Questo mese nella storia della tecnologia: luglio

0
57
Auttapol Sangsub/Shutterstock

Luglio vede l'inizio di diverse icone della tecnologia. Dalle nascite della musica portatile e di due amati personaggi dei videogiochi alla fondazione di due colossi dell'industria tecnologica, scopri cosa è successo di seguito.

Indice

< /p>

1 luglio 1979: Walkman è in vendita
5 luglio 1994: Amazon fondata
9 luglio 1981: Donkey Kong viene rilasciato
10 luglio 2008: lancio dell'App Store
15 luglio 1983: Nintendo lancia Famicom
18 luglio 1968: fondazione di Intel
30 luglio 1979: inizio dello sviluppo di Apple Lisa

1 luglio 1979: il walkman è in vendita

Ned Snowman/Shutterstock.com

Oggi diamo per scontata la possibilità di ascoltare qualsiasi canzone ogni volta che vuoi. Ma prima dello streaming di musica, smartphone, auricolari wireless e altro ancora, c'era il Walkman: il primo stereo personale portatile al mondo. Nato da un'idea di Masaru Ibuka di Sony, il Walkman è nato dal suo desiderio di ascoltare le cassette sui suoi frequenti voli internazionali. Ha incaricato il suo vice (e futuro CEO di Sony) Norio Ohga di sviluppare un prototipo di dispositivo più piccolo e portatile del Sony TC-D5, che aveva utilizzato per viaggiare fino a quel momento.

Ohga ha basato il design del Walkman sul registratore a cassette portatile di Sony, il Pressman, che l'azienda ha sviluppato principalmente per i giornalisti. Completato in tempo per il prossimo volo transpacifico di Ibuka, il presidente della Sony è rimasto così colpito dal dispositivo che ne ha ordinato la produzione accelerata. Il Walkman è stato messo in vendita solo quattro mesi dopo.

Dopo un mese iniziale di vendite poco brillanti, il team di marketing di Sony è sceso nelle strade di Tokyo per presentare il dispositivo direttamente al pubblico. La strategia ha funzionato e il Walkman stava per cambiare il modo in cui il mondo consumava la musica. Da allora, il marchio Walkman ha venduto più di 400 milioni di unità. E sebbene Sony abbia interrotto la produzione della versione basata su cassetta del dispositivo nel 2009, il Walkman sopravvive come lettore audio digitale, sopravvivendo anche al suo concorrente di maggior successo, l'iPod.

5 luglio 1994: Amazon fondata

Come molte altre iconiche aziende tecnologiche che conosciamo oggi, Amazon ha iniziato nel garage del suo fondatore. Jeff Bezos ha realizzato il potenziale di Internet e l'ha lanciato fin dall'inizio per affermarlo come una destinazione di riferimento per gli acquirenti online. Originariamente fondata come “Cadabra,” L'avvocato di Bezo ha sentito male il nome della società come “cadaver” al telefono e Bezos si rese conto che era necessario cambiare nome. Ha optato per “Amazon” a causa del suo suono esotico e che sarebbe apparso in cima a un elenco alfabetico. Ha registrato il dominio amazon.com il 1° novembre 1994.

Bezos intendeva che Amazon fosse il più grande rivenditore al mondo sin dall'inizio, ma non sapeva cosa vendere. Alla fine ha scelto i libri perché erano facili da acquistare, imballare e spedire. Il 16 luglio 1995 Amazon è andato online. Nel giro di due mesi stava portando più di $ 20.000 di entrate settimanali. In tre anni, Amazon si è espansa oltre i libri e ha anche venduto musica e videogiochi.

L'espansione non si è mai fermata. Bezos ha realizzato il suo sogno di Amazon come il più grande rivenditore online del mondo. A partire dal 2022, l'azienda realizza oltre 300 milioni di dollari di entrate, seconda solo a Walmart. Bezos è diventato la persona più ricca della storia nel 2018 e ha mantenuto quel titolo fino alla fine del 2021, quando è stato rivendicato da Elon Musk.

9 luglio 1981: Donkey Rilascio di Kong

Logan Bush/Shutterstock.com

Quando Nintendo fondò la sua sussidiaria nordamericana, Nintendo of America, nel 1980, la sua prima versione arcade, Radar Scope, fu un flop, lasciando l'azienda con migliaia di cabinet invenduti nel suo magazzino. Sperando di riprogrammare l'inventario con un prodotto più venduto, Nintendo ha incaricato la futura leggenda dei videogiochi, Shigeru Miyamoto, di sviluppare un gioco basato sul franchise di cartoni animati americani Popeye the Sailor.

Nel gioco, Braccio di Ferro avrebbe salvato il suo amore rapito, Olive Oyl, dal suo acerrimo nemico, Bluto. Ma quando Nintendo non è riuscita a ottenere una licenza per utilizzare i personaggi Braccio di Ferro, sono stati reinventati come i personaggi originali Jumpman, The Lady e Donkey Kong. (Jumpman e The Lady sono stati successivamente ribattezzati Mario e Pauline nei giochi successivi.) E il gioco è stato intitolato Donkey Kong in onore del suo cattivo perché Miyamoto lo vedeva come il personaggio più avvincente.

Nintendo of America ha testato sul mercato i mobili convertiti nella scena dei bar locali di Seattle, dove sono stati un grande successo. Le scorte si esaurirono rapidamente e l'azienda iniziò a produrre nuovi armadi a Redmond, Washington, piuttosto che in Giappone per soddisfare la crescente domanda. Nel corso dell'anno, Nintendo ha venduto 60.000 unità arcade, rendendo Donkey Kong il gioco con il maggior incasso del 1981.

Il successo di Donkey Kong nelle sale giochi ha portato Nintendo a portare il gioco per diverse console di videogiochi e a produrre un sequel, Donkey Kong Jr. Ha anche ispirato un franchise spinoff incentrato su Jumpman: Mario Bros.

10 luglio 2008: lancio dell'App Store

Quando Steve Jobs ha annunciato l'iPhone nel 2007, ha inviato ondate in tutto il mondo tecnologico. Ma, per quanto innovativo fosse l'iPhone al momento del lancio, mancava di diverse funzionalità fondamentali come taglia/copia/incolla, multitasking e supporto 3G. Tuttavia, c'era una caratteristica che alla fine sarebbe arrivata a definire l'utilità dell'iPhone che Jobs inizialmente era contrario ad aggiungere: l'App Store. Riteneva che l'apertura dell'iPhone a sviluppatori di terze parti avrebbe messo il dispositivo a rischio di virus e introdotto software di bassa qualità nell'esperienza del walled garden di Apple.

Per il primo anno di vita dell'iPhone, Apple ha limitato gli utenti alle app preinstallate, di cui erano solo 17. Se gli utenti volevano eseguire programmi non Apple, dovevano eseguire il jailbreak del dispositivo o eseguire app tramite il Web Safari browser. Tuttavia, i dirigenti di Apple hanno convinto Jobs ad aprire la porta a sviluppatori esterni dopo aver promesso che l'azienda avrebbe mantenuto il controllo end-to-end su quali programmi gli utenti potevano e non potevano installare sui propri smartphone.

L'App Store si è rivelato uno strumento rivoluzionario. Fornendo un luogo centralizzato ed esclusivo per acquistare software approvato, Apple ha ampliato all'infinito ciò che l'iPhone poteva fare. L'unica limitazione su iPhone era ora l'immaginazione di milioni di sviluppatori. Inoltre, ha reso Apple una fortuna in termini di profitti, poiché ha rivendicato il 30% di tutte le vendite di app. Dal suo lancio, l'App Store ha generato entrate per 260 miliardi di dollari.

15 luglio 1983: Nintendo lancia Famicom

KAMONWAN SIRIWAN/Shutterstock.com

< p>All'inizio degli anni '70, dopo quasi un secolo di produzione di carte da gioco e giocattoli, Nintendo ha spostato la sua attenzione sul mercato emergente dei videogiochi. La loro prima incursione nello spazio fu il gioco arcade del 1975 EVR-Race, seguito due anni dopo dalla prima console di gioco dell'azienda, il Color TV-Game. Mentre il successo della loro linea arcade è stato incostante negli anni '70, il Color TV-Game è diventato il prodotto più venduto nella prima generazione di console per videogiochi, nonostante fosse disponibile solo in Giappone.

Questi trionfi, oltre al grande successo di Donkey Kong nel 1981, hanno consolidato il posto di Nintendo come leader nell'industria dei videogiochi e hanno ispirato l'azienda a creare la loro seconda console domestica: il Family Computer, comunemente chiamato Famicom. Rilasciati in Giappone nel 1983, i giochi di lancio includevano Donkey Kong, Donkey Kong Jr. e Popeye. Entro la fine del 1984, Famicom divenne la console per videogiochi più venduta in Giappone.

Portare il Famicom negli Stati Uniti si è rivelato più difficile. Il mercato americano è stato devastato dal crollo dei videogiochi del 1983. Nintendo ha preso provvedimenti per evitare gli errori delle loro controparti americane, prima introducendo la tecnologia Famicom nel paese in forma arcade, quindi riprogettando la console per i consumatori occidentali. Il risultato è stato il Nintendo Entertainment System, che ha continuato a rinvigorire la domanda americana di videogiochi diventando la console di terza generazione più venduta e uno dei sistemi più iconici nella storia dei giochi.

18 luglio 1968: Fondazione Intel

Intel non è stata la prima azienda di semiconduttori fondata da Robert Noyce e Gordon Moore. Più di un decennio prima, sono stati determinanti nella creazione di Fairchild Semiconductors. Lì, Noyce ha co-inventato il circuito integrato, che ha rivoluzionato la tecnologia informatica e ora fa parte del dispositivo virtualmente elettronico che conosciamo oggi. Durante la sua permanenza alla Fairchild, Moore ha ipotizzato che il numero di transistor in un circuito integrato raddoppi ogni due anni, una teoria che è rimasta fedele fino ad oggi ed è nota come legge di Moore.

La coppia ha lasciato Fairchild dopo un conflitto tra fazioni all'interno dell'azienda e il rallentamento dell'innovazione ha portato alla perdita di profitti, alle dimissioni dell'amministratore delegato e al consiglio di amministrazione che ha lasciato Noyce per la posizione. Hanno fondato la loro nuova azienda come “NM Electronics” ma cambiò rapidamente il nome in “Intel,” una versione ridotta di “Elettronica integrata.” Sulla scia della loro partenza, il resto dei dipendenti di Fairchild ha lasciato in massa per avviare società in proprio.

I primi tempi di Intel sono stati l'esatto opposto di aziende che hanno iniziato in officine come Apple e Amazon. Era ben finanziato e gestito da professionisti del settore stagionati e affermati. E con la dedizione di Noyce e Moore all'innovazione costante, non ci vorrà molto prima che l'azienda prenda una posizione dominante sul mercato. Due anni dopo, il primo prodotto dell'azienda, l'Intel 1103, è stato il primo circuito integrato a includere la DRAM sul mercato. L'azienda non ha mai smesso di innovare ed è il più grande produttore mondiale di semiconduttori, con i suoi chip integrati nell'83% dei computer desktop e nel 78% dei laptop a partire dal 2022.

30 luglio 1979: inizia lo sviluppo di Apple Lisa

Vladeep/Shutterstock.com

Potrebbe essere difficile immaginare un momento in cui ogni prodotto rilasciato da Apple sia stato un successo commerciale e di critica. Ma l'azienda ha una lunga e leggendaria storia nella creazione di prodotti che hanno mancato il bersaglio. Il più famoso è stato uno dei primi, l'Apple Lisa.

Steve Jobs ha intitolato il progetto a sua figlia, Lisa Brennan. Ma, poiché non ha riconosciuto la sua paternità, Apple ha sviluppato l'acronimo Locally Integrated Software Architecture per adattarsi al nome. Fu solo poco prima della sua morte che Jobs ammise al suo biografo che “Ovviamente prendeva il nome da mia figlia.”

Apple ha espulso Jobs dal team di sviluppo di Lisa nel 1980. Successivamente ha rilevato il team di progettazione Macintosh appena formato. Lavori’ gli sforzi per rendere il Macintosh una versione meno costosa e più utilizzabile del Lisa sarebbero stati uno dei motivi del suo fallimento sul mercato.

Sebbene il Lisa presentasse diverse innovazioni come l'interfaccia utente grafica, task- flusso di lavoro orientato, processore a 5 MHz e slot di espansione della RAM, è stato afflitto da problemi di software e prestazioni. Anche il taglio contro la Lisa era il suo prezzo alle stelle. Alla sua uscita nel 1983, il prezzo dell'adesivo per la macchina era di $ 10.000, circa $ 30.000 oggi.

Dopo una pessima performance di vendita al lancio, l'azienda ha cercato disperatamente di salvare i suoi 50 milioni di dollari di investimento. Ma gli sforzi per abbassare il prezzo e risolvere i problemi di prestazioni non hanno potuto aiutare il Lisa a competere con il successo di Macintosh un anno dopo. Apple ha venduto solo 10.000 Lisa prima di interrompere la produzione nel 1986. L'azienda ha deciso di seppellire il suo inventario invenduto, 2.000 Lisa, vicino a Logan, nello Utah, nel 1989.