I palestinesi danno il proiettile che ha ucciso il giornalista alla squadra statunitense

0
49

Un agente della sicurezza di Hamas scatta una foto della giornalista palestinese-americana uccisa Shireen Abu Akleh durante una presentazione alla cerimonia di consegna dei diplomi per l'Accademia di polizia dell'Al-Rebat College, a Khan Younis, nel sud Striscia di Gaza, giovedì 30 giugno 2022. (AP Photo/Adel Hana)

L'Autorità Palestinese sabato ha dichiarato di aver consegnato il proiettile che ha ucciso il giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh agli esperti forensi americani, facendo un passo verso la risoluzione di un scontro con Israele sulle indagini sulla sua morte.

L'annuncio è arrivato poco più di una settimana prima che il presidente Joe Biden visiti Israele e la Cisgiordania occupata per incontri con i leader israeliani e palestinesi. Segnalava che entrambe le parti potrebbero lavorare per trovare una soluzione alla situazione di stallo.

Abu Akleh, un corrispondente veterano noto in tutto il mondo arabo, è stato colpito a morte l'11 maggio mentre copriva un raid militare israeliano nel campo profughi di Jenin nella Cisgiordania occupata.

I palestinesi, insieme ai colleghi di Abu Akleh che erano con lei in quel momento, affermano che è stata uccisa dal fuoco israeliano. L'esercito israeliano afferma di essere stata coinvolta nel fuoco incrociato di una battaglia con uomini armati palestinesi e che è impossibile determinare da quale parte l'ha uccisa senza analizzare il proiettile.

Il meglio di Express Premium

Premium

Musulmani e magistratura: non abbiamo giudici musulmani o non musulmani in India

Premium

UPSC Key-4 luglio 2022: Perché leggere 'piante solari galleggianti' o 'malnutriti…

Premium

Campo riscaldato DMK MP Raja su ’ 8216;separato Tamil Nadu’, au…Premium

UPSC Essentials: termini chiave della scorsa settimanaAltre storie premium >>

Israele afferma di aver identificato il fucile che potrebbe averle sparato, ma che non può trarre conclusioni a meno che non venga confrontato con il proiettile. I palestinesi si sono rifiutati di consegnare il proiettile, dicendo che non si fidano di Israele. I gruppi per i diritti umani affermano che Israele ha precedenti scarsi nelle indagini sulle sparatorie di palestinesi da parte delle sue truppe, con sonde che languivano per mesi o anni prima che venissero chiuse silenziosamente.

Il procuratore generale palestinese, Akram al-Khateeb, ha affermato che il proiettile è stato consegnato a esperti statunitensi “per lavoro tecnico”. Ha ribadito il rifiuto palestinese di condividere il proiettile con gli israeliani, ma ha affermato che i palestinesi accolgono con favore la partecipazione di qualsiasi organismo internazionale per “aiutarci a confermare la verità”. “Siamo fiduciosi e certi delle nostre indagini e dei risultati che abbiamo raggiunto,” disse.

Non è stato subito chiaro cosa avrebbero potuto scoprire gli esperti americani senza studiare anche l'arma israeliana. Inoltre non era chiaro se Israele avrebbe consegnato il fucile agli americani. L'esercito israeliano ha rifiutato di commentare e l'Ufficio per gli Affari Palestinesi dell'Ambasciata degli Stati Uniti ha affermato di “non avere nuove informazioni da offrire”. Un funzionario palestinese, parlando in condizione di anonimato perché stava discutendo una questione diplomatica, ha affermato che la questione è stata sollevata in una telefonata tra il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il segretario di Stato Antony Blinken e che entrambe le parti sperano di risolvere la questione prima di Biden. ;s arrivo il 13 luglio.

Il nastro giallo segna i fori di proiettile su un albero e un ritratto e dei fiori creano un memoriale improvvisato il 19 maggio 2022, nel luogo in cui il giornalista palestinese-americano Al-Jazeera Shireen Abu Akleh è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella città di Jenin, in Cisgiordania. L'Autorità Palestinese sabato 2 luglio 2022 ha dichiarato di aver consegnato il proiettile che ha ucciso la giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh a esperti forensi americani, facendo un passo verso la risoluzione di una situazione di stallo con Israele sulle indagini sulla sua morte. (Foto AP/Majdi Mohammed)

Una ricostruzione degli eventi di AP ha fornito supporto ai testimoni oculari che affermano di essere stata uccisa dalle truppe israeliane. Ma un esperto di armi intervistato dall'AP nell'ambito della ricostruzione ha affermato che era impossibile raggiungere un risultato conclusivo senza ulteriori analisi forensi. I leader israeliani hanno ripetutamente affermato che i soldati non l'hanno presa di mira intenzionalmente.

Abu Akleh, che aveva 51 anni, era un corrispondente in onda ampiamente conosciuto e rispettato che è diventato famoso due decenni fa durante la seconda intifada palestinese, o rivolta, contro il dominio israeliano. Ha documentato le dure realtà della vita sotto il dominio militare israeliano _ ormai nel suo sesto decennio senza fine in vista _ per gli spettatori di tutto il mondo arabo.

La polizia israeliana ha suscitato critiche diffuse da tutto il mondo quando ha picchiato persone in lutto e portatori di bara al suo funerale a Gerusalemme il 14 maggio. Un giornale israeliano il mese scorso ha riferito che un'indagine della polizia ha riscontrato illeciti da parte di alcuni dei suoi ufficiali, ma ha affermato che coloro che hanno supervisionato l'evento non saranno gravemente puniti.

Jenin è stata a lungo un bastione dei militanti palestinesi e diversi recenti attacchi all'interno di Israele sono stati effettuati da giovani uomini provenienti da dentro e intorno alla città. Israele effettua spesso incursioni militari a Jenin, che a suo avviso mirano ad arrestare i militanti e prevenire ulteriori attacchi.

Israele ha catturato la Cisgiordania nella guerra in Medio Oriente del 1967 e ha costruito insediamenti in cui vivono quasi 500.000 israeliani insieme a quasi 3 milioni di palestinesi. I palestinesi vogliono che il territorio formi la parte principale di un futuro stato. I colloqui di pace si sono interrotti più di un decennio fa e, con Israele ora in una nuova campagna elettorale, è improbabile che riprendano presto. Il primo ministro ad interim, Yair Lapid, sostiene una soluzione a due stati con i palestinesi, ma i partiti di destra che si oppongono allo stato palestinese sembrano posizionati per dominare le elezioni.

Express Explained Vai oltre il notizia. Comprendi i titoli dei giornali con le nostre storie spiegate Leggi qui