All'udienza nel Regno Unito, Boris Johnson combatte per la sua carriera politica, dice “Non ho mentito” sulle feste di blocco

0
105

Mercoledì un combattivo Boris Johnson ha combattuto per la sua carriera politica, come ha detto l'ex primo ministro britannico “hand on heart” non ha mentito al parlamento sulle partite di blocco del Covid-19 in un'audizione con i legislatori.

Il Comitato dei privilegi del Parlamento sta indagando se Johnson, che è stato estromesso da Downing Street a settembre, ha ingannato intenzionalmente o sconsideratamente la Camera dei Comuni in una serie di dichiarazioni, in cui ha affermato che nessuna regola è stata infranta durante le riunioni. Se il comitato scopre che Johnson ha deliberatamente fuorviato i legislatori, allora potrebbe essere sospeso. Qualsiasi sospensione superiore a 10 giorni potrebbe provocare un'elezione per rimuoverlo dal suo seggio parlamentare e porre fine alla sua carriera politica.

Consigliato per te

    < li>1Il rapporto conoscitivo sugli scontri di Leicester mette in guardia contro enclavi etniche nel Regno Unito
  • 2Il primo grande incendio dell'anno distrugge 3.000 ettari in Spagna
  • 3Israeli AG avverte che Netanyahu ha sfidato la regola del conflitto di interessi

L'ex leader, che l'anno scorso ha preso in considerazione un'audace offerta per un secondo incarico come primo ministro, ha lanciato una lunga difesa in udienza, affermando le dichiarazioni che fatto al parlamento era stato fatto in buona fede.

“Sono qui per dirti, sinceramente, che non ho mentito alla Casa,” ha detto Johnson, che ha accusato il comitato di parzialità. “Quando sono state fatte quelle dichiarazioni, sono state fatte in buona fede e sulla base di ciò che onestamente sapevo e credevo in quel momento.

Il cosiddetto partygate Lo scandalo ha contribuito alla caduta definitiva di Johnson, dopo mesi di segnalazioni secondo cui lui, insieme ad altre figure governative di alto livello, era stato presente a raduni alimentati dall'alcol a Downing Street durante il 2020 e il 2021, quando gran parte del resto della Gran Bretagna è stata costretta restare a casa.

Johnson è stato multato dalla polizia per aver partecipato a un evento per festeggiare il suo compleanno a Downing Street nel giugno 2020, rendendolo il primo primo ministro scoperto ad aver infranto la legge mentre era in carica. Circa 126 multe sono state emesse durante i raduni.

Le proteste e le ripetute accuse di aver mentito sui partiti e le accuse secondo cui un parlamentare conservatore avrebbe palpeggiato due uomini in stato di ebbrezza alla fine hanno portato alle dimissioni della maggior parte della sua squadra di ministri del governo , compreso l'attuale primo ministro, Rishi Sunak, che è stato tra quelli multati.

Ringraziando lo staff

Pubblicità

Harriet Harman, il presidente del comitato, ha detto che prenderà in considerazione le prove fornite da Johnson e potrebbe raccogliere ulteriori prove a tempo debito. Si prevede di riferire i suoi risultati nel corso dell'anno. Ha sottolineato l'importanza che i ministri dicano la verità, affermando che questo è andato al cuore del modo in cui funziona il sistema parlamentare britannico.

All'inizio dell'udienza, Johnson è stato costretto a giurare di dire la verità su una Bibbia prima di testimoniare. Ha detto che l'inchiesta non ha trovato alcuna prova che abbia deliberatamente fuorviato il parlamento e ha detto che gli è stato vietato dalla commissione di pubblicare un “gran numero di estratti” ha fatto affidamento in sua difesa.

Alla domanda sugli eventi di maggio, novembre e dicembre 2020, quando è stato fotografato mentre parlava con colleghi che bevevano, Johnson ha affermato che alcuni incontri erano “essenziali” al funzionamento del governo. Ha detto che la sua presenza agli eventi era necessaria per ringraziare il personale per il loro duro lavoro.

Pubblicità

“Le persone che dicono che abbiamo festeggiato in isolamento semplicemente non sanno di cosa stanno parlando,&#8221 ; disse, irritato. Ha detto di essere “scioccato” essere multato e “stupito” dal numero di altre multe emesse.

“Penso che quello che è successo fondamentalmente, è stato che in alcune sere gli eventi sono semplicemente andati avanti troppo a lungo e non posso scusarmi abbastanza per questo,” ha affermato.

La Gran Bretagna aveva uno dei più alti numeri di morti per coronavirus al mondo, con oltre 1.75.000 morti quando Johnson ha annunciato che si sarebbe dimesso da primo ministro.

Il il gruppo della campagna Covid-19 Famiglie in lutto per la giustizia nel Regno Unito ha affermato che mercoledì è stato “un nuovo minimo”; per Johnson e ha detto che era “doloroso vederlo fare i suoi soliti trucchi di deviazione, autocommiserazione e incolpare tutti tranne se stesso”.

Johnson ha ammesso di aver inavvertitamente ingannato il parlamento ma aveva creduto quello che aveva detto quando ha parlato.

Pubblicità

“Non pensavo che quegli eventi fossero un problema. Nessuno li aveva precedentemente sollevati con me come cose di cui avrei dovuto preoccuparmi,” Johnson ha detto. “Chiamatemi ottuso o ignaro, ma non mi sembravano in conflitto con le regole.”