Casi Covid in aumento in 110 Paesi, trainati da 2 sottovarianti Omicron: l'OMS

0
53

Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) (AP)

La pandemia di Covid-19 sta cambiando ma non è finita, ha detto mercoledì il capo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità , avvertendo che i casi sono in aumento in 110 paesi e sono guidati principalmente da due sottovarianti di Omicron a rapida diffusione.

I Centers for Disease Control and Prevention hanno affermato questa settimana che l'Omicron a rapida diffusione Si stima che le sottovarianti BA.4 e BA.5 insieme costituissero la metà dei casi di coronavirus negli Stati Uniti.

Al 25 giugno, BA.5 rappresentava il 36,6% del coronavirus totale casi negli Stati Uniti, mentre BA.4 rappresentava il 15,7%, rappresentando insieme circa il 52% dei nuovi casi negli Stati Uniti.

“Su Covid-19, trainato da BA.4 e BA.5 in molti luoghi, i casi sono in aumento in 110 paesi, causando un aumento complessivo dei casi globali del 20% e i decessi sono aumentati in tre dei sei Le regioni dell'OMS anche se la cifra globale rimane relativamente stabile”, ha affermato il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Ha detto che “la pandemia sta cambiando ma non è finita. Abbiamo fatto progressi ma non è finita”. Ghebreyesus ha affermato che la capacità di tracciare il virus è “minacciata” poiché i rapporti e le sequenze genomiche stanno diminuendo, rendendo più difficile tracciare Omicron e analizzare le future varianti emergenti.

Il capo dell'OMS ha anche espresso preoccupazione per il ritmo lento della vaccinazione nei paesi a basso reddito, rendendo la popolazione a rischio in quelle aree più vulnerabile alle future ondate di virus.

“Siamo vicini a metà anno, che è il punto in cui l'OMS ha invitato tutti i paesi a vaccinare almeno il 70% della loro popolazione”, ha affermato, aggiungendo che negli ultimi 18 mesi sono stati più di 12 miliardi di vaccini distribuito in tutto il mondo e il 75% degli operatori sanitari e degli over 60 del mondo è ora vaccinato.

The Lancet stima che 20 milioni di vite siano state salvate grazie ai vaccini.

“D'altra parte, centinaia di milioni di persone, inclusi decine di milioni di operatori sanitari e anziani nei paesi a basso reddito, rimangono non vaccinati , il che significa che sono più vulnerabili alle future ondate di virus”, ha affermato.

Ghebreyesus ha affermato che mentre l'accaparramento di vaccini da parte dei paesi ricchi e manifatturieri è stata la principale barriera all'accesso l'anno scorso, l'impegno sempre più politico nel fornire i vaccini alle persone – e le sfide della disinformazione – sono stati ostacoli a livello nazionale nel 2022.

“Con solo 58 paesi che hanno raggiunto l'obiettivo del 70%, alcuni hanno affermato che non è possibile per i paesi a basso reddito it”, ha affermato.

Il capo dell'OMS ha citato l'esempio del Ruanda, dove i tassi di vaccinazione della seconda dose sono ora superiori al 65% e continuano a crescere.

Paesi come il Nepal e la Cambogia “hanno dimostrato che è possibile”, ha affermato, aggiungendo che il tasso medio nei paesi a basso reddito è del 13%.

“Ma se c'è abbastanza volontà politica a livello nazionale , supporto per garantire l'introduzione nelle comunità e la disinformazione affrontata, alti tassi di vaccinazione sono del tutto realizzabili”, ha affermato.

Ghebreyesus ha sottolineato che andando avanti per prevenire i decessi e le malattie gravi, è importante mantenere il massimo gruppi a rischio aggiornati con la vaccinazione.

Ha affermato che in tutti i paesi il 100% dei gruppi a rischio dovrebbe essere vaccinato e potenziato il prima possibile.

“Anche relativamente 'mite' i casi sono dirompenti e dannosi, tenendo i bambini fuori dalla scuola e gli adulti dal lavoro, il che provoca ulteriori interruzioni economiche e della catena di approvvigionamento. Penso che i paesi dovrebbero continuare a vaccinare il 70% della popolazione, a cominciare dai più vulnerabili? Sì, lo so”, ha detto.

Sul fronte della ricerca e dello sviluppo, Ghebreyesus ha affermato che è fondamentale che ci siano finanziamenti per i vaccini di seconda generazione, nonché per i test e le cure.

“Sebbene abbia senso affinare i vaccini per le varianti del virus in evoluzione, sono preoccupato che il ritmo della mutazione significhi che il mondo sta continuando a recuperare il ritardo. Basarsi sui vaccini esistenti che limitano la gravità e prevengono la morte, lo sviluppo di vaccini di seconda generazione che fermino – o almeno riducano l'infezione – sarebbe un importante passo avanti”, ha affermato.

Ha affermato che la soluzione ideale sarebbe lo sviluppo di un “pan-coronavirus” vaccino che copra tutte le varianti finora e quelle potenzialmente future.

Il meglio di Express Premium

Premium

UPSC Key-1 luglio 2022: perché leggere “Ufficio del Primo Ministro” o 'Spugna …

Premium

Dramma politico del Maharashtra: quando il BJP ha vinto ma il suo leader ha perso

Premium

Un secolo, come è nata Gita Press ‘fornitore di stampa leader…

Premium

Spiegazione: 5 modi in cui l'iPhone ha cambiato il mondo in 15 anniAltre storie premium &gt ;>

“Questo è fattibile, l'OMS continua a convocare scienziati e ricercatori e ci sono state molte ricerche su questo virus e sulla comprensione dell'immunologia in generale,” ha detto.

UPSC KEY Hai visto la nostra sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto dei loro esami? Vedi qui