Ecco perché l'hosting autonomo di un server vale la pena

0
61
Lukmanazis/Shutterstock.com

Se hai mai considerato l'hosting autonomo di un server per eseguire uno o più servizi invece di utilizzare quelli esistenti fornitori basati sul Web, probabilmente hai riflettuto se ne valesse la pena. Ecco perché lo è.

Che cos'è il self-hosting?

Prima di approfondire alcuni dei motivi per cui il self-hosting è fantastico, mettiamo tutti sulla stessa pagina nel caso in cui non abbiano familiarità con il termine e la pratica.

Self-hosting l'hosting è quando si utilizza un computer sulla propria rete locale a casa o un remoto “bare metal” host del server che hai acquistato—ospita i tuoi servizi per vari scopi.

Invece di utilizzare un servizio di backup come Google Foto o iCloud, ospiti la tua piattaforma di backup e visualizzazione utilizzando Nextcloud Photos, PhotoPrism o simili. Invece di utilizzare un sistema di gestione delle password come LastPass o 1Password, ospiti il ​​tuo gestore di password come BitWarden.

Se ti viene in mente un servizio che utilizzi attualmente sul Web e/o per il quale paghi un canone di abbonamento, è probabile che ci siano una o più alternative self-hosted per sostituirlo. Ad esempio, non hai ancora superato la morte di Google Reader dopo tutti questi anni? Perché non ospitare il tuo aggregatore RSS come Sismics Reader che nessuno potrà mai portarti via?

RELATEDEcco perché l'hosting autonomo di un server non è un bene Idea

Ora, prima di passare a motivi convincenti per l'hosting autonomo, saremo sinceri e onesti con te. Il self-hosting non è per tutti e ci sono molti buoni motivi per non farlo.

Se non desideri essere il tuo amministratore di server e trattare questo come una sorta di hobby di formazione continua in cui impari molto su tutti i tipi di argomenti tecnici lungo la strada, va bene.

Non c'è niente di sbagliato nel coltivarlo e pagare per una soluzione di terze parti adatta alle tue esigenze. Ma se sei incline ad adottare un approccio più pratico, personalizzato e orientato alla privacy per le tue esigenze, ne vale la pena.

Il self-hosting è l'ultima mossa per il potere della privacy

Quando utilizzi un servizio di terze parti per le tue esigenze, qualunque esse siano, ti assumi sempre un certo grado di rischio per la privacy.

Quando carichi file su un provider di servizi cloud, non sai davvero quanto siano sicuri quei file o cosa il provider potrebbe o meno fare con essi. Li scannerizzeranno in qualche modo? Elimineranno i file che corrispondono all'hash del file protetto da copyright, anche se hai il diritto di utilizzare e archiviare quel file? Chi ha accesso ai tuoi file? Quante persone possono accedere alle tue foto, documenti e altri file in un'azienda con centinaia o addirittura migliaia di dipendenti?

Non lo saprai mai veramente. Devi semplicemente credere alla parola dell'azienda in questione che nessuno sta guardando le tue cose e che tutto è al sicuro.

Lo accettiamo tutti, in misura maggiore o minore, perché è quasi impossibile vivere nel mondo moderno senza una sorta di impronta digitale e varie connessioni a diversi social media, fornitori di webmail e società di archiviazione, ma è 8217;vale la pena fare un passo indietro e chiedersi se vale la pena dare a quel servizio l'accesso a parte o a tutta la tua vita digitale per la convenienza di un determinato servizio.

Inoltre, i processi legali per ottenere l'accesso ai tuoi dati sono molto diverso quando controlli personalmente quei dati sull'hardware che possiedi piuttosto che affittare effettivamente lo spazio da una terza parte per utilizzare i loro servizi.

Se frequenti forum su Internet in cui le persone discutono di problemi di privacy digitale e suggerimenti e trucchi per l'hosting autonomo, potrebbero sembrare un gruppo di persone paranoiche, ma alla fine non si sbagliano. Scambiamo tutti gran parte della nostra privacy per le comodità fornite dai servizi basati sul web.

Hai il controllo totale sull'esperienza dell'utente

< p>Certo, il self-hosting non è una passeggiata. Non configurerai mai un'alternativa self-hosted a un servizio con la stessa facilità con cui potresti semplicemente visitare la versione di terze parti di quel servizio e registrarti con il tuo indirizzo email e/o pagare una quota di abbonamento.

Ma hai il controllo totale sull'esperienza di self-hosting. Su quale hardware lo esegui, quale software scegli, quando aggiorni (o non aggiorni) quel software e così via. Quante volte hai utilizzato un servizio di terze parti e hanno cambiato il layout, l'aspetto o persino il modello di business e ti è rimasto un prodotto che non ti piaceva molto o a un prezzo che non avevi? ;t vuoi pagare? Oppure, nel peggiore dei casi, la società madre chiude il progetto o addirittura fallisce. Quindi non puoi utilizzare il servizio o accedere ai tuoi dati (e chissà dove sono finiti i tuoi dati quando la società si è sciolta).

Se sei un host autonomo puoi esercitare il controllo su quelle cose. Puoi utilizzare un fork di un progetto open source se non ti piacciono i cambiamenti nella versione principale. Puoi prendere i tuoi dati e passare a un nuovo servizio con facilità. Puoi scegliere di non aggiornare qualcosa se un grande cambiamento in un progetto interrompe una funzionalità cruciale che ti piace.

Non sei solo bloccato in balia di qualunque cosa una grande azienda decida di fare o non fare, e se stai eseguendo il software sul tuo server di casa, allora le luci si spengono solo se decidi di rottamare il progetto, non perché Google, o qualche altra azienda, decida che non vale più la pena tenere il servizio.

La sicurezza è più facile di te Pensa

Una grande preoccupazione che molte persone hanno quando si tratta di self-hosting è la sicurezza. Nessun dubbio a riguardo; è un'ottima cosa a cui pensare (e su cui nutrire preoccupazioni).

Se stai cercando di ospitare un servizio per la tua famiglia allargata, sostituendo di fatto Google nella loro vita, hai un po' una sfida tra le mani. A quel punto, sei un fornitore su piccola scala per te stesso e hai tutti i mal di testa che derivano dall'essere tale.

Ma l'hosting autonomo solo per te o per i tuoi parenti stretti a casa tua è molto più semplice e i problemi di sicurezza sono notevolmente inferiori.

Per i miei servizi self-hosted, ad esempio, ho configurato la mia rete in modo che l'unica esposizione a Internet sia un server VPN Wireguard. Tutti i miei dispositivi, telefoni, tablet, laptop, ecc., quando sono lontano da casa, si connettono tramite quel server VPN in modo che funzionino come se fossero sulla rete locale.

RELAZIONATOChe cos'è un proxy inverso e come funziona?

Esistono vari modi per gestire connessioni sicure ai tuoi progetti self-hosted, ma è difficile da battere utilizzando solo una VPN per creare un tunnel sicuro verso casa tua, soprattutto per uso personale di base. Se scegli di ospitare servizi che vuoi che altri utilizzino (come un server Minecraft, ad esempio), molte persone scelgono di configurare un proxy inverso.

Internet sia lento che veloce rende conveniente l'hosting autonomo

Potresti essere incline a pensare che la tua connessione Internet domestica sia troppo lenta per il self-hosting o, al contrario, che sia così veloce che il self-hosting sia perfetto.

Paradossalmente, entrambe le cose sono vere . Se disponi di una connessione Internet domestica molto lenta, in particolare una velocità di caricamento lenta, non sarà una grande esperienza provare a ospitare autonomamente un server multimediale di grandi dimensioni utilizzando, ad esempio, Plex per lo streaming di film a te stesso mentre sei in viaggio.< /p> RELAZIONATOCome costruire la tua sincronizzazione di file cloud con Nextcloud

Tuttavia, poiché la maggior parte delle attività di self-hosting si svolgono a casa, se fai da solo l'hosting di qualcosa come backup di foto o simili, quando utilizzi il servizio di self-hosting puoi godere di velocità simili a quelle della banda larga sulla rete locale. Non puoi dire lo stesso se stai tentando di utilizzare un host remoto come Google Foto su una connessione Internet domestica molto lenta. Ma la sincronizzazione dei file locali come Nextcloud funzionerà alla grande.

E, sul lato opposto del problema, se disponi di una connessione Internet domestica molto veloce, come una connessione in fibra gigabit sincrona, puoi (e dovresti!) Trarne vantaggio. Il tuo caricamento potrebbe non essere abbastanza veloce da consentirti di ospitare tutti i servizi che desideri ospitare per 500 persone, ma non stai ospitando per 500 persone. Stai ospitando per te stesso e forse per alcuni membri della famiglia.

Quando utilizzo soluzioni self-hosted sulla mia connessione personale, anche quelle a uso intensivo di larghezza di banda come lo streaming di film in HD, non sarei mai in grado di dire che non stavo trasmettendo direttamente da Netflix o da uno dei grandi servizi.< /p>

Si ripaga da solo

Non so voi, ma nel corso degli anni sembra che tutte le quote di abbonamento si siano lentamente accumulate. Anche mettendo da parte cose come i servizi di streaming, quando inizi a contare tutte le “piccole” cose come archiviazione cloud, account di telecamere di sicurezza basati su cloud, gestori di password, app per elenchi di cose da fare, questo, quello e l'altro, scoprirai che stai spendendo facilmente centinaia di dollari all'anno su tutto i vari servizi che usi.

Se sei disposto a riutilizzare un vecchio PC o persino a costruire un server domestico a basso consumo (cosa che può essere fatta abbastanza a buon mercato dato che stai saltando il componenti costosi come una CPU all'avanguardia e nemmeno l'installazione di una GPU) la tua configurazione può facilmente ripagarsi entro un anno.

Successivamente, puoi prendere i soldi che avresti speso per tutti quei servizi cloud e utilizzarli altrove nel tuo budget o metterli da parte per futuri aggiornamenti del server domestico e spazio di archiviazione aggiuntivo quando ne hai bisogno.

Non devi fare di tutto per costruire una macchina potente. Molte opzioni di self-hosting che non richiedono molta potenza di archiviazione o elaborazione, come l'hosting della tua VPN, il gestore di password o una miriade di altri processi leggeri, possono essere eseguite da un Raspberry Pi. Per il costo di un Raspberry Pi e pochi dollari di elettricità all'anno puoi ospitare i servizi di cui hai bisogno.

Inoltre, potresti ritrovarti a ospitare servizi che ritieni utili ma che non volevi pagare per. Forse volevi un monitor del tempo di attività, ma non volevi pagare una tariffa annuale per uno. O forse volevi qualcosa che non potesse essere facilmente acquistato, come uno strumento per archiviare automaticamente contenuti Web, video o podcast. Hai bisogno di ispirazione? Dai un'occhiata a questo elenco di fantastici progetti grandi e piccoli che puoi ospitare da solo.

Una volta che hai configurato un server domestico e puoi aggiungerlo facilmente, soprattutto se stai utilizzando un sistema di contenitori come Docker, probabilmente ti ritroverai a cercare cose divertenti da aggiungere. Parlando per esperienza personale, so che metà del divertimento dell'avventura di self-hosting è scoprire tutte le cose interessanti che puoi ospitare da solo.

The Best NAS (Network Attached Storage) Devices of 2022 Best NAS Overall Synology 2 Bay NAS DiskStation DS220+ Amazon

$ 299,99
 

Miglior NAS economico Synology DS120j 1 Bay NAS DiskStation Amazon

$ 107,97
 

Miglior NAS domestico WD 4TB My Cloud EX2 Ultra Amazon

$ 269,99
$ 349,99 Risparmia il 23%

Miglior NAS per le aziende Synology 4 bay NAS DiskStation DS920+ Amazon

$549.99
 

Miglior NAS per Plex e streaming multimediale Asustor AS5202T Amazon

$269.00
$299.00 Risparmia il 10%

Miglior NAS per Mac WD Diskless My Cloud EX4100 Expert Series 4 Amazon

$369.99
 

LEGGI SUCCESSIVO

  • › Come controllare la tua casella vocale su Android
  • › 10 fantastiche funzioni di PlayStation 5 che dovresti usare
  • › Ecco perché l'hosting autonomo di un server non è una buona idea
  • › Ora puoi ottenere Mozilla VPN e Firefox Relay a un prezzo inferiore
  • › Come aggiungere e personalizzare le etichette dei dati nei grafici di Microsoft Excel
  • › Puoi scaricare film Netflix su Mac?