Spiegazione: cos'è il dimostratore di tecnologia dell'ala volante autonoma che l'India ha testato con successo?

0
46

Sebbene operato in modalità completamente autonoma, ha mostrato un volo perfetto, secondo l'Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa. (Immagine: Twitter @rajnathsingh)

L'India venerdì ha condotto il primo test di volo del dimostratore di tecnologia Autonomous Flying Wing, che si dice sia il precursore dei futuri droni da combattimento. Spieghiamo cosa significa il test per lo sviluppo di velivoli da combattimento senza pilota stealth per le forze armate.

Il test

Il veicolo dimostrativo è stato testato venerdì presso l'Aeronautical Test Range situato a Chitradurga nel Karnataka. Pur essendo operato in modalità completamente autonoma, ha mostrato un volo perfetto, secondo l'Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa (DRDO). Il decollo del veicolo, la navigazione automatica che traccia i punti designati — navigazione waypoint e touchdown — sono stati tutti eseguiti con la precisione desiderata.

“Questo volo segna un'importante pietra miliare in termini di dimostrazione di tecnologie critiche per lo sviluppo di futuri velivoli senza pilota ed è un passo significativo verso l'autosufficienza in tali tecnologie di difesa strategica”, ha affermato il Ministero della Difesa.

Il dimostratore è stato sviluppato dall'Aeronautical Development Establishment (ADE), una struttura del DRDO con sede a Bengaluru che opera nei settori dei veicoli aerei senza pilota, simulatori di volo, velivoli bersaglio senza pilota, sistemi di controllo della situazione e armi ad aria compressa. Congratulandosi con il DRDO, il ministro della Difesa Rajnath Singh Rajnath Singh ha affermato che si tratta di un importante risultato per i velivoli autonomi e aprirà la strada all'”Aatmanirbhar Bharat” in termini di sistemi militari critici.

Cosa c'è di speciale a riguardo?

I funzionari del DRDO hanno evidenziato la struttura dell'ala volante del dimostratore tecnologico, che si riferisce a un velivolo ad ala fissa senza coda che ospita il carico utile e il carburante nelle ali principali e non ha una struttura definita simile a una fusoliera che si trova negli aerei convenzionali. Il progetto, affermano gli scienziati DRDO, ha il potenziale per offrire un'elevata efficienza del carburante e discrezione, se eseguito con precisione, come dimostrato da alcuni dei bombardieri avanzati nell'arsenale degli Stati Uniti come il bombardiere B-2.

I funzionari hanno aggiunto che il tipo di aeromobile ad ala volante ha un vantaggio operativo chiave perché ha sezioni trasversali riflettenti basse con conseguente bassa firma radar, rendendolo una macchina invisibile. A causa della forma, l'aereo ha anche una resistenza aerodinamica molto bassa. Tuttavia, questo design unico presenta anche i suoi problemi relativi alla stabilità e quindi richiede sistemi aggiuntivi.

Best of Explained

Fai clic qui per ulteriori informazioni

La cellula — la struttura meccanica di base dell'aereo, il carrello — il carrello di atterraggio utilizzato per la ripresa -off e atterraggio e l'intero controllo del volo insieme ai sistemi avionici utilizzati per il dimostratore sono stati sviluppati internamente. Il veicolo è alimentato da un piccolo motore turbofan che è un motore a reazione del tipo a respirazione d'aria.

In che modo aiuterà a sviluppare i futuri droni da combattimento?

Gli scienziati del DRDO hanno affermato che questo dimostratore tecnologico sarà ulteriormente sottoposto a test per esaminare altre tecnologie nello sviluppo di futuri droni da combattimento. Verrebbero inoltre condotti test sulla scala e sulla capacità del veicolo. Fonti hanno affermato che l'Autonomous Flying Wing Technology Demonstrator è il precursore di un veicolo aereo da combattimento autonomo senza pilota (UCAV) autonomo sviluppato dal DRDO, principalmente per l'aeronautica militare indiana. Si dice che sia in cantiere anche una versione lanciata dal ponte per la Marina indiana. L'UCAV sarà in grado di lanciare missili e munizioni a guida di precisione.

Newsletter | Fai clic per ricevere le migliori spiegazioni della giornata nella tua casella di posta

Il DRDO ha sviluppato in passato vari droni, come Nishant, Rustom, Tapas e Lakshya tra gli altri, che hanno capacità e ruoli operativi diversi. Nel luglio dello scorso anno, il DRDO ha anche presentato la sua tecnologia anti-drone volta a neutralizzare gli attacchi nemici. Il sistema ha la capacità di contrattaccare, tra cui rilevamento, soft kill (per bloccare i collegamenti di comunicazione del drone) e hard kill — e hard kill basato su laser per distruggere il drone per neutralizzare i droni avversari.

Diversi scenari nel recente passato, sia in India che all'estero, hanno evidenziato l'importanza strategica di avere droni da combattimento stealth nell'arsenale. Mentre le forze armate indiane attualmente gestiscono un mix di droni sviluppati e importati indigeni, una macchina da combattimento stealth completamente nostrana è la necessità del momento, hanno affermato gli esperti.

Il meglio di Express Premium

Premium

ExplainSpeaking: nonostante la caduta, i mercati azionari indiani sono ancora sopravvalutati…

Premium

'Peter Brook ha cercato di distruggerci, ricrearci. Non volevo essere distrutto…

Premium

In Gujarat, la crisi del Covid riunisce le coppie estranee per una seconda possibilità

Premium

Molti scenari, risultato simile: l'impianto di Tuticorin potrebbe non riavviarsi, ad esempio exp…Altre storie premium >>

Anche se alcuni rapporti suggeriscono che l'UCAV sarà intitolato Ghatak (letale) o Autonomous Unmanned Research Aircraft, l'agenzia non ha rilasciato ufficialmente i dettagli.

VENDITA DEL 4 LUGLIO! Solo per il nostro lettori internazionali, prezzo mensile a partire da soli $ 2,50 OTTIENI QUI