“Il miglior ministro degli esteri che l'India non ha mai avuto”, ha condotto i colloqui di back-channel con Pak

0
43

Satinder Lambah 1941-2022

Satinder Lambah, il diplomatico che ha guidato il processo di back-channel tra India e Pakistan dal 2005 al 2014, ed è stato irremovibile fino alla fine nella sua condanna quel fidanzamento con un avversario era d'obbligo, è morto giovedì notte a Nuova Delhi. Era malato da circa un anno. Aveva 81 anni.

In qualità di inviato speciale dell'allora primo ministro Manmohan Singh in Pakistan, Lambah ha tenuto colloqui discreti dietro le quinte con il suo omologo Tariq Aziz, nominato per il processo di back-channel dall'allora sovrano militare Il generale Parvez Musharraf. Con la sua morte, l'India ha perso il suo massimo esperto di Pakistan.

Lambah è stato anche inviato speciale in Afghanistan dal 2001 al 2004. È stato emissario di Delhi alla conferenza di Bonn e ha guidato la partecipazione dell'India alla ricostruzione e riqualificazione post-talebana del paese, gettando le basi per il decennio e il metà dell'impegno proficuo di Delhi con quel paese.

Un ufficiale del servizio estero indiano del lotto del 1964, Lambah aveva precedentemente servito come vice alto commissario e alto commissario in Pakistan, ed era anche segretario congiunto presso la divisione Pakistan-Afghanistan-Iran presso il Ministero degli Affari Esteri. I colleghi lo ricordano come un diplomatico schivo ma abile. Il suo ultimo incarico prima di ritirarsi è stato quello di ambasciatore a Mosca dal 1998 al 2001.

Il meglio di Express Premium

Premium

Emancipazione delle donne o controllo della popolazione? Perché l'aborto è stato legalizzato in…

Premium

Udaipur uccide in video | 'Fai qualcosa di spettacolare': l'uomo di Pak ha detto …

< img src="https://images.indianexpress.com/2022/07/Agnipath-protest.jpeg?resize=450,250" />Premium

Nel villaggio di fauji sogni, ripensamenti, insicurezza su Agnipath

Premium

Delhi HC ha recentemente annullato i poteri del Banks Board Bureau; nuovo corpo per s…Altre storie premium >> Best of Explained

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Lambah è nato a Peshawar prima della partizione, così come sua moglie Nilima, e durante i suoi due turni di servizio in quel paese, ha costruito una formidabile gamma di contatti tra le élite politiche e sociali del Pakistan che ha mobilitato per promuovere i legami bilaterali.

Aveva incontrato Nawaz Sharif negli anni '80, durante il suo primo incarico in Pakistan, tramite un amico comune. Il giovane Sharif, che allora lavorava nell'industria siderurgica di famiglia e nutriva ambizioni politiche, stava aspettando di ricevere Lambah all'aeroporto di Lahore quando arrivò in aereo da Islamabad. I due tornarono in città con l'auto sportiva rossa di Sharif.

Quando Lambah tornò a Islamabad come alto commissario dell'India, un giorno dopo aver presentato le sue credenziali, Sharif, ormai Il Primo Ministro ha ospitato un grande pranzo in suo onore, un'accoglienza senza precedenti per un diplomatico indiano in Pakistan.

Alla fine del suo mandato lì, ricevette un addio simile da Benazir Bhutto, che era succeduto a Sharif come Primo Ministro. Contro il parere del Ministero degli Esteri dell'epoca, ha organizzato un pranzo di benvenuto per salutarlo.

“Era un decano della diplomazia della vecchia scuola, che riguardava le persone, i contatti personali e il faccia a- affrontava le interazioni ed era assolutamente affascinante”, ha detto un collega dell'Indian Foreign Service.

Amitabh Mattoo, professore alla JNU's School of International Studies, lo descrive “come il miglior ministro degli esteri che l'India non abbia mai avuto”.

Il ruolo di Lambah come negoziatore di back-channel di Singh con Musharraf ha visto le relazioni tra i due paesi migliorare notevolmente dal 2004 al 2008. Un cessate il fuoco era già in vigore dal 2003. Nel 2006, si diceva che India e Pakistan fossero vicini a un accordo sul Kashmir attraverso il canale secondario. E all'inizio del 2007, le due parti avrebbero scambiato un “libro bianco” che dettagliava i termini, anche se lo stesso Lambah non ne ha mai parlato.

Acquista ora | Il nostro miglior piano di abbonamento ora ha un prezzo speciale

Il declino di Musharraf dopo che la sua decisione sconsiderata di licenziare il capo della giustizia nel marzo 2007 ha sospeso l'accordo, ha detto Lambah in interviste. I servizi di autobus attraverso la LoC per consentire l'interazione tra le due parti di J&K e il commercio cross-LoC, implementati durante questo periodo, sembrano aver fatto parte della risoluzione proposta.

Dopo gli attacchi di Mumbai del 2008, il canale secondario ha continuato a farfugliare fino al 2014 con le infradito pachistane sul rintracciare e perseguire gli autori di Mumbai, assicurando una battuta d'arresto virtuale all'impegno bilaterale. A un certo punto, il governo civile post-Musharraf guidato dal PPP ha negato l'esistenza del “libro bianco”.

Lambah ha affermato in interviste fino al 2015 che la formula che lui e Aziz avevano preparato aveva il consenso della dirigenza da entrambe le parti. Lo ha descritto come un “win-win” per entrambi i paesi e ha affermato che potrebbe servire come base per qualsiasi futura risoluzione della questione del Kashmir.

In un discorso alla Jadavpur University di Calcutta nel settembre 2018, Lambah ha affermato che era improbabile che il Pakistan cambiasse radicalmente il suo atteggiamento nei confronti dell'India, ma, per essere un attore regionale o globale efficace, era nell'interesse dell'India per garantire buone relazioni con i vicini.

Per questo, ha detto fidanzamento — diverso dal dialogo – doveva essere mantenuto. Ha anche sottolineato che le questioni bilaterali non dovrebbero diventare una questione di politica elettorale interna. Era un devoto di un regime di visti illimitato per consentire a tanti pakistani di visitare l'India, sostenendo che erano i migliori ambasciatori dell'India in Pakistan. Credeva anche che l'India dovesse organizzare la propria casa in J&K per impedire agli estranei di pescare in acque agitate.

Durante gli anni del back-channel, Lambah ha assicurato la completa segretezza sulla sua missione, sebbene fosse perseguitato dai segugi di notizie. Anche negli anni successivi ne parlerà solo in termini generali, facendo attenzione a non fornire troppi dettagli.

“Era molto discreto riguardo a ciò che condivideva delle sue valutazioni e conclusioni. In quanto persona profondamente impegnata con il Pakistan come contatto designato di back-channel, è rimasto imperscrutabile per gli estranei”, ha affermato TC A Raghavan, che in quegli anni ha servito come vice alto commissario a Islamabad e in seguito è stato alto commissario in Pakistan.

Quando questo giornalista si stava recando in Pakistan per un incarico a lungo termine come corrispondente estero, consigliò: “Sarai uno degli unici due indiani (all'epoca c'erano due giornalisti indiani con sede in Pakistan) che possono scrivere quello che vedono e ascolta per far leggere agli altri. Scrivi molto, scrivi di tutto. Anche noi diplomatici scriviamo, ma questo è per i file.”

Altro da Political Pulse

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Sebbene il suo più grande contributo sia stato la diplomazia indiana con Pakistan e Afghanistan, è anche ricordato per aver gettato le basi del solido impegno dell'India con la Silicon Valley, durante i suoi anni come console generale a San Francisco nei primi anni '90. Ha anche mobilitato le NRI sulla costa occidentale degli Stati Uniti per contribuire alla creazione della prima cattedra di studi sull'India a Berkeley, che, a causa della massiccia risposta, è diventata due cattedre. Ne ha fornito un resoconto affascinante nell'Oral History Project dell'Indian Foreign Affairs Journal.

Pochi ora ricordano che mentre era ambasciatore in Germania, Lambah avviò anche il primo contatto tra il governo indiano e la figlia di Netaji Subhash Chandra Bose in Germania, Anita Pfaff, per il permesso di riportare le ceneri del combattente per la libertà dal tempio Renkoji a Tokyo, dove sono conservate. Poi il ministro degli Esteri Pranab Mukherjee ha incontrato Pfaff durante una visita in Germania nel 2012.

Anche a Mosca ha lasciato il segno, lavorando al partenariato strategico India-Russia firmato nell'ottobre 2000 e dando vita a ONGC& #8217;il primo investimento all'estero nei giacimenti di gas di Sakhalin, un'impresa che continua a essere produttiva fino ad oggi.

UPSC KEY Hai visto la nostra sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto dei loro esami? Vedi qui