In Pakistan, leader nei diritti dei trans, la realtà è più lenta a cambiare della legge

0
46

Bindiya Rana, leader di una comunità transgender, a sinistra, visita una casa comune a Karachi, in Pakistan, il 14 maggio 2022. (Saiyna Bashir/The New York Times)

Scritto da Zia ur-Rehman

Quattro anni fa, il Pakistan è entrato in prima linea nei diritti dei transgender in tutto il mondo, promulgando una legge che proibisce la discriminazione nei confronti delle persone transgender nelle scuole, nei luoghi di lavoro e negli ambienti pubblici e garantisce loro il diritto di scegliere il proprio genere sui documenti ufficiali.

Il Pakistan, una nazione nota per il conservatorismo religioso che ancora bandisce le relazioni omosessuali, si è unito a un piccolo elenco di paesi – solo una dozzina all'epoca, secondo le Nazioni Unite – con simili protezioni transgender scritte nella legge, sollevando speranze per uno storico dare una svolta alla vita delle persone a lungo costrette a sopravvivere ai margini della società.

Per alcuni significava che potevano emergere dall'ombra, un momento catturato dal debutto quell'anno di Marvia Malik, la prima conduttrice televisiva transgender del paese.

Il meglio di Express Premium

Premium

UPSC Key-4 luglio 2022: perché leggere 'piante solari galleggianti' o 'malnutriti…

Premium

Campo riscaldato di DMK MP Raja nel ‘separato Tamil Nadu’, au…

< img src="https://indianexpress.com/wp-content/plugins/lazy-load/images/1x1.trans.gif" />Premium

UPSC Essentials: termini chiave dell'ultima settimana

Premium

ExplainSpeaking: nonostante la caduta, i mercati azionari indiani sono ancora sopravvalutati…Altre storie premium >>

Ma in Pakistan, come in altri paesi del mondo, le garanzie scritte in legge non sempre si traducono in realtà, non cancellano i pregiudizi e, soprattutto, non garantiscono la sicurezza. Una serie di attacchi violenti in Pakistan, molti dei quali mortali, hanno preso di mira persone transgender.

Nell'arco di diversi giorni a marzo, quattro persone transgender sono state uccise e altre sono rimaste ferite in una serie di attacchi nel nord-ovest Pakistan. In un caso, uomini armati in motocicletta hanno aperto il fuoco contro persone transgender a Mardan, uccidendone uno e ferendone un altro, secondo i rapporti locali.

Bindiya Rana, leader di una comunità transgender a Karachi, Pakistan, 14 maggio 2022. (Saiyna Bashir/The New York Times)

“Accogliamo con favore l'approvazione delle leggi per proteggere i diritti della comunità transgender, ma cambiare la mentalità della società è una grande sfida”, ha affermato Bindiya Rana, leader della comunità transgender a Karachi. “Una certa fascia di persone considera le persone transgender una loro proprietà o meno che umane.”

Rispetto agli anni passati, ha affermato la dottoressa Sarah Gill, un medico transgender che ha recentemente iniziato a lavorare presso il principale ospedale pubblico di Karachi, “la comunità transgender è più incline a ricevere un'istruzione e un lavoro rispettabile”, ma rimangono enormi ostacoli.

< p>Eminenti conservatori hanno denunciato la legge, definendo la spinta per i diritti dei transgender anti-musulmani e una cospirazione occidentale liberale. Di fronte a continue discriminazioni e violenze, molte persone transgender vivono come prima del 2018, nascondendo la propria identità, evitate dalle loro famiglie, negate le cure mediche e rinchiudendosi in case di gruppo per motivi di sicurezza.

Dati globali raccolti dai Trans Il progetto Murder Monitoring, finanziato dall'Unione Europea, mostra che il Pakistan ha recentemente registrato una media di circa 10 omicidi di persone transgender all'anno, più che prima dell'approvazione della legge e, rispetto alla popolazione, molto più dei suoi vicini. Molto spesso, le vittime sono donne transgender. I gruppi per i diritti umani affermano che le cifre reali sono molto più alte, poiché molti crimini ispirati dall'odio non vengono denunciati.

“I continui e brutali attacchi alle donne transgender in Pakistan termineranno solo quando le autorità segnaleranno che terranno conto degli aggressori”, ha affermato Saroop Ijaz, consulente legale della divisione asiatica di Human Rights Watch.

Bene. -persone conosciute sono state oggetto di aggressioni, incluso Rimal Ali, una modella transgender. Nella città di Lahore l'anno scorso, un aggressore si è rasato la testa e le sopracciglia.

“Sta diventando difficile per le persone transgender vivere pacificamente”, ha affermato Arzoo Khan, una persona transgender a capo di un'organizzazione per i diritti umani a Peshawar. “Le famiglie ci avevano già abbandonato, la società non ci tollera e ora alcuni gruppi ci stanno uccidendo, aggredendo sessualmente e depredando”.

In alcuni paesi, l'identità di genere diversa è legalmente classificata come reato o patologia medica. In altri, rivendicare la propria identità di genere ai sensi della legge e su documenti ufficiali è consentito solo in condizioni gravose, che vanno dalle valutazioni psichiatriche al trattamento ormonale obbligatorio e alla chirurgia di transizione.

Una donna transgender nota come Madam Kashish chiede soldi a Karachi, Pakistan, 14 maggio 2022. (Saiyna Bashir/The New York Times)

In molti paesi, la discriminazione non è né sancita né vietata dalla legislazione, sebbene possa essere frenata dalle sentenze dei tribunali. Negli Stati Uniti, gli stati hanno leggi e precedenti molto diversi; sebbene gli statuti federali non affrontino esplicitamente i diritti dei transgender, sono protetti da una serie di sentenze dei tribunali e politiche governative.

Con la legislazione emanata nel 2018, il Pakistan sembrava aver tagliato quella palude, consentendo alle persone di designare il proprio genere senza ostacoli e di vivere senza discriminazioni. Per molte persone si trattava di un'estensione della storia secolare di transgender dell'Asia meridionale – o “terzo genere”, un termine che alcuni ora rifiutano – persone che vivono apertamente, con un'accettazione relativamente maggiore che in gran parte del mondo.

< p>Ma l'applicazione della legge è stata incoerente nelle province del paese, che sono responsabili dell'attuazione locale delle politiche federali in campi come la salute, l'istruzione, la sicurezza e il diritto di famiglia. Ciò ha costretto gli attivisti a fare campagne in ogni provincia affinché le tutele legali diventino effettive.

Mentre la legge include una disposizione che richiede l'istituzione di centri di protezione, dove le persone transgender possono accedere a servizi di salute mentale, servizi legali e alloggi temporanei, solo uno è stato aperto finora, a Islamabad, la capitale.

Trans gli attivisti affermano che in qualsiasi parte del mondo, lottare per i diritti e ottenere un profilo più elevato può provocare un contraccolpo.

“Tutti dicono che per far progredire il tuo movimento come movimento per la giustizia sociale, come gruppo di persone emarginate e oppresse, devi essere più visibile”, ha affermato Tuisina Ymania Brown, segretario generale dell'International Lesbian, Gay, Associazione bisessuale, trans e intersessuale. “Ma tieni presente che c'è un po' di violenza in quella visibilità”.

Il Brasile ha protezioni legali, sulla carta, e una comunità trans relativamente visibile, eppure ha di gran lunga il numero più alto di omicidi di transgender registrati persone nel mondo: più di 100 nella maggior parte degli anni.

La Corte Suprema del Brasile ha criminalizzato la transfobia e abbattuto le barriere alle persone trans che cambiano ufficialmente nome e sesso. Ma gli attivisti trans brasiliani affermano che i loro diritti rimangono fragili, né codificati dai legislatori né costantemente osservati dai funzionari.

“La battaglia per i nostri diritti è stata combattuta nei tribunali e nelle strade”, ha affermato Indianara Siqueira, Attivista per i diritti trans brasiliani. “Se non fosse per la pressione che esercitiamo sulla società, non avremmo nemmeno il diritto di esistere in questo paese.”

Express Explained Vai oltre le notizie. Comprendi i titoli dei giornali con le nostre storie spiegate Leggi qui