieto dei film della superstar Shah Rukh Khan ora che l'attore ha espresso la sua felicità per l'inaugurazione del nuovo edificio del Parlamento. All'inizio della giornata, l'attore ha pubblicato un tweet con un video della sua voce fuori campo in cui esprimeva felicità per l'inaugurazione del nuovo edificio del Parlamento da parte del primo ministro Narendra Modi.

“Che magnifica nuova casa per le persone che sostengono la nostra Costituzione, rappresentano ogni cittadino di questa grande Nazione e proteggono la diversità del suo unico Popolo @narendramodi ji. Un nuovo edificio del Parlamento per una Nuova India ma con il secolare sogno di Gloria per l'India. Jai Hind! #MyParliamentMyPride”, ha twittato Khan.

Il parlamento è per la nazione ciò che l'anima è per il corpo, ha detto l'attore 57enne nella clip. Circa 20 partiti di opposizione, incluso il PCN, hanno deciso di boicottare l'evento a causa del primo ministro e non del presidente che ha inaugurato l'edificio.

Leggi anche

Lottatori#039; protesta: la storia finora

Il funzionario del Chhattisgarh ha detto di pagare Rs 53.000 dopo aver prosciugato il serbatoio a r…

Incrocio di ufficiali dell'esercito all'IAF, presto alla Marina

Il ministro dell'Interno Amit Shah a Manipur, per rivedere la sicurezza, tiene colloqui con K… Non perderti queste storie

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Reagendo al commento di Khan sull'inaugurazione, l'NCP&#8217 Il portavoce nazionale Clyde Crasto ha twittato: “Ora che Shah Rukh Khan si è espresso a favore dell'edificio del Nuovo Parlamento, presto vedremo i leader del @BJP4Maharashtra genuflettersi davanti a lui e non chiedere il divieto dei suoi film”. #8221;

Si può ricordare che l'ultima versione di Khan “Pathan” ha visto proteste diffuse da parte dei gruppi di destra, che hanno chiesto il divieto del film.