Omicidio di Udaipur: la corte manda un altro accusato alla custodia della NIA fino al 12 luglio

0
47

Udaipur era sotto coprifuoco l'ultimo coprifuoco per prevenire qualsiasi incidente spiacevole dopo le uccisioni di Udaipur (PTI/file pic)

Un tribunale designato della NIA qui martedì ha inviato un altro accusato arrestato nel caso del sarto Kanhaiya L'omicidio di Lal a Udaipur sotto la custodia dell'agenzia fino al 12 luglio.

L'imputato, Mohammad Mohsin, è stato presentato in tribunale da una squadra della National Investigation Agency (NIA) in mezzo a una stretta sicurezza disposizioni.

“Dopo l'udienza del caso, la corte ha rinviato Mohammad Mohsin alla custodia della NIA fino al 12 luglio,” Lo ha affermato il procuratore speciale TP Sharma.

Le fonti hanno affermato che Mohsin è stato arrestato lunedì per il suo presunto coinvolgimento nella cospirazione per uccidere Lal e per aver effettuato una ricognizione del suo negozio.

Il meglio di Express Premium< figure>Premium

Collaboratore | Ora responsabile della salute di UP, il vice CM Brajesh Pathak …

Premium

L'insegnante del college del Bihar ascolta 'coscienza', restituisce 33 mesi di stipendio ov…

Premium

Nuovo piano assicurativo auto: premio basato sull'utilizzo, comportamento di guida

Premium

Newsmaker | Trasporta le attività ai casinò, dal posto di guida e fuori…Altre storie premium >>

Il 2 luglio, il principale imputato — Riaz Akhtari e Ghouse Mohammad — che sono stati arrestati ore dopo che avrebbero ucciso Lal il 28 giugno, e altri due accusati — Mohsin e Asif — che sono stati arrestati il ​​30 giugno con l'accusa di essere coinvolti nella cospirazione per uccidere il sarto e nell'effettuare una ricognizione del suo negozio, sono stati presentati nel tribunale designato, che è un tribunale speciale della CBI a Jaipur, in mezzo a strette disposizioni di sicurezza.

Il tribunale li aveva affidati alla custodia della NIA fino al 12 luglio.

Express Explained Vai oltre le notizie. Comprendi i titoli dei giornali con le nostre storie spiegate Leggi qui