Caffè e politica nella Sala Centrale del Parlamento

0
72

Non ho mai avuto l'opportunità di salutare la sala centrale del vecchio Parlamentouna volta il club e hub più esclusivo del paese per selezionati corrispondenti parlamentari di alto livello, quando la Camera era in sessione. La Central Hall (CH) ha offerto l'opportunità di confrontarsi con membri del Parlamento (MP), passati e presenti, ministri e leader dell'opposizione. I potenti del paese erano facilmente accessibili qui ei giornalisti non dovevano passare attraverso la trafila di fissare interviste formali, destreggiandosi tra strati di segretarie per un appuntamento. L'ultima volta che ho visitato la Central Hall è stato il 20 marzo 2020. Molti di noi scribi si aggiravano attorno al deputato del TMC (Trinamool Congress) Derek O'Brien, che ha interrogato le autorità parlamentari… atteggiamento disinvolto nei confronti della grave minaccia del virus COVID-19 che si diffonde in India. Proprio quella mattina gli era stato detto di togliersi la maschera. O'Brien ha detto che un importante giovane deputato del BJP potrebbe benissimo essere un portatore poiché aveva partecipato a una festa a Lucknow dove un noto cantante, appena tornato da Londra, aveva saltato la quarantena obbligatoria a Mumbai ed era risultato positivo al Corona .

Due giorni dopo, il Parlamento è stato bruscamente aggiornato sine die. Il Parlamento è ripreso nella sessione successiva, l'ingresso per i giornalisti è stato ora limitato a un numero minimo selezionato dalla lotteria, l'epidemia di COVID alla fine è diminuita, ma ai corrispondenti non è mai stato permesso di rientrare nella Central Hall. All'inizio di quest'anno, un vecchio collega ha cercato di sondare il terreno, poiché il suo pass Rajya Sabha portava ancora il timbro CH, che indicava il permesso di entrare nei sacri recinti fiancheggiati dai ritratti dei nostri eroi nazionali. Mentre sorseggiava una tazza di tè in una sala semivuota, poiché il Parlamento non era in seduta, un gruppo di alti funzionari della sicurezza si è precipitato da lui e gli ha spiegato scusandosi che ai giornalisti non era più consentito l'ingresso dal presidente del Lok Sabha, anche se il COVID la minaccia era finita.

L'allora primo ministro Indira Gandhi e poi il ministro della difesa dell'Unione Jagjivan Ram a un ricevimento tenuto dai membri del parlamento nella Central Hall of Parliament, Nuova Delhi, il 18 dicembre 1971. Express Archive Photo

Nel 1975, durante l'emergenza di Indira Gandhi, analogamente, un imbarazzato segretario del Lok Sabha aveva spiegato agli scrivani che non erano più i benvenuti in quello che Sanjay Gandhi definì “un covo di pettegolezzi”.

Eye Special | Chakshu Roy su come il Parlamento indiano sia cresciuto da una stanza a un'istituzione

Anche all'inizio del regime di Narendra Modi nel 2014, nel 2014, c'erano gocce nel vento per allontanare i media dai legislatori. lì per tenere d'occhio chi stava parlando con chi (anche se il codice non scritto è che le interazioni dei giornalisti sono informali e non per il sourcing). I timidi parlamentari del partito al potere hanno iniziato a stare alla larga da questo popolare luogo di incontro, situato strategicamente tra Rajya Sabha e Lok Sabha, dove è possibile ordinare cibo a buon mercato e chiacchierare per ore. Ma l'atmosfera a ruota libera prevalse ancora per alcuni anni.

I parlamentari di solito avevano i banchi preferiti. I rappresentanti del TMC si sono seduti insieme in fondo a sinistra, i marxisti hanno fumato le loro sigarette e si sono esibiti nella sala fumatori, i parlamentari del sud si sono mescolati principalmente con altri dei rispettivi stati, indipendentemente dalle linee del partito. La coscienziosa Jaya Bachchan, era un appuntamento fisso in prima fila con i colleghi parlamentari del partito Samajwadi. Lalu Prasad Yadav sedeva al centro dove teneva corte mentre visitava la capitale. Supriya Sule e il suo gruppo di eleganti sofisticati, soprannominati il ​​mercato di Khan dai parlamentari più tradizionalisti, avevano una panchina speciale. Ogni volta che Sonia Gandhi camminava a passo svelto dal fondo della sala verso il suo ufficio, tutti i parlamentari del Congresso si alzavano rispettosamente e si precipitavano a salutarla, anche se raramente si soffermava a chiacchierare.

Christopher Benninger scrive | Un nuovo indirizzo per il Parlamento indiano Dagli archivi, l'allora ministro degli Affari parlamentari M Venkaiah Naidu con il defunto Ahmed Patel, Ghulam Nabi Azad e Anand Sharma durante una funzione per commemorare l'anniversario della nascita dell'ex primo ministro Rajiv Gandhi nella Central Hall of Parliament, New Delhi. Express Foto di Prem Nath Pandey.

Le attrazioni principali del primo mandato di Modi furono il defunto Arun Jaitley e il defunto Ahmed Patel. Gli scribi si accalcavano intorno a loro per ottenere informazioni degne di nota. Entrambi hanno capito l'importanza di mantenere i media dalla loro parte. Ma nel 2019 Jaitley non era più sulla scena e il partito al governo era ora apertamente antagonista nei confronti dei media. Già prima del bando formale, era diventato sempre più difficile scovare notizie nell'Aula Centrale, che da oltre mezzo secolo è testimone del funzionamento della nostra democrazia parlamentare. La Costituzione è stata redatta in questa sala, Jawaharlal Nehru ha pronunciato il suo ‘Tryst with Destiny’ discorso qui, Sonia Gandhi ha annunciato di aver seguito la sua voce interiore per non accettare la carica di primo ministro e i parlamentari di Samajwadi sono stati persuasi a cambiare posizione dall'oggi al domani quando la sinistra si è ritirata dal governo dell'UPA. La Central Hall era un luogo in cui i parlamentari delle fazioni opposte potevano interagire in modo informale e con bonomia e nel processo sono stati raggiunti molti compromessi sulla legislazione, modifiche alle politiche e cambi di schieramento tra dosi e caffè.

Nel nuovo Parlamento, ci sarà una camera legislativa speciale per i membri sia di Lok Sabha che di Rajya Sabha durante una sessione congiunta. Ma i piani architettonici per il nuovo Parlamento non prevedevano lo spazio per una sala centrale, dove gli scambi informali possono aver luogo attraverso le linee di partito ei media possono osservare da bordo campo. La sala è ormai storia, sicuramente a scapito di garantire una democrazia liberale sana e interattiva.

– Coomi Kapoor è redattore collaboratore di The Indian Express

© The Indian Express (P) Ltd