“A padre non è stata data sicurezza, ma dovremmo”: figlio di un sarto ucciso a Udaipur

0
50

Il FIR nel caso di omicidio di Kanhaiya Lal è stato presentato da suo figlio Yash Teli, che gestisce un negozio separato nella zona di Hiran Magri di Udaipur.

Il la famiglia di Kanhaiya Lal Teli, il sarto ucciso a colpi di arma da fuoco a Udaipur il 28 giugno, ha chiesto la sicurezza della polizia.

“Abbiamo chiesto sicurezza. A mio padre non è stata fornita la sicurezza, ma a noi dovrebbe essere fornita. Ci è stato assicurato lo stesso”, ha detto giovedì Yash Teli, il figlio di Kanhaiya Lal. Yash, 20 anni, ha anche affermato che all'imputato “non dovrebbe essere inflitta nient'altro che una condanna a morte”.

La dichiarazione di Yash è arrivata il giorno la sua famiglia è stata visitata dal Primo Ministro del Rajasthan Ashok Gehlot . Dopo l'incontro, Gehlot ha detto ai media: “La National Investigation Agency (NIA) dovrebbe occuparsi del caso in un tribunale accelerato. Il verbale di accusa dovrebbe essere depositato il prima possibile in modo che la punizione possa essere assegnata. Il modo in cui è avvenuto l'incidente ha scosso il Paese. Gli accusati sono stati catturati e la polizia e il Gruppo per le operazioni speciali (SOG) hanno svolto un buon lavoro.”

Kanhaiya Lal è stato colpito a morte all'interno del suo negozio il 28 giugno da due uomini, presumibilmente per un post sui social media a sostegno del portavoce sospeso del BJP Nupur Sharma, che aveva fatto osservazioni controverse contro il profeta Mohammad.

Il meglio di Express Premium

Premium

UPSC Key-1 luglio 2022: perché leggere “Office of Chief Minister” o “Sponge …< figure>Premium

Dramma politico del Maharashtra: quando il BJP ha vinto ma il suo leader ha perso

Premium

Un secolo, come è nata Gita Press ‘fornitore di stampa leader…

Premium

Spiegazione: 5 modi in cui l'iPhone ha cambiato il mondo in 15 anniDi più Storie premium >>

La FIR nel caso è stata presentata da Yash, che gestisce un negozio separato nella zona di Hiran Magri di Udaipur.

Un video pubblicato dagli aggressori mostra Kanhaiya Lal, che gestiva “Supreme Tailors” nell'Hathi di Udaipur Località Pole, prendendo le misure di uno di loro, che in seguito si identificò come Riyaz. Qualche istante dopo, l'uomo viene visto attaccare il sarto al collo con una mannaia anche se la vittima chiede: “Kya hua? Batao toh sahi (Cos'è successo? Dimmi).”

L'indagine finora ha scoperto che l'altro aggressore, Ghouse Mohammad, aveva visitato Karachi nel 2014 ed era collegato a Da'wat-e- Islami (DeI), il gruppo di proselitismo sunnita Barelvi fondato in Pakistan.

UPSC KEY Hai visto la nostra sezione dedicata ad aiutare gli aspiranti USPC a decodificare le notizie quotidiane nel contesto della loro esami? Vedi qui