Misurazione del rischio di malattie cardiache e obesità negli indiani: perché il BMI (indice di massa corporea) dovrebbe cambiare nel rapporto WHtR (vita-altezza)

0
94

Sebbene l'obesità sia stata notata sin da quando gli esseri umani hanno abbandonato la ricerca di cibo nelle foreste per l'agricoltura, l'enorme aumento delle popolazioni in sovrappeso e dell'obesità è una malattia più recente della modernità disadattata. È stato guidato dall'aumento del consumo di alimenti ad alta densità energetica e ultra-elaborati, nonché di bevande zuccherate, insieme alla sedentarietà e alla diminuzione del dispendio energetico. La World Heart Federation (WHF) stima che 2,3 milioni di bambini e adulti siano attualmente in sovrappeso o obesi in tutto il mondo, con un aumento previsto a 2,5 miliardi entro il 2025.

La misura convenzionale del sovrappeso e dell'obesità è l'indice di massa corporea (BMI) che mette in relazione il peso con l'altezza attraverso una metrica che legge BMI = peso (in chilogrammi)/altezza (in metri) al quadrato. La definizione standard di sovrappeso applicata a livello globale è un BMI di 25-<30 e di obesità 30 o superiore. Un BMI inferiore a 18,5 è classificato come sottopeso. Questi valori limite sono generalmente considerati predittivi di un'aspettativa di vita sana nell'intervallo “normale” compreso tra 18,5 e 24,9. Il sovrappeso e l'obesità sono associati a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, diabete, alcuni tipi di cancro, artrosi, problemi al fegato, alla cistifellea e alle vie respiratorie.

L'IMC NON INCLUDE LE DIFFERENZE DI RAZZA< /p>

Consigliato per te

  • 1Bere caffè può aumentare la pressione sanguigna? Non è altro che un picco temporaneo
  • 2Perché le piattaforme di intelligenza artificiale come ChatGPT potrebbero non essere abbastanza buone per il supporto della salute mentale
  • 328 anni partorisce nonostante una rara condizione cardiaca con arterie ristrette

Tuttavia, questi limiti “universali”, sviluppati nelle popolazioni caucasiche, si sono rivelati inappropriati per altre popolazioni. Riconoscendo che le popolazioni asiatiche manifestano un rischio crescente di diabete e malattie cardiovascolari a livelli più bassi di BMI, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha raccomandato che le soglie di salute pubblica e di azione clinica dovrebbero essere reimpostate per quelle popolazioni con BMI 23 e 27,5, con l'intervallo ideale essere compreso tra 18,5 e 23. Mentre questi sono interpretati come limiti asiatici per definire rispettivamente il sovrappeso e l'obesità, i confronti internazionali in tutti i paesi utilizzano principalmente valori limite di 25 e 30. I valori limite inferiori per l'IMC sono raccomandati per i neri africani e neri Anche le popolazioni caraibiche.

Il problema con l'indice di massa corporea è che non distingue tra il contributo del peso da parte di grasso, muscoli e ossa. Un individuo molto muscoloso può avere un BMI superiore a 30, invitando l'etichetta di essere obeso, anche se il contenuto di grasso corporeo non è elevato. Allo stesso modo, una persona con bassa massa muscolare o basso peso osseo può avere un BMI di 22 ma essere comunque ad alto rischio di diabete, ipertensione e attacchi di cuore. Sebbene il BMI sia ampiamente correlato alla prevalenza delle malattie cardio-metaboliche a livello di popolazione, non si distingue bene a livello individuale.

Questo problema di classificazione errata del rischio è stato particolarmente evidente negli asiatici del sud del subcontinente indiano. Inizialmente è stato notato tra i migranti indiani studiati in diversi continenti. La loro maggiore propensione al diabete e l'eccesso di rischio di attacchi di cuore non è stata spiegata da un alto indice di massa corporea, poiché molti avevano valori all'interno della gamma “normale”. Tuttavia, avevano elevate quantità di grasso corporeo, soprattutto concentrato intorno agli organi addominali. Tale “adiposità viscerale” o “obesità addominale” comporta un alto rischio di diabete e malattie cardiache. Alcuni algoritmi internazionali per la previsione del rischio di un futuro evento cardiovascolare ora utilizzano “l'etnia dell'Asia meridionale” come indicatore di rischio indipendente.

IL RAPPORTO VITA-ALTEZZA VALE PER TUTTE LE RAZZE< /p>

Questi risultati sono stati confermati anche da diversi studi sugli indiani residenti in diverse parti dell'India. Più del BMI, il rapporto vita-fianchi (WHR) è emerso come un migliore predittore di diabete e malattie cardiovascolari rispetto al BMI. Questo indice, che confronta la circonferenza vita con quella intorno ai fianchi, misura il grado di obesità addominale. Poiché non sempre è facile misurare la circonferenza dell'anca, soprattutto quando l'abbigliamento è interposto tra il nastro e il corpo, negli ultimi anni è emersa una misura alternativa. Questo è il rapporto vita/altezza (entrambi espressi in centimetri). Questo rapporto si è dimostrato un ottimo predittore del rischio cardio-metabolico, sicuramente migliore del BMI e in alcuni studi anche migliore del WHR. Inizialmente sviluppato, convalidato e applicato nei bambini, viene sempre più utilizzato negli adulti.

Pubblicità

Nel dicembre 2022, il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) del Regno Unito ha raccomandato di utilizzare il rapporto vita-altezza al posto del BMI. Un rapporto superiore a 0,5 comporta un aumento del rischio di malattie cardio-metaboliche. Questa relazione non sembra essere alterata da differenze di razza, età o sesso.

COMPRENDERE IL PARADOSSO DELL'OBESITÀ

Una delle conseguenze dell'utilizzo di una misura errata come il BMI è stata la segnalazione di un “paradosso dell'obesità” in cui l'obesità sembrava essere protettiva in alcune condizioni di salute. È stato riferito che può proteggere dalle morti per insufficienza cardiaca, ictus e diabete. Questi studi sono stati criticati in quanto non sono stati valutati i contributi di grasso corporeo, muscoli, ossa e fluidi al peso in eccesso. Allo stesso modo, l'elevata prevalenza del “diabete magro” in India sembrerà sconcertante se non si tiene conto del contenuto di grasso corporeo e dell'adiposità viscerale.

Uno studio recente, tuttavia, ha dimostrato che l'errore sull'”obesità protettiva” è sorto perché il BMI misurava il peso corporeo piuttosto che il grasso corporeo, che è principalmente responsabile di infiammazioni e malattie. Pubblicato il 22 marzo sull'European Heart Journal, lo studio ha esaminato i risultati clinici nelle persone con insufficienza cardiaca cronica e ridotta frazione di eiezione (capacità di pompaggio) del cuore. Gli scienziati hanno analizzato i dati di 6.567 uomini e 1.832 donne che hanno partecipato allo studio sull'insufficienza cardiaca PARADIGM-HF, condotto in 47 paesi. Mentre l'analisi basata sull'IMC non aggiustata sembrava supportare l'idea del “paradosso dell'obesità”, l'analisi con aggiustamento per altre variabili ha rimosso tale effetto. Ancora più importante, l'uso del rapporto vita-altezza ha mostrato una correlazione positiva con un rischio di mortalità più elevato.

Pubblicità

La ritenzione idrica si verifica nell'insufficienza cardiaca, aggiungendosi al peso corporeo ma non riflettendo il contenuto di tessuto adiposo del corpo. Il rapporto vita-altezza non è influenzato da quel peso alterato. Dopo l'aggiustamento, sia il BMI che il rapporto vita-altezza hanno mostrato che livelli più alti erano associati a un maggior rischio di morte o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, ma questo era più evidente per il rapporto vita-altezza.

RAPPORTO VITA AD ALTEZZA (WHtR) OLTRE 0,5 = GRASSO DELLA PANCIA

Le differenze legate alla razza o all'etnia nel gradiente di rischio cardio-metabolico del BMI hanno implicazioni per lo screening delle persone ad alto rischio in una popolazione. Un recente studio, pubblicato il 24 marzo sull'American Journal of Preventive Medicine, ha esaminato l'impatto delle differenze razziali sullo screening della popolazione per il diabete negli Stati Uniti. Le linee guida esistenti della US Preventive Services Task Force (USPTF) raccomandano lo screening per pre-diabete e diabete nelle persone di età compresa tra 35 e 70 anni, se sono in sovrappeso o obese secondo gli standard BMI convenzionali.

Gli autori del nuovo studio hanno riferito che tale screening ha sottostimato i numeri con diabete o pre-diabete negli adulti neri asiatici, ispanici e non ispanici. La percentuale di casi identificati tra le persone di etnia asiatica era significativamente inferiore tra gli asiatici residenti in America, rispetto ad altri gruppi razziali, quando sono stati utilizzati i criteri età cum BMI, rispetto ai valori di glicemia misurati. Raccomandano di eliminare i criteri di screening basati sul BMI e di sottoporre a screening tutti gli adulti nella fascia di età compresa tra 35 e 70 anni. Matthew O'Brien, autore principale dello studio, afferma che una tale strategia rivista promuoverebbe una maggiore equità sanitaria, riducendo l'effetto delle differenze razziali. Forse l'USPTF dovrebbe considerare anche il rapporto vita-altezza!

Da questo tumulto di informazioni emerge un chiaro messaggio da utilizzare in India. Rapporto vita-altezza superiore a 0,5 = adiposità viscerale = aumento del rischio di malattie correlate all'obesità. Funziona per bambini, donne e uomini.

Leggi anche

Cosa dice il cardiologo di Sushmita Sen sul ruolo dell'esercizio fisico nella riduzione …

Perché la papaya è la soluzione migliore per rompere un digiuno e mantenere alti i livelli di energia

XBB.1.16, la nuova variante del Covid: cosa ne sappiamo? Può causare un…

Bere caffè può aumentare la pressione sanguigna? Non è altro che un t…

(Il prof. K. Srinath Reddy è un cardiologo, epidemiologo e Distinguished Professor of Public Health, PHFI)

© IE Online Media Services Pvt Ltd