Parole come secondo anno e nemesi sono tutte greche per te? Ecco cosa significano

0
87

I media non deludono mai. Le notizie e le opinioni con cui ti arricchisce sono divertenti. Le parole e le espressioni con cui ti prende in giro sono un bonus. Mentre chiudiamo il primo trimestre dell'anno, ecco una selezione di tre parole, ciascuna con una storia interessante alle spalle e un'eredità comune.

Con rapporti audaci e titoli accattivanti, le pagine sportive forniscono in particolare alcune lettura divertente. E sono anche il posto giusto per qualche gioco di parole. Nemesiè una parola ricorrente nelle pagine sportive. Un titolo che ha attirato la mia attenzione questa settimana è stato: “La vecchia nemesi torna a perseguitare l'India”. Conteneva un resoconto del 2° ODI tra India e Australia a Visakhapatnam, dove l'ordine di battuta indiano si sgretolò prima dello swing australiano.

Consigliato per te

  • 1L'epidemia del virus Marburg uccide cinque persone in Tanzania: cos'è questo virus?
  • 2Indicatori dell'economia rurale: il paradosso del trattore robusto e delle vendite di due ruote in calo
  • 3Questa citazione significa | Bhagat Singh: ‘La semplice fede e la fede cieca sono pericolose: offusca il cervello e rende un uomo reazionario’

Anche in Wordly Wise |Fratello mio, conosci il naatu? Inoltre, conosci le molte parole che l'inglese deve alle lingue indiane?

Come una pletora di tali parole, nemesi ha le sue radici nella mitologia greca e rappresenta la dea della punizione e della punizione che umiliava l'orgoglioso e l'arrogante. Quindi, una persona di successo temeva di offenderla, perché se diventava troppo altezzoso, poteva seguire la sua rovina. Oggi la parola è usata per indicare un vendicatore o un punitore e anche la punizione stessa. Nelle pagine sportive, la nemesi viene applicata a un atleta o uno sportivo che batte costantemente un avversario. Il rapporto menzionato sopra parlava di come lo swing generato dai pacer del braccio sinistro sia stato la nemesi dell'ordine di battuta dell'India.

Un'altra parola, con un'etimologia interessante, su una delle pagine sportive era secondo anno . È apparso la scorsa settimana in un rapporto sulla prestazione stellare della coppia di donne indiane Treesa Jolly e Gayatri Gopichand agli All England Open Badminton Championships: “Mercoledì, al loro secondo All England, Treesa-Gayatri non ha mostrato il blues della seconda stagione sullo smantellamento…” avversari esperti.

La parola indica uno studente del secondo anno di un corso di studi presso un college o un'università. Si riferisce anche a qualcosa associato al secondo di una serie. È stata la seconda apparizione consecutiva dei due giocatori di badminton al campionato.

Il meglio delle spiegazioni

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Secondo un'etimologia popolare popolare, è un portmanteau delle parole greche “sophos” (che significa intelligente o saggio) e “moros” (che significa sciocco o noioso). Quindi, il significato letterale del secondo anno sarebbe “un saggio sciocco”. Un'altra linea etimologica è che deriva da un precedente termine inglese, “sophumer”, una variazione del greco “sophism” (ingegnoso dispositivo). Un sofista è letteralmente colui che è saggio, ma il termine è diventato dispregiativo nella cultura greca perché sembrava poco saggio, o addirittura arrogante, proclamare la propria saggezza.

All'Università di Cambridge, il secondo e il terzo gli studenti del primo anno erano chiamati “sofisti” (gli studenti del primo anno erano matricole) probabilmente perché le loro conoscenze e argomentazioni non erano abbastanza mature. A poco a poco, il termine è diventato secondo anno.

Pubblicità

Sofistica, che deriva dalla stessa radice che significa saggio, ha una connotazione negativa ed è usato come sinonimo di ragionamento evasivo e fallace.

Spiegato |Porca miseria! Com'è questa gentile creatura in lingua inglese

Mi sono imbattuto in un cavallo di Troia mentre esaminavo un rapporto politico su come la coalizione al potere in Jharkhand è sopravvissuta al piano del rivale per rovesciarla, grazie a un legislatore che era al corrente del piano grazie alla sua amicizia con i protagonisti e allertò i partiti al potere.

Anche questo ha un'origine greca. Nel decimo anno della guerra di Troia, dopo diversi tentativi infruttuosi di catturare Troia, i greci ricorsero a uno stratagemma. Costruirono un colossale cavallo di legno, lo riempirono di uomini armati e riuscirono con l'inganno a far trascinare il cavallo all'interno della città dagli ignari Troiani. Di notte, i soldati greci uscirono dal ventre del cavallo e catturarono Troia.

Pubblicità

Sebbene il cavallo di legno fosse un sotterfugio greco, è chiamato il cavallo di Troia, un'espressione che è diventata un simbolo di insidiosa infiltrazione , una quinta colonna.

Nell'era digitale, il cavallo di Troia si riferisce anche a un programma per computer che sembra utile ma è progettato per distruggere i dati.

L'eredità greca lo è davvero abbondante e senza di essa, la lingua inglese perderà gran parte del suo splendore.

Wordly Wise è una rubrica settimanale di Amitabh Ranjan pubblicata ogni sabato nella sezione Spiegazione. Ti preghiamo di twittare il tuo feedback a @ieexplained