L'India si unisce al G7, altri 4 per proteggere la libertà di parola, “online e offline”

0
48

Il primo ministro Narendra Modi, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro canadese Justin Trudeau all'incontro del G7 al castello di Schloss Elmau, in Germania, lunedì. (PTI)

L'India, insieme ai paesi del G7 e ai quattro paesi invitati, lunedì ha firmato la “Dichiarazione sulle democrazie resilienti del 2022” in cui si impegnava a “proteggere la libertà, l'indipendenza e la diversità degli attori della società civile” e a “proteggere la libertà di espressione e opinione online e offline”.

Una dichiarazione di quattro pagine, dopo che il primo ministro Narendra Modi ha partecipato al vertice del G-7 in Germania, ha affermato: “Noi, i leader di Germania, Argentina, Canada, Francia, India, Indonesia, Italia, Giappone, Senegal, Sud Africa, il Regno Unito, gli Stati Uniti d'America e l'Unione Europea, affermano il nostro impegno a rafforzare la resilienza delle nostre democrazie.”

” Salutiamo tutti i coraggiosi difensori dei sistemi democratici che si oppongono all'oppressione e alla violenza, e intensificherà la cooperazione internazionale per migliorare la resilienza delle società democratiche a livello globale”, ha affermato.

I firmatari hanno affermato che le democrazie consentono “un dibattito pubblico aperto, media indipendenti e pluralistici” e il “libero flusso di informazioni online e offline”, promuovendo legittimità, trasparenza, responsabilità e responsabilità sia per i cittadini che per i rappresentanti eletti.

Best of Express Premium

Premium

Chiave UPSC-29 giugno 2022: perché leggere 'Dumping' o 'Gulabi Meenakari' o 'H…

Premium

Newsmaker | Nella rivolta di Sena, un ‘prahar’ di Bacchu …

Premium

Akhilesh nell'occhio di Azamgarh, Rampur tempesta come leader SP, alleato flag no-show

Premium

All'estero, Jacinda Ardern è una star. A casa, sta perdendo il suo splendoreAltre storie premium >>

E che sono preparati a difendere questi principi e sono decisi a:

* Proteggere la libertà di espressione e opinione online e offline e garantire un panorama dei media libero e indipendente attraverso il nostro lavoro con iniziative internazionali pertinenti.

* Garantire un Internet aperto, libero, globale, interoperabile, affidabile e sicuro.

* Aumentare la resilienza informatica dell'infrastruttura digitale, anche migliorando e condividendo la consapevolezza delle minacce informatiche e ampliando la cooperazione di risposta informatica.

* Contrastare le minacce ibride, in particolare la manipolazione e l'interferenza delle informazioni, inclusa la disinformazione.

* Cooperare per contrastare la manipolazione delle informazioni, promuovere informazioni accurate e difendere i nostri valori democratici condivisi in tutto il mondo.

* Promuovere un accesso conveniente a diverse fonti di informazioni e dati affidabili e affidabili, online e offline, anche attraverso un multi – approccio delle parti interessate e rafforzando le competenze digitali e l'alfabetizzazione digitale.

* Migliorare la trasparenza sulle azioni delle piattaforme online per combattere i contenuti online violenti, estremisti e incitanti.

La dichiarazione affermava che le democrazie gettano e proteggono le basi per spazi civici liberi e vivaci, consentendo e incoraggiando l'impegno civico e la partecipazione politica, che a loro volta stimolano legittimità, creatività, innovazione, responsabilità sociale e responsabilità significative.

Diceva: “Ci impegniamo a:

* Proteggere la libertà, l'indipendenza e la diversità degli attori della società civile, denunciare le minacce allo spazio civico e rispettare la libertà di associazione e di riunione pacifica.

* Costruire la resilienza contro le maligne interferenze straniere e gli atti di repressione transnazionale che cercare di minare la fiducia nel governo, nella società e nei media, ridurre lo spazio civico e mettere a tacere le voci critiche.

* Programmi avanzati per la protezione dei difensori dei diritti umani e di tutti coloro che denunciano la corruzione.

Esso ha affermato che le democrazie promuovono la solidarietà e ambienti non discriminatori, diversificati, equi, accessibili e inclusivi, consentendo una rappresentanza equa e una partecipazione politica.

I paesi si sono inoltre impegnati a “proteggere la libertà di pensiero, coscienza, religione o credo e promuovere il dialogo interreligioso” e “promuovere la coesione sociale, la solidarietà e l'inclusione di tutti i membri della società online e offline, denunciando ogni forma di discriminazione e violenza” .

Abbonamento Express Non colpire il muro. Ottieni un abbonamento Express per accedere al nostro giornalismo pluripremiato. Seleziona Piano