Questo mese nella storia della tecnologia: dicembre

0
60
MOZCO Mateusz Szymanski/Shutterstock.com

Il primo mese d'inverno vede il lancio di alcuni importanti prodotti nella storia della tecnologia. Una delle grandi console per videogiochi vede il suo inizio dopo un amaro tradimento, gli umani visitano la luna per l'ultima volta e il primo personal computer di successo commerciale viene messo in vendita. Leggi tutto a riguardo.

Sommario

3 dicembre 1994: Sony lancia PlayStation
7 dicembre 1972: lancio dell'Apollo 17
10 dicembre 1993: rilascio di Doom
11 dicembre 2008: Google rilascia Chrome
17 dicembre 1997: nasce il termine “Blog”
19 dicembre 1974: Altair 8800 in vendita
25 dicembre 1959: Sony annuncia il suo primo televisore

Dicembre 3, 1994: Sony lancia PlayStation

Mundofoto/Shutterstock.com

La console di gioco di punta di Sony, la PlayStation, in realtà ha le sue origini come sistema di gioco Nintendo. Quando il “padre della PlayStation,” Ken Kutaragi, ha visto sua figlia giocare sul suo Famicom, è rimasto impressionato. Il dirigente di Sony ha chiesto a Nintendo di includere il processore audio SPC-700 nel prossimo Super Nintendo.

RELATEDQuesto mese nella cronologia tecnica: maggio

Sebbene sia stato quasi licenziato lavorando con Nintendo senza autorizzarlo con Sony, l'interazione ha portato a un rapporto di lavoro tra le due società. Nintendo ha incaricato Sony di creare un componente aggiuntivo su CD-ROM per il Super Nintendo, soprannominato “Play Station.” Ma non era previsto che lo fosse. Poco prima dell'annuncio della Play Station al Consumer Electronics Show del 1991, Nintendo ha bruscamente annullato il progetto senza informare il proprio partner.

Sony ha annunciato la partnership e la Nintendo Play Station al CES. Ma, con una mossa drammatica per l'era dei videogiochi, Sony ha fatto il proprio annuncio il giorno successivo che ha annullato la partnership Sony e la Play Station. E che la società avrebbe invece collaborato con il rivale occidentale di Nintendo, Philips.

Il tradimento ha irritato sia Kutaragi che il presidente di Sony Norio Ohga, che hanno deciso di creare il proprio sistema di gioco. Tre anni dopo, la società ha rilasciato la prima PlayStation al mondo. È diventata la console più venduta della quinta generazione, superando il Nintendo 64 di ben 70 milioni di unità.

7 dicembre 1972: lancio dell'Apollo 17

Tutti conoscono i nomi dei primi uomini che hanno messo piede sulla Luna: Neil Armstrong e Buzz Aldren. Ma molti meno ricordano i nomi degli ultimi uomini che hanno camminato sull'unico satellite naturale della Terra: Gene Cernan e Harrison Schmitt. La loro missione, Apollo 17, è stata lanciata per la Luna solo tre anni e mezzo dopo il viaggio di Armstrong e Aldren. Fu l'ultima missione del programma Apollo e pose fine a un'era di esplorazione lunare con equipaggio.

RELATEDQuesto mese nella storia della tecnologia: agosto

L'Apollo La missione 17 ha stabilito diversi record per il volo spaziale. A 12 giorni e 14 ore, è stata la missione di atterraggio lunare più lunga. Cernan e Schmitt hanno trascorso la maggior parte del tempo sulla superficie lunare di tutti i partecipanti al programma Apollo, 22 ore e quattro minuti. E hanno riportato più carico lunare rispetto alle missioni precedenti.

Inoltre, questa missione è stata la prima a portare forme di vita non umane sulla Luna. I cinque topi che hanno portato con sé si chiamavano “Fe,” “Fi,” “Fo,” “Fum,” e “Phooey.” Sebbene i roditori non siano mai stati portati sulla superficie della Luna, condividono i record di volo spaziale con il pilota del modulo di comando Roland Ellwin Evans Jr. per il tempo più lungo trascorso in orbita lunare (147 ore e 43 minuti) e le orbite più lunari (75 ).

L'equipaggio dell'Apollo 17 tornò a guadagnare il 19 dicembre 1972. La NASA aveva pianificato altre missioni sulla Luna, ma le scartò perché il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon voleva spostare l'attenzione sui prossimi programmi Skylab e Space Shuttle.

10 dicembre 1993: Rilascio di Doom

 

Ted Needleman/Review Geek

Sebbene i videogiochi sparatutto in prima persona esistessero da anni, non avevano ottenuto l'accettazione mainstream sui personal computer. La tecnologia semplicemente non era stata ancora sviluppata. Tutto è cambiato con il rilascio di id Software di Wolfenstein 3D. Il successo di quel gioco ha dimostrato ai game designer John Romero, Tom Hall e John Carmack che il genere era pronto per la prima serata e si proponeva di creare il prossimo gioco dell'azienda.

RELATEDQuesto mese nella cronologia tecnica: luglio

Il team ha optato per un tema horror fantascientifico basato sul loro amore per il gioco di ruolo Dungeons and Dragons e ha incaricato Hall di elaborare le basi del gioco. Alla fine di novembre 1992, ha consegnato la “Doom Bible,” descrivendo in dettaglio una storia intricata di scienziati che lavorano sulla Luna che hanno accidentalmente aperto un portale, rilasciando alieni (in seguito scoperti essere demoni) sulla loro base. Carmack ha rifiutato la storia elaborata, affermando notoriamente: “La storia in un gioco è come la storia in un film porno;” ci si aspetta che ci sia, ma non è così importante.” Tuttavia, l'idea di Hall di combattere i demoni sulla Luna è rimasta la premessa semplificata del gioco.

Nel corso del 1993, Hall divenne sempre più insoddisfatto del corso del gioco quando Romero e Carmack ignorarono i suoi consigli come lead designer. Le cose sono precipitate a luglio e Hall è stato licenziato e sostituito dal game designer Sandy Peterson per finire il lavoro iniziato da Hall. La data di uscita ufficiale del gioco di settembre è stata posticipata verso la fine dell'anno.

Nonostante la produzione travagliata, Doom è stato un successo strepitoso alla sua uscita di dicembre. Id Software ha commercializzato i primi nove livelli come freeware, con il gioco completo disponibile per corrispondenza. Doom ha preso il mainstream del genere sparatutto in prima persona e ha persino ispirato il termine “Doom clone” dal momento che così tanti giochi hanno copiato la premessa del gameplay di Doom.

11 dicembre 2008: Google rilascia Chrome

Abbiamo raccontato la prima guerra dei browser tra Internet Explorer e Netscape Navigator nelle precedenti edizioni di Questo mese nella storia della tecnologia. Avviso spoiler: Internet Explorer ha vinto. Ma quella vittoria fu solo temporanea. Nel giro di pochi anni dalla scomparsa di Netscape, nuovi browser come Firefox e Safari iniziarono a spuntare per sfidare il dominio di Microsoft sul mercato.

RELATEDQuesto mese nella storia della tecnologia: ottobre

Tuttavia, la seconda guerra dei browser si è davvero surriscaldata quando Google ha rilasciato Chrome nel 2008. È stato il primo browser a implementare il software Chromium open source dell'azienda, su cui sono costruiti molti dei browser odierni (Brave, Opera, Microsoft Edge e Amazon Silk, solo per citarne alcuni). La società ha rilasciato la versione Beta del browser il 2 settembre 2008 per Windows XP e ha guadagnato quasi immediatamente l'1% del mercato dei browser. Alla fine della fase Beta, Google Chrome era sulla buona strada per dominare il mercato.

Gli utenti adoravano la natura open source di Chrome e quando Google ha rilasciato versioni multipiattaforma del browser, ancora più utenti hanno iniziato ad adottarlo. Inoltre, l'ampia varietà di app, estensioni e plug-in ha contribuito ad alimentare la quota di mercato di Chrome. Il browser ha raddoppiato il numero di persone che lo utilizzavano ogni anno fino al 2013, quando è diventato il browser Web numero 1. Oggi, il 65% di tutte le persone che navigano sul Web utilizza Chrome.

17 dicembre 1997: il termine “Blog” Nato

Rawpixel. com/Shutterstock.com

Negli anni '20, i blog possono sembrare una reliquia del passato della cultura di Internet. Sono ancora in giro ma non così dominanti come una volta. Nessuno sa quale sia stato il primo blog tecnico, ma sappiamo che Jorn Barger ha coniato il termine il 17 dicembre 1997. Ha usato la frase “weblog” per descrivere l'elenco dei collegamenti presenti sul suo sito Web, Robot Wisdom. I collegamenti erano a siti che ha visitato e che voleva evidenziare per i suoi lettori.

RELATEDQuesto mese nella cronologia tecnica: giugno

Il termine è stato rapidamente abbreviato in “blog,” ed è diventato sinonimo di qualsiasi sito Web che presentava post veloci ed è diventato, nelle parole di Jarvis, “lo strumento di pubblicazione più economico e veloce mai inventato.” Non passò molto tempo prima che migliaia e migliaia di blog iniziassero a spuntare su Internet, dando agli utenti comuni i mezzi per pubblicare qualsiasi cosa avessero in mente in quel momento. La proliferazione dei blog nei primi anni 2000 ha portato a un altro termine, la “blogosfera,” una rete di blog vagamente connessa che fungeva da apparato proto-social-media in un'epoca di massiccia crescita di Internet. E i “blogger” divennero, secondo la fondatrice dell'Huffington Post Arina Huffington, “i pitbull del giornalismo.”

Tuttavia, con l'avvento del “microblogging” tecnologia come Twitter, il predominio delle piattaforme di social media come Facebook e strumenti di pubblicazione audio come i podcast, i blog hanno iniziato a prendere posto negli anni 2010. E mentre ci sono ancora centinaia di milioni di blog là fuori, l'era dei blog è decisamente finita.

19 dicembre 1974: Altair 8800 parte In vendita

Tutti ricordano il loro primo personal computer. Tuttavia, sono pochissimi quelli che ricordano qualcosa oltre l'Altair 8800. Questo microcomputer è stata la prima macchina di successo commerciale disponibile per gli utenti comuni. Ha i suoi inizi con i militari dell'aeronautica americana Ed Roberts e Forrest M. Mims III. Gli uomini hanno deciso di utilizzare il loro background nell'elettronica per vendere kit di modellini di razzi agli hobbisti. Nel 1969, la coppia ha fondato Micro Instrumentation and Telemetry Systems per vendere i propri razzi nel tempo libero.

RELATEDQuesto mese nella cronologia tecnica: settembre

La neonata compagnia è cresciuta e la coppia ha lasciato l'Air Force nel 1972 per intraprendere una carriera nel settore della tecnologia. MITS ha iniziato a vendere transistor radio e calcolatrici per aumentare il proprio successo con i razzi. Ma non è stato fino alla metà degli anni '70 che l'azienda ha trovato il prodotto per cui sarebbe stata meglio conosciuta. L'Altair 8800 è stato venduto come kit poiché a quei tempi non esistevano computer all-in-one. La pubblicità sulla rivista pubblicitaria per l'Altair 8800 indicava che “Costruire il proprio computer non sarà un gioco da ragazzi”. (Ma faremo in modo che sia un'esperienza gratificante).” Tuttavia, potresti ordinare un'unità assemblata per un extra di $ 200.

Lo schema di marketing per corrispondenza ha dato i suoi frutti e, entro due mesi dal lancio, MITS ha ricevuto più di 1.000 per l'Altair 8800. Entro la fine di maggio 1975, l'azienda ha consegnato più di 2.500 unità e 5.000 entro la fine dell'estate. Nel 1976, la società ha rilasciato il successore dell'Altari 8800, l'Altair 8800B. E nel 1977, MITS fu acquistata da Pertec Computer Corporation, che commercializzò la macchina come PC 8800.

25 dicembre 1959: Sony annuncia il suo primo televisore

Lurtrat R/Shutterstock.com< /figura>

Probabilmente tutti coloro che leggono questo hanno posseduto un televisore Sony ad un certo punto della loro vita. Tuttavia, quei grandi schermi UHD hanno le loro radici nel lontano 1959, quando il fondatore della Sony Masaru Ibuka parlò del suo sogno per un televisore a transistor in un'intervista a una rivista. Ha detto che voleva un set pronto per arrivare sugli scaffali entro la fine dell'anno. Ma il team di Sony era già al lavoro su un dispositivo del genere quando l'intervista è stata stampata.

RELATEDQuesto mese nella storia della tecnologia: aprile

Sony ha prodotto per la prima volta un prototipo di TV a transistor nell'aprile del 1959. Con solo uno schermo da otto pollici, era piccolo ma lungo e presentava una maniglia per il trasporto, orecchie di coniglio e due quadranti in alto con quattro nella parte posteriore. Dopo numerosi miglioramenti e test, il sogno di Ibuka si è avverato e Sony ha annunciato il TV8-301 il giorno di Natale del 1959.

Non solo questo modello è stato il primo TV di Sony a raggiungere il mercato, ma anche il primo televisore al mondo interamente a transistor di tipo non di proiezione. Inoltre, è stato il primo televisore portatile sul mercato, anche se bisognava essere abbastanza forti per trasportarlo. E non è stato un grande successo, poiché la maggior parte vedeva un dispositivo del genere come un lusso e poco pratico. Sony ha interrotto la produzione del modello solo due anni dopo il suo lancio sul mercato nel 1962.