Il panel chiede di aumentare le proteine ​​e i nutrienti nei programmi alimentari del governo

0
44

L'inclusione delle uova nelle reti di sicurezza alimentare è stata contrastata da molti gruppi religiosi e da capi ministri come Shivraj Singh Chauhan del Madhya Pradesh's. (Rappresentante)

È probabile che la pandemia di Covid-19 abbia “aggravato la crisi silenziosa” della denutrizione in India, ha osservato un comitato interministeriale, raccomandando che anche alimenti ricchi di proteine ​​​​come uova, noci e legumi poiché micronutrienti come calcio, ferro, zinco, acido folico e vitamina A sono legalmente obbligatori nei pasti somministrati attraverso programmi di sicurezza alimentare nelle scuole e negli anganwadi, rivedendo la Tabella II del National Food Security Act (NFSA), 2013.

Il comitato interministeriale comprende funzionari del Ministero dell'Alimentazione, del Ministero della Salute, del Ministero delle Donne e dello Sviluppo dell'infanzia e del Ministero dell'Istruzione, nonché scienziati dell'Indian Council of Medical Research (ICMR) e del Food Safety e Standards Authority of India (FSSAI).

Attualmente, le uova vengono servite nei pasti di mezzogiorno in 13 stati e tre UT come parte di “alimenti aggiuntivi”. Viene servito con una frequenza variabile da cinque giorni a settimana a una volta al mese. Gli stati e le UT sostengono il costo della disposizione supplementare. L'inclusione delle uova nelle reti di sicurezza alimentare è stata contrastata da molti gruppi religiosi e da capi dei ministri come Shivraj Singh Chauhan del Madhya Pradesh.

Leggi nella spiegazione | Pasto di mezzogiorno e integratori

​​Il comitato ha suggerito che “un'azione urgente” è necessaria per affrontare la crisi, citando il National Family Health Survey-5 (NFHS-5), che ha documentato un aumento dei “tassi di denutrizione, arresto della crescita e deperimento infantile nella maggior parte degli stati”, insieme a un aumento della prevalenza dell'anemia tra le donne in gravidanza e quelle in età riproduttiva. La bozza del rapporto, presentata nell'ottobre 2021, è attualmente all'esame del Centro.

Best of Express Premium

Premium

BJP e Gli alleati di Shiv Sena potrebbero non inseguire la fazione di UddhavPremium

Nel dramma politico del Maharashtra, il cameo di un trentenne di Haryana fa…

Premio

C Raja Mohan scrive: Un brivido lungo la spina dorsale dell'Asia

Premium

Musulmani e magistratura: non abbiamo musulmani o non Giudici musulmani in IndiaAltre storie premium >>

“Sebbene la NFSA sia in vigore dal 2013, i risultati sperati non sono ancora stati raggiunti. I risultati dell'indagine NFHS-5 mostrano una preoccupante tendenza all'aumento della malnutrizione e dell'anemia in molti stati: i livelli persistenti di denutrizione nonostante la rapida crescita economica rimangono il più grande problema di salute pubblica in India”, afferma il rapporto, aggiungendo: “La pandemia rischia solo di aggravare la crisi silenziosa e c'è bisogno di un'azione urgente.”

Ha raccomandato nuovi standard di chilocalorie e proteine ​​per pasto, insieme a fissare l'assunzione proposta di micronutrienti per tutte le categorie di beneficiari e gli alimenti necessari per raggiungere tali standard. Mentre il programma di servizi integrati per lo sviluppo dell'infanzia (ICDS) copre bambini di età compresa tra sei mesi e sei anni e madri in gravidanza/allattamento, gli studenti delle classi primarie inferiori, le classi primarie superiori nelle scuole statali e sovvenzionate dal governo sono beneficiari del programma PM Poshan.

Secondo le implicazioni di costo delle raccomandazioni elaborate dal comitato, il costo per pasto (esclusi latte e frutta) nelle classi primarie inferiori sarà Rs 9,6 e Rs 12,1 nella scuola primaria superiore. Attualmente, i costi di cottura sono rispettivamente di Rs 4,97 e Rs 7,45. Il rapporto afferma che coloro che non consumano uova possono ricevere “il doppio della quantità proposta di noci e semi”.

Deve leggere nell'opinione |Perché è necessario riformare il sistema del cibo gratuito Spiegato

Appello per il cambiamento nella NFSA

L'allegato II del National Food Security Act stabilisce abbassare gli standard nutrizionali per i programmi governativi di sicurezza alimentare come il pasto di mezzogiorno, il PM Poshan e il programma di servizi integrati per lo sviluppo dell'infanzia. Attualmente quantifica la nutrizione per pasto solo in termini di calorie e proteine, ma il panel interministeriale ha chiesto che si tenga conto anche dei micronutrienti.

Ecco alcuni degli standard esistenti e proposti:

Classi primarie inferiori: le norme attuali impongono 100 g di cereali, 20 g di legumi, 50 g di verdure (inclusa la varietà a foglia ), 5 g di olio/grasso e sale e condimenti (secondo necessità) per pasto per bambino, che rappresentano 450 chilocalorie e 12 g di proteine.

La proposta prevede 70 g di cereali e miglio, 25 g di legumi e legumi, 75 g di verdure (di cui 50 g di varietà a foglia), 10 g di noci e semi, 10 g di olio e 50 g di uova, che forniranno 450 chilocalorie, 15-20 g di proteine, 170 mg di calcio, 2 mg di zinco, 3,5 mg di ferro, 50 microgrammi di folato e 100 microgrammi di vitamina A. Come elementi aggiuntivi, sono stati suggeriti 150 g di latte e 100 g di frutta.

Classi primarie superiori: Secondo le norme vigenti, per pasto vengono serviti 150 g di cereali, 30 g di legumi, 75 g di verdure (inclusa la varietà a foglia), 7,5 g di olio/grasso e sale e condimenti (secondo necessità), che rappresentano 700 chilocalorie e 20 g di proteine.

La proposta prevede 100 g di cereali e miglio, 35 g di legumi e legumi, 100 g di ortaggi (di cui 50 g di varietà a foglia), 15 g di noci e semi, 10 g di olio e 50 g di uova, che forniranno 700 chilocalorie, 22-25 gm di proteine, 270 mg di calcio, 4 mg di zinco, 5,5 mg di ferro, 75 microgrammi di folato e 145 microgrammi di vitamina A. Come elementi aggiuntivi, sono stati suggeriti 200 g di latte e 100 g di frutta.

Incinta e donne che allattano:Secondo gli standard esistenti, i beneficiari hanno diritto a 600 chilocalorie e 18-20 g di proteine ​​per pasto sotto forma di razione da portare a casa o THR. La bozza di relazione propone di rivedere i valori nutrizionali a 600 kcal, 22-25 g di proteine, minimo 335 mg di calcio, 4 mg di zinco, 7 mg di ferro, 160 microgrammi di folato e 240 microgrammi di vitamina A.

< strong>Bambini Anganwadi (6 mesi-3 anni): Attualmente hanno diritto a 500 chilocalorie e 12-15 g di proteine ​​per pasto di THR. I valori proposti sono 400 kcal, 15-20 g di proteine, minimo 135 mg di calcio, 1 mg di zinco, 2 mg di ferro, 35 microgrammi di folato e 60 microgrammi di vitamina A.

Bambini anganwadi (3-6 anni) anni): Attualmente diritto a 500 chilocalorie e 12-15 g di proteine ​​per pasto THR. I valori proposti sono 400 kcal, 15-20 g di proteine, minimo 150 mg di calcio, 1,5 mg di zinco, 3 mg di ferro, 40 microgrammi di folato e 80 microgrammi di vitamina A.

Express Explained Vai oltre il notizia. Comprendi i titoli dei giornali con le nostre storie spiegate Leggi qui