Google Stadia sta chiudendo, i rimborsi in arrivo

0
52
Google

È passato molto tempo, ma Stadia verrà finalmente chiuso a gennaio del 2023. Il servizio non è riuscito a ottenere “trazione con gli utenti”, secondo Phil Harrison, vicepresidente e direttore generale di Stadia. Sorprendentemente, i clienti riceveranno il rimborso completo per tutti gli acquisti di hardware e software Stadia.

Non siamo sorpresi da questa notizia. La tecnologia alla base di Stadia è incredibile e il cloud gaming non sarebbe popolare oggi se Stadia non fosse mai esistito. Ma Google ha fatto un pessimo lavoro nel mantenere e curare questo servizio.

Lo sviluppo dei giochi interni di Stadia è terminato all'inizio del 2021. E un anno prima, Google non è riuscita a sfruttare davvero il lancio di Cyberpunk 2077: questo gioco avrebbe dovuto rendere Stadia un nome familiare; non era riproducibile su console, ma funzionava bene su Stadia.

“Rimborseremo tutti gli acquisti di hardware Stadia effettuati tramite Google Store e tutti gli acquisti di giochi e contenuti aggiuntivi effettuati tramite lo Store Stadia. I giocatori continueranno ad avere accesso alla loro libreria di giochi e a giocare fino al 18 gennaio 2023 in modo da poter completare le sessioni di gioco finali.”

Comunque, Google prevede di chiudere completamente Stadia su 18 gennaio 2023. Il servizio potrebbe sopravvivere un po' più a lungo se Google non rispetta questa scadenza. A partire da oggi, non puoi più acquistare giochi o DLC tramite Stadia.

RELATEDTutti i prodotti tecnologici che abbiamo amato ma non sono riusciti

La buona notizia è che Google rimborserà tutti gli acquisti di hardware Stadia effettuati tramite il Google Store. Rimborserà anche tutti i giochi o DLC acquistati sul servizio Stadia. Le istruzioni per ricevere il rimborso verranno condivise tramite la Pagina di assistenza di Google in un secondo momento. (Tieni presente che gli abbonamenti a Stadia Pro non sono idonei per un rimborso.)

È stato un piacere conoscerti, Stadia. Avevi molto potenziale, ma come la maggior parte dei servizi Google, sei nato nell'abbandono. Oh bene!

Fonte: Google