L'India afferma di rimanere profondamente preoccupata per gli sviluppi in Cisgiordania, Gerusalemme e Gaza

0
49

L'India ha lanciato un appello alla comunità globale per stabilire la pace in Cisgiordania. (AP/File)

L'India ha espresso profonda preoccupazione per gli sviluppi in Cisgiordania, Gerusalemme e Gaza, sottolineando l'importanza della comunità internazionale e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che inviano un “segnale forte” contro ogni passo che impedirebbe la possibilità di una pace duratura tra Israele e Palestina.

Intervenendo alla riunione del Consiglio di sicurezza su “Question of Palestine”, il vice rappresentante permanente dell'India presso l'ambasciatore delle Nazioni Unite R Ravindra ha affermato che anche l'India sta seguendo con preoccupazione gli sviluppi a Masafer Yatta, osservando che sono aumentate le tensioni sul potenziale sfratto legale delle famiglie palestinesi.

“Rimaniamo profondamente preoccupati per gli sviluppi in Cisgiordania, Gerusalemme e Gaza. Attacchi violenti e uccisioni di civili hanno causato la morte di molti palestinesi e israeliani,” ha detto lunedì.

Spiegazione |Come un voto è diventato una grave battuta d'arresto per il governo israeliano

“Continuano anche atti di distruzione e provocazione. Abbiamo costantemente difeso tutti gli atti di violenza e ribadiamo il nostro appello per la completa cessazione della violenza”, ha affermato.

Best of Express Premium

Premium

UPSC Key-29 giugno 2022: perché leggere 'Dumping' o 'Gulabi Meenakari' o 'H…

Premium

Il significato della visita del Primo Ministro Modi negli Emirati Arabi Uniti< figure>Premium

Collaboratore | Nella rivolta di Sena, un ‘prahar’ di Bacco …Premium

Akhilesh nell'occhio di Azamgarh, Rampur tempesta come leader SP, bandiera alleata no-showAltre storie premium >>

Tutte le misure unilaterali che alterano indebitamente lo status quo sul campo e compromettono la fattibilità della soluzione dei due Stati devono essere evitate, ha affermato.

“È estremamente importante che la comunità internazionale e questo Consiglio inviino un segnale forte contro qualsiasi passo che prevenga la possibilità di una pace duratura tra Israele e Palestina”, ha affermato.

Ravindra ha affermato che l'India ha costantemente chiesto negoziati di pace diretti tra le parti, che New Delhi ritiene essere la strada migliore per raggiungere l'obiettivo di una soluzione a due stati.

“Questi negoziati devono basarsi sul quadro concordato a livello internazionale, tenendo conto delle legittime aspirazioni del popolo palestinese alla statualità e delle legittime preoccupazioni di Israele in materia di sicurezza. L'assenza di questi colloqui diretti su questioni politiche chiave ha costi asimmetrici per israeliani e palestinesi e non è di buon auspicio per una pace a lungo termine nella regione,” ha detto.

Ha aggiunto che l'India ha sempre sostenuto una soluzione negoziata a due stati che porti alla creazione di uno Stato di Palestina sovrano, indipendente e vitale che viva entro confini sicuri e riconosciuti, fianco a fianco in pace con Israele.

Spiegazione |Chi è Mohammed El-Kurd, disinvitato dal Goethe-Institut per i commenti “inaccettabili” su Israele?

Ha sottolineato che l'India continuerà a sostenere tutti gli sforzi volti a raggiungere una soluzione globale e duratura a due stati del conflitto israelo-palestinese ed è pronta a contribuire in modo costruttivo a tali sforzi.

Anche Nuova Delhi ha espresso la propria voce apprezzamento per l'iniziativa israeliana di aumentare il numero di permessi di lavoro per i palestinesi nella Striscia di Gaza per lavorare in Israele.

“È necessario considerare di più per alleviare la situazione umanitaria. La necessità del momento è il dialogo tra le parti interessate”, ha affermato.

L'India ha anche espresso preoccupazione per la continua precaria situazione finanziaria dell'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione per i rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA ), affermando che la mancanza di finanziamenti all'Agenzia può influire negativamente sulla fornitura di servizi umanitari alla comunità di profughi palestinesi in Palestina e altrove.

Nella riunione del Comitato ad hoc dell'Assemblea Generale per l'annuncio di il contributo volontario all'UNRWA, l'India ha ribadito il suo impegno a sostenere l'Agenzia attraverso i suoi contributi finanziari annuali. L'India ha già contribuito con 20 milioni di dollari negli ultimi quattro anni e ha anche impegnato cinque milioni di dollari per il budget del programma dell'UNRWA per l'anno 2022.

Abbonamento Express Non sbattere contro il muro . Ottieni un abbonamento Express per accedere al nostro giornalismo pluripremiato. Seleziona Piano