La NASA ha speso 57 milioni di dollari in attrezzature per la costruzione della base lunare

0
70
3000ad/Shutterstock.com

La NASA ha compiuto un grande passo verso la costruzione della sua prima base lunare. Non puoi costruire una casa senza attrezzi, e questo è vero sia sulla Luna che sulla Terra. A complicare ulteriormente le cose, come tutti gli altri attrezzi che usi nello spazio, i materiali da costruzione basati sulla Luna sono piuttosto complessi.

Una società con sede in Texas ha ricevuto un contratto da 57 milioni di dollari per progettare l'attrezzatura di cui la NASA avrà bisogno per costruire i suoi habitat lunari iniziali. ICON, che ha già aperto la strada a metodi di costruzione avanzati sulla Terra, è stata incaricata di progettare l'attrezzatura di cui la NASA ha bisogno per costruire una base sulla Luna.

Riproduci video

L'azienda’ I progetti precedenti di s includono la prima casa stampata in 3D al mondo. Vale la pena notare che numerose aziende hanno fatto affermazioni simili, ma che tu costruisca la prima o la centesima, richiede comunque lo sviluppo di una tecnologia di costruzione all'avanguardia.

Per quanto riguarda i materiali da costruzione effettivi, sono già lassù. Le dimore orbitali saranno costruite con materiali raccolti dalla superficie della Luna stessa. ICON utilizzerà campioni reali di suolo lunare riportati dalle missioni Apollo. L'azienda condurrà esperimenti su come si comporta il suolo in condizioni simili alla luna.

RELATEDQuesto prototipo di motocicletta elettrica lunare vuole aiutare la NASA sulla Luna

La capacità di costruire sulla luna è vitale per i piani futuri della NASA. Howard Hu, capo del programma di veicoli spaziali lunari Orion, ha precedentemente annunciato l'intenzione di far vivere esseri umani sulla luna entro il 2030.

Fa tutto parte del programma Artemis della NASA, che mira riportare l'uomo sulla luna per la prima volta in 50 anni, stabilirvi una base permanente e anche costruire un “gateway” che può essere utilizzato come punto di sosta per futuri viaggi su Marte e oltre.

Fonte: NASA via Space.com