L'osservazione dello sciopero chirurgico di Digvijaya Singh mette nuovamente il Congresso sulla difensiva

0
19

Non per la prima volta, il veterano leader del Congresso Digvijaya Singh ha messo in difficoltà il suo partito sollevando dubbi sull'attacco chirurgico del 2016 e attirando la reazione del BJP che ha affermato che il partito di opposizione era stato accecato dal suo “odio” per il Primo Ministro Narendra Modi e aveva “insultato” le forze armate.

Discorso a una manifestazione a Jammu durante il Bharat Jodo Yatra in corsolunedì, l'ex primo ministro del Madhya Pradesh ha detto che il governo dell'Unione guidato dal BJP parla dell'attacco chirurgico condotto in tutto il LoC ma non ha fornito alcuna prova a sostegno della sua affermazione. “Parlano dello sciopero chirurgico. Che abbiamo ucciso così tante persone. Ma non ci sono prove. Keval jhoot ka pulinda se yah raj kar rahe hain (Stanno spacciando un mucchio di bugie)”, ha detto.

Il partito ha preso le distanze dai commenti. “Le opinioni espresse dal leader senior Digvijaya Singh sono le sue e non riflettono la posizione del Congresso. Gli attacchi chirurgici sono stati effettuati prima del 2014 dal governo dell'UPA. Il Congresso ha sostenuto & continuerà a sostenere tutte le azioni militari che sono nell'interesse nazionale”, ha affermato il segretario generale del Congresso Jairam Ramesh.

Il BJP si è scagliato contro il Congresso. “L'India non tollererà se parlano contro le forze armate. Rahul Gandhi e il Congresso odiano il primo ministro Modi, ma sembra che siano stati accecati dall'odio a tal punto che la loro dedizione al Paese si è inaridita,” ha detto il portavoce del BJP Gaurav Bhatia. “Gandhi e il Congresso non hanno fiducia nelle nostre coraggiose forze armate. Sollevano ripetutamente domande e insultano i cittadini dell'India e le nostre forze armate.

Anche se questa non è la prima volta che Singh chiede prove dello sciopero, non è nemmeno l'unico leader del Congresso a cercare prove. La reazione iniziale del Congresso nel 2016 è stata quella di accogliere con favore l'azione dell'esercito. Ma, con il BJP che ha cercato di vendere l'operazione come un risultato del governo Modi, il partito ha presto cambiato rotta e ha iniziato a sostenere che non era la prima volta che l'esercito indiano conduceva attacchi chirurgici.

Verso il 2024 |Congresso' Il dilemma della religione gira l'angolo, tutti lasciano il posto a “tapasvi” Rahul

“Il Partito del Congresso si congratula con le forze armate per il successo dell'operazione e offre il suo sostegno al governo nella continua battaglia del nostro Paese contro il terrorismo transfrontaliero”, ha dichiarato Sonia Gandhi, l'allora presidente del Congresso, il 29 settembre, ore dopo che l'esercito ha annunciato che l'attacco chirurgico aveva inflitto danni all'infrastruttura del terrore attraverso la linea di controllo. L'attacco è stato condotto più di una settimana dopo l'attacco terroristico di Uri.

Giorni dopo, Singh ha sparato la prima salva. Sottolineando che gli osservatori delle Nazioni Unite e il suo portavoce ufficiale avevano contestato l'affermazione dell'India, nella prima settimana di ottobre ha sostenuto che “abbandonate il Pakistan… credibilità delle nostre forze armate”.

E non era solo. Diversi leader del Congresso hanno preso di mira il governo, chiedendogli di fornire prove per chiarire i dubbi sugli attacchi chirurgici. E poi è arrivato il feroce attacco di Rahul Gandhi al governo, anche se sosteneva di non avere motivo di non credere alla dichiarazione dell'esercito.

Gandhi all'epoca accusò il primo ministro Narendra Modi di trarre profitto dal sacrificio dei soldati. “Jo hamare jawan hain, jinhone apna khoon diya hai Jammu Kashmir main … jinhone Hindustan ke liye attacco chirurgico kiya hai, unke khoon ke peeche aap chupe hue ho. Unki aap dalali kar rahe ho. Yeh bilkul galat hai (I nostri soldati che hanno versato il loro sangue in Jammu e Kashmir, che hanno condotto gli attacchi chirurgici, vi nascondete dietro il loro sangue. State approfittando di loro)”, ha detto in una manifestazione a Delhi il 6 ottobre.

Annunci Leggi anche |Solitamente seguendo una rigida dieta 'niente riso, niente roti', Rahul Gandhi parla dei suoi cibi preferiti e della sua routine di allenamento

Giorni dopo, l'allora capo del Congresso di Mumbai, Sanjay Nirupam, ha affermato che “ogni indiano vuole attacchi chirurgici contro il Pakistan, ma non falsi per ottenere solo benefici politici dal BJP”. Ma il Congresso si è dissociato dalla dichiarazione di Nirupam, con l'allora capo del dipartimento delle comunicazioni, Randeep Surjewala, che ha tenuto una conferenza stampa urgente per chiarire le cose.

Ha detto che il Congresso non è d'accordo con la dichiarazione di Nirupam, ma ha sostenuto che il governo dovrebbe scoprire il bluff pakistano e la falsa propaganda utilizzando tutte le informazioni, le prove e gli strumenti a sua disposizione.

La posizione del Congresso allora era che gli attacchi chirurgici non erano una novità. Il partito ei suoi alti dirigenti hanno menzionato alcune date degli anni dell'UPA-II in cui l'esercito avrebbe condotto operazioni militari simili. P. Chidambaram, ad esempio, ha sostenuto che l'India ha condotto un attacco chirurgico nel 2013, ma il governo dell'UPA ha scelto di non renderlo pubblico in linea con la sua politica di moderazione strategica. L'alto leader Anand Sharma ha affermato che l'esercito ha agito nel 2008, 2009, 2011 e 2013, ma il governo guidato dal Congresso ha scelto di non assumersi la “proprietà politica” di tali azioni.

Pubblicità

Nel febbraio 2019, pochi giorni dopo l'attacco terroristico di Pulwama, il Congresso ha annunciato la nomina del tenente generale DS Hooda a capo della sua task force sulla sicurezza nazionale. In qualità di capo del comando settentrionale dell'esercito, Hooda ha supervisionato l'attacco chirurgico nel 2016. Nel dicembre 2018, alla domanda sull'attacco, ha detto: “L'overhype ha aiutato? Dico, assolutamente no. Se inizi ad avere risonanza politica nelle operazioni militari, non va bene. C'erano troppe battute politiche, da entrambe le parti, e quando le operazioni militari vengono politicizzate, non va bene.”

Nell'aprile 2019, la task force guidata da Hooda ha presentato il suo rapporto a Rahul Gandhi.

p>

Nel frattempo, il Congresso è stato messo sulla difensiva dopo l'attacco aereo di Balakot che era una risposta all'attacco di Pulwama. Nel marzo 2019, il tecnocrate diventato leader del Congresso Sam Pitroda ha cercato “altri fatti” e prove del bilancio delle vittime dell'attacco aereo. Il Congresso è stato nuovamente costretto a prendere le distanze, affermando che “l'espressione di un'opinione da parte di un individuo non ha nulla a che fare con l'opinione del partito”.

Digvijaya non è nuova alle polemiche. Le sue osservazioni secondo cui l'incontro di Batla House del 2008 era falso e la richiesta di un'indagine giudiziaria hanno messo in difficoltà il Congresso e il governo di Manmohan Singh.

Anche il suo commento di aver parlato con il capo della squadra antiterrorismo del Maharashtra Hemant Karkare il 26 novembre 2008, ore prima che la città subisse un attacco terroristico, ha scatenato una lite. Karkare è stato ucciso nell'attacco. Digvijaya ha affermato che Karkare gli aveva detto di aver ricevuto chiamate di minaccia da estremisti indù. Karkare all'epoca stava conducendo le indagini sulle esplosioni di Malegaon del 2008 per le quali erano stati arrestati tre membri di un gruppo Hindutva.

Storie per soli abbonatiVisualizza tutto

Usare nomi di animali per maltrattarsi a vicenda è uno stereotipo che potremmo fare con…< figura>

Nell'Odisha, alimentata dalla pioggia Malkangiri, uno schema idrico aiuta gli agricoltori a coltivare un se…

Delhi Confidential: uno speciale bancone del miglio a Delhi L-G’s At Home…

Visita del Ministro degli Affari Esteri S Jaishankar in Sri Lanka: Key ta…Applica il codice promozionale di Capodanno SD25Pubblicità

Visita di Digvijaya ad Azamgarh nel 2010 – ha affermato di aver partecipato a una visita conoscitiva per scoprire “le ragioni per cui Azamgarh è stato nominato nei casi di attacco terroristico” – ha anche spinto il partito in un angolo ed è stato visto come esagerare con la “linea musulmana” spesso facendo dichiarazioni polarizzanti. L'ex CM del Madhya Pradesh ha anche affrontato l'allora ministro dell'Interno dell'Unione P. Chidambaram nel 2010 sulla politica del governo Naxal, definendolo addirittura “intellettualmente arrogante” in un articolo di giornale.