Voci dalla Camera – I parlamentari rievocano i ricordi in Parlamento

0
60

Ricordando uno dei suoi ricordi più cari del vecchio edificio del Parlamento, il deputato 92enne Shafiqur Rahman Barq dice: “Stavo facendo wuzu (abluzioni prima del namaz) in uno dei bagni, quando (il leader del Congresso) Rahul Gandhi è entrato. Manmohan Singh era il primo ministro allora. … Rahul mi ha chiesto se c'era uno spazio designato per namaz nell'edificio. Quando gli ho detto che non c'era un posto designato per il namaz in Parlamento e che di solito offrivo preghiere ovunque trovassi spazio nelle gallerie, è apparso sorpreso. Ho continuato a chiedergli aiuto in modo che i parlamentari e altri potessero avere uno spazio dedicato per offrire namaz all'interno dell'edificio.”

Il parlamentare del partito Samajwadi di Sambhal ha aggiunto: “Sebbene il vecchio edificio del Parlamento sia stato costruito prima Indipendenza, è ancora molto bella.”

“Prima di diventare deputato, ero entrato diverse volte in Parlamento come MLA dell'Uttar Pradesh. Ma la sensazione di entrare per la prima volta nel Parlamento del Paese come deputato (nel 1996) è diversa. Non dimenticherò mai quel momento o quel giorno”, ha ricordato il 92enne.

Il veterano politico ha aggiunto: “Non credo che ci fosse bisogno di costruire un nuovo Parlamento. Quello vecchio ha tutti i servizi (uno richiede). Avremmo dovuto continuare a usare quell'edificio. Inoltre, la nostra economia è in difficoltà. Quel denaro avrebbe potuto essere speso per aiutare le fasce povere e svantaggiate della società.”

– Come raccontato ad Asad Rehman

Mentre passiamo dal vecchio al nuovo edificio del Parlamento, dovrebbe ricordarci i doveri e le responsabilità che abbiamo e l'eredità storica che dobbiamo portare avanti. Dai giorni dell'Assemblea costituente ad oggi, il Parlamento ha plasmato il destino della nazione ed è stato una testimonianza della nostra democrazia.

Entrare in Parlamento come deputato per la prima volta è stata un'esperienza profonda perché è qui che si sono svolti dibattiti appassionati su eventi fondamentali come la guerra India-Cina del 1962, la vittoria dell'India sul Pakistan nel 1971, i test nucleari di 1974 e 1998, l'accordo nucleare India-USA e importanti progetti di legge. Rappresentanti eletti di tutte le linee di partito sono stati coinvolti in deliberazioni e decisioni politiche che hanno definito la nostra nazione nel suo viaggio evolutivo.

Pubblicità

Il Parlamento è un costante promemoria degli indiani che ammiro e aspiro a emulare nella mia carriera. Simboleggia la pesante responsabilità che abbiamo come difensori delle persone che rappresentiamo, sia come rappresentante diretto nel Lok Sabha, sia attraverso la rappresentanza statale nel Rajya Sabha. Nel corso degli anni, il Parlamento ha visto cambiamenti di potere, l'ascesa e la caduta dei potenti e il trionfo dei perdenti.

Se il nuovo edificio del Parlamento rappresenta il progresso e la modernità, è impossibile non provare nostalgia per ciò che ci lasciamo alle spalle. Il ricordo di accanite parlamentari come Sarojini Naidu, Indira Gandhi, Sushma Swaraj, Mamata Banerjee, Gayatri Devi, Rajmata Scindia e Sonia Gandhi indugia in queste camere. È stato un privilegio rappresentare le cause delle donne, seguendo le orme di oratori come Meira Kumar e Sumitra Mahajan. Dal riconoscimento delle donne parlamentari nelle interrogazioni parlamentari con un linguaggio neutro rispetto al genere all'affrontare il problema delle molestie online, questi muri hanno ascoltato le nostre voci.

Naturalmente, non posso fare a meno di menzionare alcuni discorsi indimenticabili, come il commovente discorso di Atal Bihari Vajpayee quando il suo governo cadde nel 1998 a causa dell'iconico “Tryst with Destiny” discorso, l'umorismo di Laloo Prasad Yadav, l'oratorio articolato di Sushma Swaraj e il briefing di Indira Gandhi sulla guerra del 1971. In particolare, anche la sessione congiunta del Parlamento sull'imposta sui beni e servizi (GST) si distingue come momento significativo. Il fatto di essere stato in grado di evidenziare questioni critiche per i cittadini come il COVID-19, l'inflazione e le controverse leggi sull'agricoltura, che alla fine sono state abrogate a causa della pressione pubblica, ha riaffermato la mia fede nella Costituzione.

Pubblicità

Finché poiché ci impegniamo per ciò che siamo, sosteniamo la nostra eredità di civiltà e proteggiamo i principi della nostra Costituzione, l'India continuerà a essere una fiorente democrazia.

Trascorrendo quasi 30 anni come deputato in questo edificio storico, Ho sviluppato un attaccamento emotivo ad esso. In tutti questi anni, ci sono stati diversi cambiamenti nella vita politica del Paese. Ma l'unico grande cambiamento che ho notato negli affari parlamentari è il modo in cui i membri interagiscono con loro ora.

Sono venuto al Lok Sabha per la prima volta nel 1989 e sono stato qui da allora, tranne tra il 2009 e il 2014. I parlamentari da cui ho imparato molto includevano Sh NG Ranga (un combattente per la libertà, era deputato in entrambe le camere tra 1952 e 1991, per durate diverse, fondando anche lo Swatantra Party). Quando sono entrato per la prima volta, era un deputato di Guntur e quello era il suo ultimo mandato. All'epoca aveva quasi 90 anni, ma assisteva a tutti i procedimenti, ascoltando attentamente qualunque membro stesse parlando. Per un nuovo arrivato, la sua sincerità ispirava soggezione.

A quel tempo, però, la maggioranza dei membri era così: anche se non parlavano, assistevano ai lavori, seduti per intere giornate ad ascoltare gli altri. Si sarebbero quindi trasferiti in biblioteca per studiare varie questioni prima di fare qualsiasi commento o controreplica. Dopo questo tipo di preparazione rigorosa, quando qualcuno ha parlato, ha avuto peso.

In questi giorni, molti membri non frequentano la Camera. Perdono i procedimenti, stanno alla larga dall'ora delle interrogazioni e mancano della serietà che gli affari del Parlamento richiedono. Le poche occasioni in cui si presentano, è per parlare o per fare domande. Fatto ciò, se ne vanno immediatamente.

Pubblicità

I membri dovrebbero leggere le vite parlamentari attive di leader come Atal Bihari Vajpayee, LK Advani, George Fernandes e molti altri provenienti da uno spettro di partiti. In questi giorni, noto un interesse per i procedimenti da parte di alcuni membri del Biju Janata Dal. Questo è un buon segno. Altrimenti, i parlamentari sembrano essere più interessati a cose diverse dal loro lavoro legislativo. Ritengo che il programma per lo sviluppo delle aree locali dei membri del parlamento (MPLAD) abbia reso i membri disonesti e abbia distolto la loro attenzione dal lavoro legislativo. Questo dovrebbe essere fermato, ma questa è solo la mia opinione personale. Per diventare buoni parlamentari, i membri devono imparare ad ascoltare, studiare e impegnarsi e il modo migliore per far rivivere quella cultura sarebbe dare un esempio ai nuovi membri da seguire.

– Come raccontato a Shyamlal Yadav

Una sensazione di soddisfazione ha travolto il deputato del Congresso Dean Kuriakose mentre è entrato in Parlamento per la prima volta dopo la sua vittoria alle elezioni di Lok Sabha del 2018.

Pubblicità

Il parlamentare 41enne, che rappresenta il collegio elettorale di Idukki Lok Sabha del Kerala, ricorda: “Nel 1996, come studente di classe X, ho guardato per la prima volta i lavori del Parlamento in TV. Sono stato agganciato. Dopo ho iniziato a guardare regolarmente i dibattiti del Parlamento. Nel momento in cui finalmente sono entrato nell'imponente struttura, tutti quei ricordi sono tornati di corsa. Quel momento è stato motivo di orgoglio per me. Dopotutto, il Parlamento ha un'eredità formidabile.”

In risposta a una domanda sul nuovo edificio del Parlamento, Kuriakose afferma: “Un edificio del Parlamento non è una mera struttura. Dovrebbe essere uno che può conservare la gloria di una democrazia. È un luogo di importanza storica ed eleganza, che dovrebbe essere mantenuto.”

Pubblicità

Era la “veranda colonnata”, dice, la caratteristica più impressionante del vecchio edificio del Parlamento. “È davvero una meraviglia. È un corridoio iconico dove incontri tanti politici indiani,” dice.

La grandiosità dell'edificio gli divenne più evidente durante la cerimonia di giuramento. “Quando ho prestato giuramento, mi sono reso conto che mi trovavo nel punto in cui si è riunita l'Assemblea Costituente e il luogo da cui grandi leader come (il primo Primo Ministro indiano) Jawaharlal Nehru si sono rivolti alla nazione,” dice.

Il primo incontro a cui ha partecipato nella Sala Centrale del Parlamento è stato quello di eleggere il leader del Partito Parlamentare del Congresso. “Per me, il momento più emozionante quando il Parlamento è in sessione è l'attesa per il conteggio dei voti dopo un dibattito. Di solito è un mix di eccitazione e curiosità. Un esempio che ricordo è stata l'attesa del voto finale sull'abrogazione dello status speciale di Jammu e Kashmir (ai sensi dell'articolo 370 della Costituzione)”, afferma l'ex presidente dello stato del Congresso dei giovani.

Definendo l'opportunità di presentare una risoluzione statutaria contro i Farm Bills come un “grande momento”, dice: “Ho avuto la possibilità di presentare la risoluzione che contesta i disegni di legge nel 2020. Lo considero un grande momento nei miei quattro anni come parlamentare. Volevo prendere parte al dibattito sui Farm Bills, ma l'opposizione ha deciso che l'opportunità dovesse andare ai parlamentari dell'India del Nord.”

– Come raccontato a Shaju Philip

© The Indian Express (P) Ltd