“Vogliamo giustizia”: le famiglie minacciano di migrare, rinunciare ex gratia, lavoro

0
116

Con pochi progressi nell'uccisione di sette civili da parte dei militanti nel villaggio di Upper Dangri nel distretto di Rajouri l'1 e il 2 gennaio di quest'anno, lunedì i membri delle famiglie delle vittime hanno minacciato di migrare dalla zona e di arrendersi importo ex gratia e posti di lavoro forniti dall'amministrazione J&K.

“Sono passati novanta giorni dall'uccisione di entrambi i miei figli da parte dei militanti, ma le agenzie governative non ci hanno informato sullo stato di avanzamento delle loro indagini nel importante'', ha detto Saroj Bala, che aveva perso i suoi figli Deepak (27) e Prince (21) a causa dei proiettili dei militanti la sera del 1° gennaio.

Consigliato per te

  • 1Jagdeep Dhankhar mette in guardia gli industriali dal finanziare istituzioni straniere che ‘attaccano’ India
  • Investitori di 210 crore di 4 società cooperative del gruppo Sahara per recuperare i soldi entro 9 mesi: governo
  • 3India e Romania firmano un accordo per la “cooperazione pratica tra forze armate”

Leggi anche |Attacco Rajouri: il proprietario del negozio che ha affrontato i militanti ha usato il fucile dopo 24 anni

Il fratello maggiore avrebbe dovuto entrare in servizio presso il deposito di ordigni dell'esercito in Ladakh una settimana dopo. Prince lavorava con il dipartimento Jal Shakti.

“Cosa ne faremo dei posti di lavoro e dei soldi forniti dal governo dopo l'uccisione dei nostri figli da parte dei militanti; siamo già morti'', ha detto Saroj, aggiungendo “vogliamo solo giustizia per i nostri figli”.' p>

Un altro abitante del villaggio, Satpal, che aveva perso suo figlio Satish Kumar nell'attacco del 1 gennaio, voleva che le autorità fornissero i dettagli del conto bancario in modo che potesse restituire il denaro ex-gratia.

Dangri panchayat sarpanch Dheeraj Sharma ha minacciato di consegnare le armi fornite alle guardie di difesa del villaggio. Citando una recente dichiarazione del direttore generale della polizia J&K Dilbagh Singh secondo cui “i militanti erano pakistani e potrebbero essere tornati in Pakistan”, ha sollevato dubbi sull'identità dei militanti coinvolti negli omicidi di Dangri, ha affermato che l'affermazione era solo una scusa.

Leggi anche

L'errore bancario lascia l'uomo più ricco di oltre Rs 1 lakh – e in prigione due sì… 1-2.jpg?resize=450,250″ />

I discorsi di incitamento all'odio scompariranno quando i politici smetteranno di usare la religione nelle politiche…

Oltre 300 avvocati chiedono a Kiren Rijiju di ritirare i commenti contro il ju…

< img src="https://images.indianexpress.com/2023/03/Mohammed-Faizal-1.jpg?resize=450,250" />

Ore prima dell'udienza in SC, Mohammed Faizal è stato reintegrato come deputato di Lakshadweep LS < p>Due militanti non identificati hanno avuto in attacchi gemelli la sera del 1 gennaio e la mattina del 2 gennaio nell'Alto Dangri, uccidendo sette civili tra cui due fratelli e ferendone altri 14, appartenenti a quattro famiglie. Prima degli omicidi, i militanti avevano chiesto alle vittime un documento d'identità.

© The Indian Express (P) Ltd