In Burning Questions, Margaret Atwood è sia una provocatrice che un'ottimista

0
56

Atwood definisce il movimento #MeToo un “sintomo di un sistema legale rotto” (Wikimedia Commons)

Biswadeep Ghosh

Margaret Atwood è una delle i più grandi scrittori del nostro tempo. Lo scrittore canadese di 82 anni è sorprendentemente prolifico, avendo prodotto oltre 50 opere di narrativa, poesiae saggi critici nella sua lunga carriera. Burning Questions è il risultato delle riflessioni di Atwood su una varietà di argomenti dal 2004 al 2021. La raccolta in ordine cronologico comprende discorsi, schizzi autobiografici, tributi e commenti politici.

Acquista ora | Il nostro miglior piano di abbonamento ora ha un prezzo speciale

Burning Questions si rivolge principalmente a coloro che sono appassionati di letteratura e profondamente preoccupati per argomenti di rilevanza globale come la politica, la disuguaglianza di genere, i diritti umani e il cambiamento climatico. Atwood è un impareggiabile comunicatore che scrive frasi di impeccabile bellezza. Ha un sottile senso dell'umorismo, che usa con parsimonia. I saggi e i pezzi occasionali sono spesso brevi, ma ognuno mostra la sua capacità di condividere i suoi pensieri con grazia e convinzione.

Il meglio di Express Premium

Premium

Lasciati ispirare: perché Sardar Patel ha affermato che i dipendenti pubblici non devono accettare …

Premium

NITI Aayog-commissioned relazione che ha studiato 3 ordinanze della Corte Suprema, 2…

Premium

Inside Track: la strategia di Amit Shah per Maharashtra e Fadnavis

< img src="https://indianexpress.com/wp-content/plugins/lazy-load/images/1x1.trans.gif" />Premium

Tavleen Singh scrive: L'islamismo non ha posto in IndiaAltre storie premium >> Leggi anche |La letteratura è possibile senza la presenza dello Stato nel nostro immaginario letterario?

La raccolta non ha consistenza tematica e non tutte le inclusioni pongono nemmeno una domanda scottante. Tuttavia, è una lettura avvincente per le espressioni felici di Atwood, la profondità analitica e anche per la scelta degli argomenti.

Domande scottanti
Di Margaret Atwood
Penguin Random House
496 pagine; Rs 999

L'autore pone una serie di domande nell'introduzione stessa. “Il mondo stesso sta davvero bruciando? Siamo noi che gli abbiamo dato fuoco?” “Che dire della distribuzione altamente diseguale della ricchezza, non solo in Nord Americama praticamente ovunque?” “Cosa intendiamo comunque per 'democrazia'? È mai esistito, nel senso di pari diritti per tutti i cittadini?” La rivoluzione dei social media è “buona o cattiva o solo un'estensione di folle vecchio stile in movimento?” Vivendo in un mondo imperfetto, Atwood sa che queste domande non hanno risposte facili.

Alcune selezioni sono insolite. C'è, ad esempio, un pezzo che parla del tempo trascorso con la sua compagna, la scrittrice Graeme Gibson, il cui protagonista del suo romanzo Moto perpetuo è un uomo di nome Robert Fraser che vuole inventare una macchina a moto perpetuo. È estremamente leggibile perché è molto più di un semplice ritratto di una persona che aveva conosciuto per più di quattro decenni fino alla sua morte. La memorabile frase conclusiva dice tutto: “Robert Fraser non è del tutto Graeme, ovviamente; ma, come ho detto quando l'ho incontrato per la prima volta, la sua vita creativa e la sua vita reale erano una cosa sola.”

In un'altra occasione, il narratore, un alieno di un pianeta il cui nome è impronunciabile, mette in dubbio l'enfasi del terrestre sui diritti umani. “Avete bisogno di questi elementi “diritti umani” esplicitati, per il semplice motivo che molti di voi non li hanno”. Il punto di vista dell'alieno sulla politica è un pungiglione: “Alcuni di noi hanno fatto uno studio sulla politica, che inizialmente abbiamo confuso con i video dei gatti”. È un commento percettivo vestito di umorismo che farà sorridere e pensare il lettore allo stesso tempo.

Leggi anche |In Chamor, Sheba Jose guarda il mondo attraverso gli occhi di un bambino

Altrove, chiede un domanda sulla bellezzanel contesto di come lei e altri suoi coetanei si sentivano quando erano giovani. “E se la bellezza fosse solo superficiale? Noi bambine quindi non lo disprezzavamo. No: volevamo noi stessi degli esterni belli, perché le altre bambine potessero invidiarci». Aggiunge in seguito: “A pelle o no, maledizione o benedizione, la bellezza conserva il suo potere magico, almeno nella nostra immaginazione. Ed è per questo che continuiamo ad acquistare quegli innumerevoli tubetti di lucidalabbra: crediamo ancora nelle fate”. Il punto di vista di Atwood polarizzerà i lettori. Alcuni non saranno d'accordo, mentre altri insisteranno sul fatto che è un dato di fatto.

I saggi e altri pezzi in Burning Questions sono nati quando la pandemia ha fatto rabbrividire tutti dalla paura e il movimento #MeToo, in cui i sopravvissuti hanno condiviso le loro esperienze di abusi sessuali e molestie, è emerso con enfasi. Definendo il movimento #MeToo un “sintomo di un sistema legale rotto”, afferma che “le donne e altri denuncianti di abusi sessuali” usavano Internet perché spesso non potevano “ottenere un equo processo attraverso le istituzioni”. Le pandemie sono arrivate e passate. Questa consapevolezza la rende ottimista sul fatto che la pandemia in corso non sarà un appuntamento fisso nelle nostre vite. “E fatti coraggio! L'umanità ci è già passata. Ci sarà un'altra faccia, alla fine.”

I fan di Margaret Atwood adoreranno Burning Questions. Così faranno coloro che desiderano avere una visione migliore del mondo in cui vivono.

Biswadeep Ghosh è un giornalista e autore freelance

UPSC KEY Hai visto il nostro sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto dei loro esami? Vedi qui