Un sopravvissuto alla roulotte dei migranti: “Non riuscivano a respirare”

0
42

Una carovana di circa 6.000 migranti, molti dei quali provenienti dal Venezuela e con l'intenzione di raggiungere gli Stati Uniti, attraversa Tapachula, in Messico, vicino al confine con il Guatemala, il 6 giugno 2022. ( The New York Times/File)

Il semplice consiglio di un amico di stare vicino alla porta potrebbe aver salvato Yenifer Yulisa Cardona Tomás dal destino mortale che è toccato ad altri cinquantatré migranti quando sono stati abbandonati e intrappolati in un semirimorchio soffocante la scorsa settimana ai margini di San Antonio.< /p>

Parlando al telefono dal suo letto d'ospedale lunedì, la ventenne della capitale guatemalteca ha detto che faceva già caldo il 27 giugno quando è uscita dal magazzino sul lato Texas del confine con il Messico dove era stava aspettando ed è salito sul retro del trailer.

Ha detto che i contrabbandieri hanno confiscato i loro cellulari e coperto il pavimento della roulotte con quello che crede fosse brodo di pollo in polvere, apparentemente per scacciare i cani ai posti di blocco. Mentre sedeva infilata nella soffocante roulotte con dozzine di altri, la polvere le punse la pelle.

Ricordando la cautela della sua amica di stare vicino alla porta dove sarebbe stato più fresco, Cardona Tomás ha condiviso il consiglio con un'altra amica che aveva avuto durante il viaggio. “Ho detto a un'amica che non dovevamo andare sul retro e che dovremmo rimani vicino (l'ingresso), nello stesso posto senza muoverti”, ha detto Cardona Tomás. È in cura al Methodist Hospital Metropolitan di San Antonio. Anche quell'amico è sopravvissuto.

Il meglio di Express Premium

Premium

UPSC Key-6 luglio 2022: Perché leggere “Intermediari dei social media” o “Hybr…

Premium

Apolitico o sfavorevole: il dibattito sulla na…

Premium

Mentre un ramo si accartoccia, l'albero di Thackeray vede sbocciare un altro figlio: Amit, …

Premium

L'inverno dei finanziamenti inizia per le startup indiane, il personale al freddo: oltre 1…Altre storie premium >>

Mentre il camion si muoveva, effettuando ulteriori fermate per raccogliere più migranti, le persone hanno iniziato a raggrupparsi vicino alla porta come Cardona Tomás. Non aveva modo di tenere traccia del tempo. “Le persone urlavano, alcuni piangevano. Per lo più le donne chiedevano che si fermasse e aprisse le porte perché faceva caldo e non riuscivano a respirare”, ha detto, faticando ancora un po' per parlare dopo essere stata intubata in ospedale.

Lei ha detto che l'autista o qualcun altro nel taxi ha risposto che “stavamo per arrivare, che mancavano venti minuti, sei minuti”. “Le persone chiedevano acqua, alcune erano finite, altre ne trasportavano un po'”, ha aggiunto.

Il camion continuava a fermarsi di tanto in tanto, ma appena prima che perdesse conoscenza si muoveva lentamente. Si è svegliata in ospedale.

L'autista e altri tre sono stati arrestati e accusati dai pubblici ministeri statunitensi.

Don't Miss in Explained |La carovana di migranti: perché migliaia di persone in Messico marciano verso il confine con gli Stati Uniti?

Il ministero degli Esteri del Guatemala ha affermato che nell'incidente sono morti 20 guatemaltechi, 16 dei quali sono stati identificati con certezza. Il ministro degli Esteri Mario Búcaro ha detto che spera che i primi corpi vengano rimpatriati questa settimana. Cardona Tomás ha detto che la destinazione del camion quel giorno era Houston, anche se alla fine era diretta in North Carolina.

“Non aveva un lavoro e mi ha chiesto se l'avrei aiutata” emigrando negli Stati Uniti, suo padre, Mynor Cordóna, ha detto lunedì a Città del Guatemala, dove vive la famiglia. Ha detto di essere a conoscenza di altri casi di bambini che se ne sono andati senza dirlo alle loro famiglie e sono finiti per scomparire o morire, quindi ha deciso di sostenerla.

Ha pagato $ 4.000 per un contrabbandiere – meno della metà del costo totale – per portarla negli Stati Uniti. Ha lasciato il Guatemala il 30 maggio, viaggiando in auto, autobus e infine semirimorchio in Texas.

“Io non sapeva che avrebbe viaggiato in una roulotte”, ha detto. “Ci ha detto che sarebbe stato a piedi. Sembra che all'ultimo momento i contrabbandieri abbiano deciso di metterla nella roulotte, insieme ad altri due amici, sopravvissuti. Uno di loro è ancora in condizioni critiche”.

Cordóna era rimasto in contatto con sua figlia fino alla mattina del 27 giugno. Il suo ultimo messaggio quel lunedì è stato alle 10:28 in Guatemala, oppure 11:28 in Texas. “Andiamo tra un'ora”, ha scritto.

Non è stato fino a tarda notte che la famiglia di Cardona Tomás ha appreso della roulotte abbandonata. Passarono altri due giorni prima che i parenti negli Stati Uniti confermassero che era viva e ricoverata in ospedale. “Abbiamo pianto così tanto”, ha detto Cordona. “Stavo anche pensando a dove avremmo tenuto la veglia funebre e seppellirla. È un miracolo.”

Express Explained Vai oltre le notizie. Comprendi i titoli dei giornali con le nostre storie spiegate Leggi qui