Funzionari africani: la diffusione di Monkeypox è già un'emergenza

0
51

Un'immagine creata durante un'indagine su un focolaio di vaiolo delle scimmie, avvenuto nella Repubblica Democratica del Congo, dal 1996 al 1997, mostra le mani di un paziente con un'eruzione cutanea a causa di vaiolo delle scimmie. (CDC/Brian W.J. Mahy/Handout tramite REUTERS/file Photo)

Le autorità sanitarie in Africa affermano che stanno trattando l'epidemia di vaiolo delle scimmie in espansione come un'emergenza e chiedono ai paesi ricchi di condividere la limitata offerta mondiale di vaccini nel tentativo di evitare i evidenti problemi di equità visti durante la pandemia di COVID-19 .

Il vaiolo delle scimmie fa ammalare le persone in alcune parti dell'Africa centrale e occidentale da decenni, ma la mancanza di diagnosi di laboratorio e la scarsa sorveglianza significano che molti casi non vengono rilevati in tutto il continente. Ad oggi, i paesi africani hanno segnalato più di 1.800 casi sospetti quest'anno, inclusi più di 70 decessi, ma solo 109 sono stati confermati in laboratorio.

“Questo particolare focolaio per noi significa un'emergenza,” ha affermato Ahmed Ogwell, direttore ad interim dei Centri africani per il controllo delle malattie. “Vogliamo essere in grado di affrontare il vaiolo delle scimmie come un'emergenza ora in modo che non causi più dolore e sofferenza,“ disse.

La scorsa settimana, l'OMS ha affermato che il suo comitato di emergenza ha concluso che l'espansione dell'epidemia di vaiolo delle scimmie era preoccupante, ma non meritava ancora di essere dichiarata un'emergenza sanitaria globale. L'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha affermato che avrebbe riconsiderato la sua decisione se la malattia avesse continuato a diffondersi oltre i confini, avesse mostrato segni di maggiore gravità o avesse iniziato a infettare gruppi vulnerabili come donne incinte e bambini.

Il meglio di Express Premium

Premium

Rapporto commissionato da NITI Aayog che ha studiato 3 ordini della Corte Suprema, 2…

Premium

Tavleen Singh scrive: L'islamismo non ha posto in India

Premium< /figura>“Il problema più grande è la nostra dipendenza dall'energia importata, che è il 4% di…

Premium

Una lettera da Silchar, Assam: Down a città, su una barca con un corpoAltre storie premium >>

A livello globale, sono stati segnalati oltre 5.000 casi di vaiolo delle scimmie in 51 paesi, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. La maggior parte di questi casi è in Europa. Non sono stati segnalati decessi al di fuori dell'Africa.

In Africa, l'OMS ha affermato che il vaiolo delle scimmie si è diffuso in paesi in cui non è stato mai visto in precedenza, inclusi Sud Africa, Ghana e Marocco. Ma più del 90% delle infezioni del continente sono in Congo e Nigeria, secondo il direttore dell'OMS per l'Africa, il dottor Moeti Matshidiso.

Ha detto che, date le limitate forniture globali di vaccini per combattere il vaiolo delle scimmie, l'OMS era in trattative con i produttori e i paesi con scorte per vedere se potevano essere condivise. I vaccini sono stati sviluppati principalmente per fermare il vaiolo, una malattia correlata _ e la maggior parte non è autorizzata per l'uso contro il vaiolo delle scimmie in Africa. I vaccini non sono stati utilizzati in precedenza per cercare di eliminare le epidemie di vaiolo delle scimmie in Africa; i funzionari si sono affidati principalmente a misure come il tracciamento dei contatti e l'isolamento.

“Vorremmo che i riflettori globali sul vaiolo delle scimmie fungessero da catalizzatore per sconfiggere questa malattia una volta per tutte in Africa,&# 8221; ha detto giovedì durante una conferenza stampa.

L'OMS ha notato che, analogamente alla corsa dell'anno scorso per i vaccini COVID-19, i paesi con forniture di vaccini per fermare il vaiolo delle scimmie non li stanno ancora condividendo con i paesi africani.

“Non abbiamo donazioni offerte a paesi (più poveri),“ ha affermato Fiona Braka, che dirige il team di risposta alle emergenze dell'OMS in Africa. “Sappiamo che quei paesi che hanno alcuni stock, li stanno principalmente riservando alle proprie popolazioni.” L'OMS ha affermato il mese scorso che stava lavorando per creare un meccanismo per condividere i vaccini con i paesi con i focolai più grandi, che alcuni temono possano vedere i vaccini andare a paesi ricchi come Gran Bretagna, Germania e Francia, alcuni dei maggiori donatori dell'agenzia e che hanno già le proprie provviste.

Mentre i casi di vaiolo delle scimmie in Europa e Nord America sono stati identificati principalmente in uomini gay, bisessuali o che dormono con altri uomini, non è così in Africa.

Tieble Traore dell'OMS ha affermato che, secondo dati dettagliati del Ghana, il numero di casi di vaiolo delle scimmie è stato diviso quasi equamente tra uomini e donne.

“Non abbiamo ancora visto una diffusione tra gli uomini che fare sesso con uomini,” ha detto.

Tra i casi di vaiolo delle scimmie in Gran Bretagna, che ha il più grande focolaio al di fuori dell'Africa, la stragrande maggioranza dei casi riguarda uomini e le autorità hanno notato che si sta diffondendo solo all'interno di “reti sessuali definite di gay”. , bisessuali o uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.” Gli scienziati avvertono che chiunque è a rischio di contrarre il vaiolo delle scimmie se entra in stretto contatto fisico con un paziente infetto o con i suoi vestiti o lenzuola.

In Africa, il vaiolo delle scimmie è stato diffuso principalmente a persone da animali selvatici infetti come roditori o primati. In genere non ha innescato focolai diffusi o una rapida diffusione tra le persone.

 

UPSC KEY Hai visto la nostra sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto dei loro esami? Vedi qui