Fila di poster di Kaali: Delhi, polizia UP file FIRs contro la regista Leena Manimekalai

0
50

La polizia di Delhi e Uttar Pradesh ha registrato martedì i FIR contro la regista Leena Manimekalai per “ferire il sentimento religioso” con la locandina del suo nuovo film documentario Kaali.

La polizia di Delhi ha dichiarato che la sua unità IFSO ha presentato una FIR ai sensi delle sezioni 153A e 295A dell'IPC in merito al controverso poster relativo al film Kaali. La polizia dell'UP ha presentato alla FIR l'accusa di associazione a delinquere, reato in luogo di culto, lesione deliberata dei sentimenti religiosi e intenzione di provocare una violazione della pace contro il regista per la rappresentazione irrispettosa degli dei indù.

L'Alto Commissariato indiano a Ottawa ha rilasciato martedì un comunicato stampa affermando di aver ricevuto denunce dai leader della comunità indù in Canada sulla rappresentazione irrispettosa degli dei indù sul poster del film che è stato presentato come parte del film ‘Under the Tent’ progetto all'Aga Khan Museum, Toronto.

L'Alta Commissione ha esortato le autorità canadesi e gli organizzatori dell'evento a ritirare tutto questo materiale provocatorio

In precedenza, la regista indipendente Leena Manimekalai ha attirato critiche online pochi giorni dopo aver twittato il poster del suo ultimo documentario Kaali. Il poster twittato sabato scorso mostrava una donna vestita da dea indù Kali che fumava una sigaretta e teneva in mano una bandiera dell'orgoglio che rappresentava la comunità LGBT.

Il poster di Kaali ha suscitato indignazione online con molti che ne hanno chiesto l'arresto, accusandola di ferire i sentimenti religiosi. Presto #Arrestleenamanimekalai ha iniziato a fare tendenza su Twitter.

A seguito della reazione sui social media, Manimekalai, con sede in Canada, ha esortato gli utenti a utilizzare l'hashtag “ti amo Leena manimekalai” invece di “#arresta Leena manimekalai”. “Il film ruota attorno agli eventi che si svolgono una sera, quando appare Kali e passeggia per le strade di Toronto. Se vedi l'immagine, non mettere l'hashtag “arrestare Leena manimekalai” e non mettere l'hashtag “ti amo Leena manimekalai’” ha twittato il regista.

“Non ho niente da perdere. Voglio essere con una voce che parli senza paura di nulla finché non lo è. Se il prezzo è la mia vita, lo darò”, ha aggiunto in un altro tweet in tamil.

Kaali è stato proiettato per la prima volta durante Rhythms of Canada, un festival di una settimana che celebra il multiculturalismo, all'Aga Khan Museum a Toronto lo scorso fine settimana. “Sono super entusiasta di condividere il lancio del mio film recente, oggi all' @AgaKhanMuseu come parte del suo “Rhythms of Canada” @YorkuAMPD @TorontoMet @YorkUFGS Sentendosi pompato con la mia CREW”, ha twittato.

Manimekalai, che appartiene al villaggio Maharajapuram nel Virudhunagar del Tamil Nadu, ha al suo attivo film acclamati a livello internazionale Madathi e Sengadal the Dead Sea.

Best of Express Premium

Premium

UPSC Key-6 luglio 2022: perché leggere “Intermediari dei social media” o “Hybr…

Premium

Apolitico o avversamente politico: il dibattito attorno alla na partigiana…

Premium

Mentre un ramo si accartoccia, l'albero di Thackeray vede sbocciare un altro figlio: Amit, …

Premium

L'inverno dei finanziamenti inizia per l'India startup, personale al freddo: oltre 1…Altre storie premium >>

(Input da ANI)

Express Explained Vai oltre le notizie. Comprendi i titoli dei giornali con le nostre storie spiegate Leggi qui