La NIA afferma che il signore della droga di Pak ha inviato eroina e spedizioni di armi per il terrore in India

0
75

TRE MESI dopo che 10 cittadini pakistani sono stati arrestati con 40 kg di eroina e un deposito di armi e munizioni in un peschereccio al largo della costa del Gujarat, la National Investigation Agency (NIA) ha scoperto nella sua indagine che erano stati inviati da Haji Salim Baloch, un signore della droga nella provincia pakistana del Balochistan, per commettere attività terroristiche in India e per fornire fondi a gruppi terroristici nel Punjab e nel nord dell'India.

La NIA, a cui è stata affidata l'indagine dal Ministero della Affari interni il 6 marzo, ha registrato un FIR contro i 10 cittadini pakistani tre giorni dopo ai sensi delle sezioni dell'NDPS Act e dell'Arms Act.

Consigliato per te

  • 1‘Violenza di genere’, ‘uccisioni illegali’, ‘arresti arbitrari’: il rapporto degli Stati Uniti segnala ‘questioni relative ai diritti umani’ in India
  • 2Farmaco ayurvedico Ayush 64 ben tollerato e sicuro per l'uso nei pazienti con Covid-19: Studio
  • 3I casi attivi di Covid-19 in India salgono a 7.026; country report 5 morti

Il FIR è stato registrato su un reclamo sub-ispettore Y G Gurjar, inviato con la squadra antiterrorismo (ATS) ad Ahmedabad.

“Un barca straniera, ‘Al Soheli’, con numero di registrazione BFD 14460 è stata intercettata e 10 cittadini stranieri sono stati arrestati e il sequestro di sei pistole di fabbricazione straniera con sei caricatori e 120 cartucce cariche insieme a 40 kg di eroina è stato recuperato”, il FIR ha dichiarato.

“La partita di armi e droga è stata inviata dalla mafia della droga con sede all'estero, gestita da Haji Salim Baloch Wala… per guadagni finanziari e con l'intenzione di commettere attività terroristiche in India e per fornire fondi alle bande terroristiche del Punjab e dell'India settentrionale”, ha affermato.

I funzionari hanno affermato che il peschereccio Al Soheli è stato intercettato in un'operazione congiunta dal Gujarat ATS e Indian Coast Guard il 26 dicembre dello scorso anno.

© The Indian Express (P) Ltd