Donald Trump guarda all'annuncio dell'inizio del 2024 mentre il controllo del 6 gennaio si intensifica

0
51

L'ex presidente Donald Trump è acclamato durante una manifestazione a Mendon, Illinois, sabato 25 giugno 2022. I repubblicani si stanno preparando alla prospettiva che Trump dichiari un'offerta presidenziale insolitamente anticipata. (Rachel Mummey/The New York Times)

Scritto da Michael C. Bender, Reid J. Epstein e Maggie Haberman

I repubblicani si stanno preparando affinché Donald Trump annunci un'offerta insolitamente anticipata per la Casa Bianca, una mossa progettata in parte per proteggere l'ex presidente da un flusso di rivelazioni dannose emerse dalle indagini sui suoi tentativi di aggrapparsi al potere dopo aver perso le elezioni del 2020.

Mentre molti repubblicani apprezzerebbero l'ingresso di Trump in corsa, la sua mossa esacerba anche le persistenti divisioni sul fatto che l'ex presidente sia la migliore speranza del partito per riconquistare la Casa Bianca. Il partito è anche diviso sul fatto che la sua candidatura possa essere un'inutile distrazione dalle elezioni di medio termine o addirittura una minaccia diretta alla democrazia.

Trump ha a lungo accennato a una terza candidatura consecutiva alla Casa Bianca e ha condotto una campagna per gran parte dell'ultimo anno. Ha accelerato la sua pianificazione nelle ultime settimane proprio mentre un paio di indagini si sono intensificate e le testimonianze del Congresso hanno rivelato nuovi dettagli sull'indifferenza di Trump alla minaccia di violenza del 6 gennaio 2021 e sul suo rifiuto di agire per fermare un'insurrezione.

Il meglio di Express Premium

Premium

Rapporto commissionato da NITI Aayog che ha esaminato 3 ordini della Corte Suprema, 2…

Premium

Tavleen Singh scrive: L'islamismo non ha posto in India

< img src="https://indianexpress.com/wp-content/plugins/lazy-load/images/1x1.trans.gif" />Premium

'Il problema più grande è la nostra dipendenza dall'energia importata, che è il 4% di…

Premium

Una lettera da Silchar, Assam: Giù una città, su una barca con un corpoAltre storie premium >>

Trump ha anche osservato come alcuni dei suoi candidati preferiti abbiano perso le recenti elezioni primarie, suscitando la speranza tra i suoi potenziali concorrenti repubblicani che gli elettori potrebbero allontanarsi da un politico a lungo ritenuto avere una presa di ferro sul partito.

< p>Piuttosto che umile Trump, gli sviluppi lo hanno incoraggiato a cercare di riaffermarsi come capo del partito, eclissare titoli dannosi e rubare l'attenzione da potenziali rivali, tra cui il governatore Ron DeSantis della Florida, uno dei favoriti in ascesa di donatori ed elettori. I repubblicani vicini a Trump hanno affermato di ritenere che un annuncio formale rafforzerebbe le sue affermazioni secondo cui le indagini sono motivate politicamente.

Trump entrerebbe in gara come il chiaro favorito, con un indice di gradimento tra i repubblicani intorno all'80%, ma ci sono segnali che un numero crescente di elettori del partito stia esplorando altre opzioni.

“Non lo so Penso che qualcuno sia inevitabile”, ha affermato Haley Barbour, ex presidente del Comitato nazionale repubblicano che ha anche servito per otto anni come governatore del Mississippi.

La tempistica di un annuncio formale da parte di Trump rimane incerta. Ma di recente ha sorpreso alcuni consiglieri dicendo che potrebbe dichiarare la sua candidatura sui social media senza avvisare nemmeno il suo stesso team, e gli assistenti si stanno affrettando a costruire l'infrastruttura di base della campagna in tempo per un annuncio già questo mese.

I sostenitori dell'ex presidente Donald Trump durante una manifestazione a Mendon, Illinois, sabato 25 giugno 2022. I repubblicani si stanno preparando alla prospettiva che Trump dichiari un'offerta presidenziale insolitamente anticipata. (Rachel Mummey/The New York Times)

Quel tempismo sarebbe straordinario – i candidati presidenziali in genere annunciano le loro candidature l'anno prima delle elezioni – e potrebbe avere implicazioni immediate per i repubblicani che cercano di prendere il controllo del Congresso a novembre. La presenza di Trump come candidato attivo renderebbe più facile per i Democratici trasformare le gare di medio termine in un referendum sull'ex presidente, che da quando ha perso nel 2020 ha incessantemente diffuso bugie sulla legittimità delle elezioni. Alcuni repubblicani temono che ciò possa distrarre dai problemi del portafoglio che hanno dato al loro partito un forte vantaggio nelle gare congressuali.

“I repubblicani vogliono vincere male nel 2022, e molti di loro si stanno rendendo conto che stanno ripensando alle elezioni del 2020 con le diatribe cospirative quotidiane di Trump, le diatribe sono sicuramente dei perdenti”, ha affermato Dick Wadhams, uno stratega repubblicano ed ex presidente del Partito Repubblicano del Colorado.

La squadra dell'ex presidente rimane divisa sull'opportunità di correre di nuovo. Coloro che si oppongono a una terza candidatura alla Casa Bianca hanno espresso preoccupazioni che vanno dai dubbi sulla restante potenza politica di Trump alle domande sul fatto che possa articolare una chiara motivazione per correre ed evitare una ripetizione del 2020.

Altri stanno esortando Trump a prenditi il ​​suo tempo. Donald Trump Jr., suo figlio maggiore, ha assunto un ruolo più centrale nella cerchia ristretta di consiglieri politici di Trump e ha detto ad altri che vuole che suo padre installi intorno a lui un team elettorale più ampio in preparazione per una corsa.

Uno degli argomenti più convincenti contro un annuncio anticipato erano state le leggi federali sul finanziamento della campagna elettorale. Se e quando Trump lo annuncia, non sarebbe idoneo a utilizzare nessuno dei 100 milioni di dollari che ha parcheggiato nel suo comitato di azione politica per sostenere direttamente la sua corsa presidenziale. La sua campagna sarebbe anche vincolata da un rigoroso limite di donazione di $ 2.900 a persona per le primarie, il che significa che potrebbe sfruttare i suoi maggiori donatori solo una volta nel prossimo periodo di circa due anni per finanziare direttamente una candidatura.

Ma il comando di Trump sui piccoli donatori è rimasto forte, lasciando alcuni membri del suo team indifferenti ai limiti della raccolta fondi.

Il dibattito sui tempi arriva mentre le indagini sul comportamento di Trump e dei suoi associati stanno prendendo piede. Il Dipartimento di Giustizia sta esaminando gli sforzi per mantenere Trump in carica dopo la sua sconfitta. I pubblici ministeri della contea di Fulton, in Georgia, hanno convocato un gran giurì nell'ambito di un'indagine per verificare se l'ex presidente e la sua squadra abbiano cercato di influenzare il conteggio dei voti lì. Ciascuno è separato dal comitato della Camera che esamina la sua condotta in vista della rivolta al Campidoglio il 6 gennaio.

Tra coloro che esortano Trump ad annunciare presto c'è il senatore Lindsey Graham della Carolina del Sud. Graham ha detto che l'ex presidente sarebbe stato accusato – o accreditato – di qualunque cosa fosse accaduta alle elezioni di novembre e ha suggerito che un annuncio anticipato focalizzerebbe l'attenzione di Trump sulla politica.

“Sta a lui decidere se correre o meno”, ha detto Graham in un'intervista. “Ma la chiave del suo successo è confrontare la sua agenda politica e i suoi successi politici con ciò che sta accadendo oggi.”

Altro da Political Pulse

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Altri leader repubblicani hanno cercato di dissuadere Trump da un annuncio anticipato.

Ronna McDaniel, presidente del Comitato nazionale repubblicano, aveva esortato Trump ad aspettare fino al termine del semestre, temendo che le notizie sulla sua campagna potessero far deragliare i messaggi di medio termine del partito. Un funzionario dell'RNC ha notato che quando Trump ha aperto una campagna, il partito avrebbe smesso di pagare le sue spese legali relative a un'indagine del procuratore generale di New York. Tuttavia, secondo le persone che hanno familiarità con le conversazioni, McDaniel si è recentemente rassegnata all'idea che annuncerà prima delle elezioni.

Ma anche gli assistenti di Trump che sostengono un'altra campagna temono che il percorso dell'ex presidente verso una terza nomina sia diventato più difficile di quanto sia disposto a riconoscere.

Alcuni vicini a Trump si sono preoccupati per le potenziali conseguenze legali e politiche dalle audizioni del Congresso alla rivolta del Campidoglio. Cassidy Hutchinson, un ex aiutante della Casa Bianca, ha testimoniato questa settimana che Trump sapeva che alcuni dei suoi sostenitori portavano armi quel giorno e aveva comunque incoraggiato la sua squadra a lasciarli passare i controlli di sicurezza. La rappresentante Liz Cheney, R-Wyo., che fa parte del comitato, ha affermato che la giuria aveva prove di manomissione di testimoni.

Trump ha segnalato la sua preoccupazione per le potenziali conseguenze politiche della testimonianza, reagendo in tempo reale a l'udienza pubblicando una dozzina di messaggi sul suo sito web Truth Social attaccando Hutchinson e negando la sua testimonianza più esplosiva.

Pochi funzionari repubblicani hanno parlato pubblicamente delle udienze e la maggior parte non ha detto nulla sull'indagine del Congresso o l'ha liquidata come una farsa partigiana. Ma ci sono stati segnali che i repubblicani riconoscono il suo potenziale potere.

“SM. Hutchinson sarebbe il membro principale di un club repubblicano femminile: una conservatrice impegnata, nessun motivo per dire altro che la verità”, ha affermato il senatore Bill Cassidy, R-La., che ha votato per condannare nel secondo impeachment di Trump ed è stato un obiettivo di Trump da allora. È stato uno dei pochi legislatori a parlare nel verbale. “Dà potere a una testimonianza che consente agli americani di giudicare da soli.”

I sostenitori dell'ex presidente Donald Trump vedono la sua apparizione sul palco su uno schermo video durante la sua manifestazione a Mendon, Illinois, sabato 25 giugno 2022. I repubblicani si stanno preparando alla prospettiva che Trump dichiari un'offerta presidenziale insolitamente anticipata. (Rachel Mummey/The New York Times)

Mick Mulvaney, uno dei quattro capi di stato maggiore della Casa Bianca di Trump, ha detto a CBS News che non poteva più difendere Trump dopo aver ascoltato le affermazioni di Hutchison. In un'intervista successiva, ha detto di aver sentito due dozzine di incaricati politici dell'amministrazione Trump che lo avevano ringraziato per i suoi commenti e gli avevano detto che erano d'accordo.

Mulvaney ha rifiutato di dire se avrebbe votato per Trump se fosse stato nominato nel 2024. Tuttavia, le persone vicine a Trump hanno preso atto delle dichiarazioni televisive e questa settimana hanno telefonato alla ricerca di qualcuno che potesse attaccare e quindi minare Mulvaney nella Carolina del Sud, il stato di origine dell'ex consigliere, ha detto un agente politico a conoscenza delle chiamate.

Gli ultimi due mesi di gare settimanali per le primarie hanno dimostrato che le politiche di Trump hanno rimodellato il Partito Repubblicano. Ma il collegio elettorale dal cappello rosso ha anche ripetutamente dimostrato la sua indipendenza dal patriarca del movimento Make America Great Again. Sebbene gli elettori delle primarie repubblicane abbiano sostenuto alcuni dei candidati favoriti di Trump, in particolare alle primarie del Senato, hanno rifiutato le sue scelte in Georgia, Colorado e altrove.

“Ci sono alcune prove che alcuni elettori repubblicani stanno cercando di allontanarsi da Donald Trump”, ha affermato Scott Jennings, uno stratega repubblicano. Jennings ha detto di non essere sorpreso dall'entusiasmo di Trump di lanciarsi nella corsa presidenziale. “Se sei nei suoi panni, devi cercare di spegnere quell'incendio. Perché più brucia, più brucia.”

Nelle interviste con due dozzine di elettori repubblicani, attivisti di partito e funzionari eletti, pochi hanno affermato che le udienze del 6 gennaio stavano giocando un ruolo nel loro interesse per altri candidati. Ma molti hanno notato che stavano cercando un candidato che fosse meno divisivo.

“Ci saranno un certo numero di repubblicani che molti repubblicani ritengono non solo uniscano il partito, ma governino con politiche forti e conservatrici”, ha affermato Jason Shepherd, un ex aiutante di Newt Gingrich che è un membro del comitato statale del Partito Repubblicano della Georgia. Se Trump vince la nomination, ha detto Shepherd, i repubblicani non esiteranno a sostenerlo alle elezioni generali.

Nicole Wolter, CEO di un'azienda manifatturiera suburbana di Chicago e membro del consiglio della National Association of Manufacturers , ha un ufficio decorato con foto della sua visita alla Casa Bianca durante gli anni di Trump come presidente.

Ma, ha detto Wolter in un'intervista il mese scorso nel suo ufficio a Wauconda, Illinois, Trump è diventato troppo tossico per gli elettori nei sobborghi perché i repubblicani vincano le elezioni generali.

I sostenitori dell'ex presidente Donald Trump vedono la sua apparizione sul palco su uno schermo video durante la sua manifestazione a Mendon, Illinois, sabato 25 giugno 2022. I repubblicani si stanno preparando alla prospettiva che Trump dichiari un'offerta presidenziale insolitamente anticipata. (Rachel Mummey/The New York Times)

“Ci sono troppe persone a cui non piace molto”, ha detto Wolter. “Vogliamo che tutti si radunino attorno a lui e siano in grado di ottenere gli indipendenti, e penso solo che se si candidasse, non sarebbe in grado di farcela”.

Sondaggi post-presidenza hanno costantemente dimostrato che Trump rimane la figura più potente all'interno del suo partito. Ma i potenziali concorrenti non si sono fatti spaventare.

La scorsa settimana, un sondaggio tra i repubblicani del New Hampshire, uno dei primi stati presidenziali primari, ha mostrato un legame statistico tra Trump e DeSantis.

Ex Il segretario di Stato Mike Pompeo, che l'anno scorso aveva detto a Trump che non avrebbe gareggiato contro di lui per la nomina presidenziale, ha continuato a gettare le basi per un'offerta per il 2024.

Pompeo ha detto ad altri che può battere Trump nei caucus dell'Iowa, secondo le persone che hanno familiarità con le conversazioni.

UPSC KEY Hai visto la nostra sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto dei loro esami? Vedi qui