I memristori stavano per sostituire RAM e SSD. Quello che è successo?

0
67
Corbin Davenport/How-To Geek

I Memristor hanno promesso di rivoluzionare il modo in cui archiviamo e accediamo ai dati. Tuttavia, nonostante il clamore che circonda i memristor, non hanno sostituito del tutto le tecnologie di archiviazione tradizionali come RAM e SSD. In questo articolo, esploreremo il viaggio dei memristor e dove si trovano oggi.

Comprensione dei memristori

I memristori, o resistori di memoria, sono un tipo di componente elettrico che può modificare la propria resistenza in base al flusso di corrente elettrica. Questa proprietà unica consente loro di archiviare le informazioni in modo rapido ed efficiente dal punto di vista energetico. I memristori furono teorizzati per la prima volta dal professor Leon Chua nel 1971, ma fu solo nel 2008 che i ricercatori degli HP Labs crearono un prototipo funzionante.

Fouad A. Saad/Shutterstock.com

Memristor rispetto allo storage tradizionale: come si accumulano

Il vantaggio principale dei memristor rispetto allo storage tradizionale come RAM e SSD è la loro natura non volatile. Ciò significa che i memristori possono conservare i dati anche quando l'alimentazione è spenta. Al contrario, la RAM (Random Access Memory) è volatile, il che significa che perde tutti i dati quando il sistema viene spento.

Gli SSD (Solid State Drive) non sono volatili ma hanno cicli di lettura/scrittura limitati, che possono portare a usura e guasti. D'altra parte, i memristori sono stati pubblicizzati per offrire cicli di lettura/scrittura virtualmente illimitati, portando a una durata di vita più lunga.

In altre parole, i memristori promettono di essere la combinazione perfetta di memoria RAM e SSD, se possibile. farli funzionare commercialmente.

RELAZIONATO: Durata dell'SSD: quanto dura un SSD?

L'hype che circonda i memristor: cosa è andato storto?

Quando la tecnologia memristor funzionante è stata annunciata per la prima volta, ha generato molto entusiasmo nel settore tecnologico. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i memristori promettevano soluzioni di archiviazione più veloci, più efficienti dal punto di vista energetico e più durature rispetto alle tradizionali RAM e SSD. Ciò ha portato a grandi aspettative e una raffica di investimenti in ricerca e sviluppo. Tuttavia, l'entusiasmo che circonda i memristor è notevolmente diminuito negli ultimi anni, con la tecnologia che non ha ancora avuto un impatto sul mercato.

La realtà dei memristor: sfide e limiti< /h2>

Nonostante i loro potenziali vantaggi, diverse sfide hanno ostacolato l'adozione diffusa della tecnologia memristor. La produzione di memristori su larga scala si è rivelata difficile e costosa. Ciò ha limitato il numero di aziende disposte a investire nello sviluppo e nella produzione di dispositivi basati su memristor.

Inoltre, mentre i memristor si sono dimostrati promettenti nelle impostazioni di laboratorio, le loro prestazioni applicative nel mondo reale non sempre hanno soddisfatto le aspettative. Fattori come le fluttuazioni di temperatura e le incoerenze dei materiali hanno portato a prestazioni variabili e problemi di stabilità. Per citare Wikipedia “Sperimentalmente, il memristor ideale deve ancora essere dimostrato.” Pertanto, coloro che lavorano diligentemente al problema sono alla ricerca di una svolta allettante e ravvicinata.

RELAZIONATO: Cosa significa “TBW” per gli SSD?

Il futuro dei memristor: sostituiranno mai RAM e SSD?

Mentre il clamore che circonda i memristor si è placato, la ricerca e lo sviluppo in questo campo Continua. Man mano che la tecnologia matura, è possibile che i memristor possano trovare la loro strada in applicazioni specializzate, come acceleratori di intelligenza artificiale o dispositivi di edge computing, dove le loro proprietà uniche potrebbero fornire un vantaggio competitivo.

Tuttavia, rimane incerto se i memristor sostituiranno mai le tradizionali tecnologie di archiviazione come RAM e SSD su larga scala. Per ora, sembra che i memristor siano destinati a rimanere una tecnologia intrigante ma di nicchia piuttosto che la forza rivoluzionaria che una volta si prevedeva fossero.

Tuttavia, proprio come con l'informatica ottica e quantistica, non possiamo mai escludere che una qualche forma di questa tecnologia entrerà nelle nostre case e nei dispositivi che utilizziamo personalmente.

RELAZIONATO: Cosa sono le batterie agli ioni di sodio e come potrebbero sostituirle Litio?

LEGGI SUCCESSIVO

  • › Come accedere a Facebook senza un generatore di codice
  • › Mozilla offre a Thunderbird Mail un nuovo logo
  • › Questo Zotac Tiny PC adotta un nuovo approccio al raffreddamento
  • › L'SSD T7 di Samsung è più economico che mai, oltre a più offerte per il Memorial Day
  • › Windows 11 ti consentirà finalmente di disattivare il raggruppamento della barra delle applicazioni
  • › Il nuovo proiettore CineBeam di LG ha 4K fino a 120 pollici