La Turchia blocca l'accesso a Deutsche Welle e Voice of America

0
45

La RTUK è dominata dal partito al governo del presidente turco Recep Tayyip Erdogan e dai suoi alleati nazionalisti e multa regolarmente le emittenti critiche. (AP)

Il controllo dei media della Turchia ha vietato l'accesso ai servizi turchi dell'emittente del servizio pubblico statunitense Voice of America e dell'emittente tedesca Deutsche Welle, suscitando critiche alla censura.

Il Consiglio supremo di Radio e televisione hanno applicato una decisione di febbraio che richiedeva ai media internazionali di trasmettere contenuti televisivi in ​​turco online per richiedere una licenza di trasmissione. Un tribunale di Ankara ha deciso di limitare l'accesso ai siti Web della società statale Deutsche Welle e Voice of America giovedì scorso.

Nessuno dei due siti web era disponibile in Turchia venerdì. In una dichiarazione, Deutsche Welle ha affermato di non aver rispettato l'obbligo di licenza perché “avrebbe consentito al governo turco di censurare i contenuti editoriali”.

Il direttore generale Peter Limbourg ha affermato che ciò è stato spiegato in dettaglio al turco scheda radio e TV, abbreviata in RTUK.

Il meglio di Express Premium

Premium

Rapporto commissionato da NITI Aayog che ha studiato 3 ordini della Corte Suprema, 2…

Premium

Tavleen Singh scrive: L'islamismo non ha posto in India< figure>Premium

“Il problema più grande è la nostra dipendenza dall'energia importata, che è il 4% di…

Premium

Una lettera da Silchar, Assam: Down a città, su una barca con un corpoAltre storie premium >>

“Ad esempio, i media con licenza in Turchia sono tenuti a eliminare i contenuti online che RTUK interpreta come inappropriati. Questo è semplicemente inaccettabile per un'emittente indipendente. DW intraprenderà un'azione legale contro il blocco che ha avuto luogo”, ha affermato Limbourg.

Spiegazione | Spiegazione: perché la Turchia si oppone all'ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO?

Ilhan Tasci, un membro di RTUK del Partito popolare repubblicano della principale opposizione turca, ha affermato di essere contrario alla mossa di bloccare le due emittenti straniere. Il consiglio ha presentato domanda al tribunale per la limitazione dell'accesso, ha affermato.

“Qui c'è libertà di stampa e democrazia avanzata”, ha twittato sarcasticamente.

Il consiglio è dominato dal partito al governo del presidente turco Recep Tayyip Erdogan e dai suoi alleati nazionalisti, e multa regolarmente le emittenti critiche.

p>

L'Unione dei giornalisti della Turchia ha definito la decisione censura. “Rinuncia a cercare di vietare tutto ciò che non ti piace, questa società vuole la libertà”, ha twittato.
A febbraio, RTUK ha dichiarato di aver identificato tre siti web senza licenza di trasmissione, che includevano anche i servizi turchi di Euronews. Ma Euronews ha affermato di aver sostenuto che non trasmetteva in diretta in turchi o bollettini visivi aerei ed era quindi esente dai requisiti di licenza.

Voice of America ha osservato a febbraio che mentre la licenza per le trasmissioni televisive e radiofoniche è una norma poiché le onde radio trasmesse sono risorse limitate, Internet non ha una larghezza di banda limitata.

“L'unico scopo possibile di un requisito di licenza per la distribuzione di Internet è consentire la censura,” VOA ha detto in una dichiarazione.

Per le trasmissioni radiotelevisive, “i governi hanno la responsabilità riconosciuta di regolare lo spettro per garantire che sia utilizzato nell'interesse del pubblico più ampio”, ha affermato.
Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha twittato quando il regolamento sulle licenze è emerso a febbraio che gli Stati Uniti erano preoccupati per la “decisione di RTUK di espandere il controllo del governo sugli organi di stampa liberi”.

In risposta, il portavoce del ministero degli Esteri turco Tanju Bilgic ha osservato che gli Stati Uniti hanno richiesto all'emittente statale in lingua inglese della Turchia, TRT World, di registrarsi come agente straniero ai sensi di una legge destinata ai lobbisti e alle società di pubbliche relazioni che lavorano per governi stranieri. TRT ha affermato di raccogliere notizie e riferire come
qualsiasi altro media internazionale.

“TRT si attiene alle normative pertinenti per le sue attività negli Stati Uniti. È censura? Ci aspettiamo lo stesso da @VoATukish e altri”, ha twittato Bilgic.

La Turchia è stata valutata come “Non libera” per il 2021 nell'indice Freedom of the Net da Freedom House. Centinaia di migliaia di domini e indirizzi web sono stati bloccati.
Reporters sans frontières ha classificato la Turchia al 149° posto su 180 nel suo World Press Freedom Index, affermando che “tutti i mezzi possibili sono usati per indebolire i critici”, incluso spogliare i giornalisti di schede stampa, censura online, azioni legali e arresti.

 

UPSC KEY Hai visto la nostra sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto della loro esami? Vedi qui