Carenza di energia: i gestori della rete si preparano per 18 “giorni di allerta” ad aprile

0
95

LA rete elettrica dell'India si sta preparando per un'estate difficile, con un aumento di oltre l'8% del picco di domanda previsto di 230 GW (giga watt) quest'anno e gli operatori di sistema si stanno preparando per una stima di 18 “giorni di allerta” ad aprile, dove un Secondo le proiezioni del National Load Despatch Center (NLDC), potrebbe esserci una grave crisi energetica.

Il picco della domanda dello scorso anno di 211,6 GW è stato registrato a luglio.

Consigliato per te

  • 1Ritu Sarin nominato membro del consiglio ICIJ
  • 2Nessun libro di un autore pakistano viene insegnato nelle università centrali in India, ha detto Rajya Sabha
  • 3In mezzo a un frastuono, LS approva le richieste di budget per le sovvenzioni senza discussione

Per far fronte all'impennata della domanda di questa estate sono stati avviati una serie di interventi: il programma di manutenzione preventiva degli impianti termici convenzionali nel periodo aprile-giugno è stato rinviato in blocco di tre mesi; e gli ordini ai sensi della Sezione 11 dell'Electricity Act (che prevede che il governo può, in circostanze straordinarie, ordinare a una società di produzione di gestire e mantenere qualsiasi stazione) sono stati emessi agli sviluppatori di impianti a carbone importati per far funzionare le unità a piena capacità da Dal 16 marzo al 30 giugno. Alle società di distribuzione statali che hanno PPA (contratti di acquisto di energia) con questi impianti è stato concesso il primo diritto di rifiuto per l'elettricità generata e, se scelgono di non acquistare l'energia generata, gli sviluppatori possono quindi venderla elettricità sul mercato.

Inoltre, sono stati emessi ordini per rendere operativi circa 5.000 megawatt di generazione a gas (1.000 MW è pari a 1 GW) di NTPC Ltd di proprietà statale, e l'elettricità generata da queste stazioni sarà venduta ai titolari di PPA, mentre il resto la generazione deve essere scaricata dal più grande produttore di energia elettrica del paese nel mercato elettrico.

Come parte di questo accordo, i costi fissi di gestione dell'impianto devono essere determinati dal CERC — il regolatore centrale dell'energia elettrica — mentre il costo variabile deve essere determinato dal mercato, con la differenza da rimborsare a NTPC attraverso il Power System Development Fund (PSDF, un fondo di regolamentazione creato dal CERC).

Per questi 18 giorni considerati “critici”, NVVN, braccio commerciale di NTPC, è stato invitato a stipulare contratti e raggruppare fornitori di energia elettrica a gas e qualsiasi recupero in difetto su questo conteggio deve essere compensato dalla PSDF, hanno indicato i funzionari.

Nella regione settentrionale, i livelli del bacino idrico sono buoni, ma nella regione meridionale i livelli sono inferiori al normale ed è probabile che la produzione di energia idroelettrica sia inferiore ai livelli previsti. Di conseguenza, ai servizi pubblici del sud è stato chiesto di risparmiare acqua e utilizzarla per produrre elettricità nelle ore serali di aprile.

Pubblicità

È stato inoltre emesso un avviso per garantire la miscelazione del 6% di carbone importato negli impianti termici convenzionali per far fronte a qualsiasi possibile carenza di forniture nazionali.

Finora, il fattore di carico dell'impianto (PLF) delle centrali termoelettriche è stato di circa il 55%. A lungo termine, l'Autorità elettrica centrale — l'ala di pianificazione del Ministero dell'Energia — ha proposto di abbassare questo PLF minimo al 45% con alcune modifiche delle macchine, per garantire infine che possano funzionare a un carico stabile minimo di circa il 40% come misura a lungo termine.

È stato anche discusso un esercizio di prefattibilità per progetti idroelettrici offstream per l'uso di stoccaggio come mezzo per bilanciare la variabilità dell'energia rinnovabile, ma i progressi sul campo sono in ritardo.

Pubblicità

Nel budget di quest'anno è stata proposta una sovvenzione per la fattibilità per 4.000 MW di accumulo di batterie agli ioni di litio, ma la carenza di litio è un ostacolo fondamentale e non ci sono alternative valide diverse dal litio per lo stoccaggio su larga scala in questo momento. Lo stoccaggio con pompaggio off-stream è l'unica alternativa praticabile per lo stoccaggio di energia, ma la selezione del sito e la due diligence per questi progetti richiedono tempo.

Spiegazione

La dipendenza dagli impianti termici< /h2>

NONOSTANTE l'aggiunta di capacità rinnovabile, ci si rende sempre più conto che la rete elettrica indiana dipende ancora da una flotta obsoleta di impianti termici.

Anche gli obiettivi di energia rinnovabile (RE) si stanno bloccando, con i progetti solari che stanno arrivando anche a un ritmo relativamente più lento. “È ovvio dall'approccio del Centro che la rete dipende in modo critico dalla flotta a carbone di centrali elettriche di 30-35 anni. L'aggiunta di RE power sta diventando una sfida per garantire il funzionamento della rete in assenza di dispositivi di accumulo di energia. RE non è una fonte affidabile di energia senza immagazzinaggio. I vecchi impianti termici del Paese non sono in grado di fornire energia di riserva affidabile durante un'emergenza e non manteniamo riserve di potenza d'asse o di filatura per la risposta automatica in frequenza, che ora si sta rivelando essenziale”, ha affermato un analista di settore, che è a conoscenza le misure di emergenza adottate.

L'attuale capacità di generazione installata nel paese è di 410 GW. I campanelli d'allarme stanno suonando a causa dell'intensificarsi di molteplici questioni che sono venute alla ribalta ogni estate dalla riapertura dell'economia dopo l'arresto della pandemia: la continua dipendenza da vecchie e rigide centrali a carbone per la capacità di carico di base, una carenza di sia il carbone che il gas che alimentano la capacità termica e una marcata dipendenza dalla generazione rinnovabile per raggiungere l'obiettivo di aumento della capacità negli ultimi dieci anni circa. Questa dipendenza ha sollevato le sfide di una rete sempre più alimentata da fonti rinnovabili disponibili solo durante determinate parti della giornata che non sono necessariamente in linea con la curva della domanda di picco.

Della capacità installata, la capacità da risorse energetiche non fossili è stata di 175 GW, che è ben oltre il 40% della capacità totale di energia elettrica installata, con il solare e l'eolico che ne rappresentano la parte maggiore.

La vasta flotta indiana di centrali termiche a carbone della serie 200 MW ha più di 25 anni, funziona con una tecnologia obsoleta e non promette una solida affidabilità.

Pubblicità

Inoltre, considerando che la domanda di carico dell'India è tutt'altro che satura, è urgente sostituire gli impianti a carbone obsoleti con impianti a carbone supercritici che offrano flessibilità operativa come obiettivo intermedio per la transizione totale.

Tuttavia, la domanda di carico dell'India è tutt'altro che satura. , ciò potrebbe non essere accettabile per la comunità internazionale alla luce dell'imminente crisi climatica. Per inciso, la Cina, che è stata una sostenitrice delle energie rinnovabili per la maggior parte dell'ultimo decennio, ha ora approvato il maggior numero di nuove centrali a carbone dal 2015.

Pubblicità

Pechino ha autorizzato l'anno scorso 106 GW di nuova capacità di energia a carbone, quattro volte superiore rispetto all'anno precedente, e l'equivalente di 100 grandi centrali elettriche, secondo una ricerca del Center for Research on Energy and Clean Air e del Global Energy Monitor pubblicata il mese scorso.

Ma il principale motivo generale, secondo diversi attori coinvolti nel business della supply chain, è stata la mancanza di una proiezione convincente della domanda. Ci sono due decisioni a più lungo termine del governo che vengono viste come fattori che avrebbero potuto incidere anche sulle proiezioni della domanda: che non c'erano praticamente nuovi progetti di capacità termica da intraprendere oltre il 2022, oltre i 50.000 MW di capacità termica in costruzione dal 2016, secondo il Piano Nazionale Elettrico 2017-22 del Ministero dell'Energia, dove la spinta è stata quasi interamente sulle rinnovabili per l'incremento di capacità incrementale. In secondo luogo, durante quel periodo vi fu un chiaro scoraggiamento politico nei confronti del carbone importato, principalmente sulla scia della spirale dei prezzi globali del carbone. Entrambe queste decisioni sono ora in fase di modifica alla luce dell'aumento della domanda.

© The Indian Express (P) Ltd