I parlamentari tedeschi nati in Africa portano nuove prospettive alla politica

0
55

Awet Tesfaiesus si è trasferito in Germania come rifugiato e ora è un legislatore. (DW)

Scritto da Bettina Marx e Daniel Pelz 

Armand Zorn era sorprendentemente rilassato quando ha pronunciato il suo discorso di debutto al Bundestag. L'argomento, la politica fiscale, è la sua area di competenza.

“Ero un po' eccitato, devo ammetterlo,” ha detto il consulente di gestione 33enne eletto in parlamento lo scorso settembre. “Ma mi piace. Se sei nervoso, ti rendi conto di quanto sia importante il problema,” ha detto a DW nel suo ufficio del Bundestag il giorno successivo.

Se era nervoso, nessuno se ne accorgeva. Sembrava sicuro di sé, ben informato e concreto, e riuscì persino a fare qualche tentativo con il populista di estrema destra AfD.

Il meglio di Express Premium

Premium

UPSC Key-29 giugno 2022: perché leggere 'Dumping' o 'Gulabi Meenakari' o 'H…

Premium

Il significato della visita del Primo Ministro Modi negli Emirati Arabi Uniti< figure>Premium

Collaboratore | Nella rivolta di Sena, un ‘prahar’ di Bacchu …

Premium

Akhilesh nell'occhio di Azamgarh, Rampur tempesta come leader SP, bandiera alleata no-showAltre storie premium >>

Armand Zorn ha una biografia insolita. Nato in Camerun, aveva 12 anni quando si trasferì a Halle, la città più grande dello stato tedesco della Sassonia-Anhalt, per vivere con sua madre e il suo nuovo compagno. Da lì è andato a Parigi, Costanza, Bologna, Hong Kong e Oxford.

Leggi anche |Spiegazione: cosa c'è in serbo per la politica tedesca nel 2022?

Armand Zorn: Lotta per la giustizia sociale

Zorn vive a Francoforte dal 2015 ed è politicamente attivo dal 2009. Si è unito al Partito socialdemocratico tedesco (SPD) nel 2011. Cancelliere Olaf Scholzè anche membro dell'SPD, il partito che ha ottenuto il maggior numero di seggi alle elezioni dello scorso anno.

Zorn, che è arrivato al Bundestag come candidato diretto, ha affermato di ho sempre voluto lottare per una maggiore giustizia sociale.

“Ho avuto molte esperienze in cui ho incontrato giovani che erano molto laboriosi, competenti, ma non hanno mai ottenuto il successo che meritavano,” disse.

Zorn è membro della potente Commissione Finanze del Bundestag e della Commissione per gli Affari Digitali. È qui che vede i suoi punti di forza e le sue competenze.

Rimane anche legato all'Africa. “Nella finanza, ad esempio, molti problemi sono legati alla stabilità finanziaria globale,” Zorn ha detto, indicando i rapporti di indebitamento dei paesi africani. “Si tratta di fornire fondi anche per migliorare le prospettive di alcuni paesi africani e consentire lo sviluppo,” ha aggiunto.

Awet Tesfaiesus: difendere i richiedenti asilo

Awet Tesfaiesus è anche membro del Bundestag dalle ultime elezioni. Si sta ancora abituando. “È un mondo molto diverso. Le persone cercano di parlare e sono aperte,” Tesfaiesus ha detto a DW in un'intervista su Skype.

“Puoi invitare persone per discussioni. Sei in cima alla gerarchia,” ha detto, sottolineando quanto sia diversa dall'esperienza di una donna di colore “che viene fissata in farmacia per vedere se sta rubando qualcosa.”

Leggi anche |I legislatori tedeschi votano per porre fine al divieto di “pubblicità” degli aborti

Tuttavia, ha affermato di sperimentare ancora il razzismo quotidiano. “Quando vado a fare la spesa, ricevo ancora i soliti sguardi dal personale di sicurezza.”

Il razzismo ha oscurato a lungo la sua vita. Tesfaiesus è nato nel 1974 nella capitale dell'Eritrea, Asmara. A quel tempo, l'Eritrea non si era separata dall'Etiopia. Lei e la sua famiglia sono fuggiti dalla guerra d'indipendenza eritrea in Germania quando Tesfaiesus aveva 10 anni.

La loro nuova casa era un rifugio per profughi, dove vivevano molte famiglie dell'Eritrea.

“Per i miei genitori è stata dura,” Tesfaiesus ha ricordato. “Vivevamo in uno spazio angusto con molti bambini eritrei. Eravamo in sei in una stanza con tutta la famiglia. Ma quando sei un bambino, lo ignori. Sei felice che ci siano così tante persone fantastiche.”

L'esperienza l'ha ispirata a studiare legge e in seguito ha aperto uno studio legale specializzato in diritto d'asilo.

< p>Vuole aiutare gli altri che vengono in Germania come rifugiati, ma è frustrata dal fatto che pochi rifugiati ottengono lo status di residenza in Germania.

Le regole di Dublino dell'UE sono chiare: i rifugiati devono richiedere asilo nel primo paese dell'UE entrano. Nel caso dei suoi clienti, di solito è l'Italia o la Spagna.

“In Italia molte persone vivono per strada, sono state ritenute ammissibili all'asilo, ma possono’ t richiedere prestazioni sociali o seguire corsi di lingua,” ha spiegato Tesfaiesus.

“È stato frustrante andare contro quel sistema, ma sentivo il bisogno di fare un cambiamento politico.”

Tesfaiesus è membro del Partito dei Verdi dal 2009 ed era consigliere comunale nella sua città natale di Kassel per 5 anni.

È diventata membro del Bundestag nell'ottobre dello scorso anno ed è già rappresentante del suo partito nella commissione per gli affari culturali. E anche qui si è posta un obiettivo ambizioso: i tesori culturali depredati dovrebbero essere restituiti ai paesi di origine.

“Quando cammino nei musei tedeschi e vedo l'arte e il patrimonio culturale della mia regione, mi fa male il cuore. Queste cose sono in mostra, ma non significano nulla per le persone che le vedono,” lei disse. “Mentre significano molto per le persone nei loro paesi di origine. Sono stati derubati della loro identità.”

Karamba Diaby: il veterano politico antirazzista

Oltre ai due nuovi arrivati, Karamba Diaby è una vecchia mano nel Bundestag.

Nel 2013, quando è entrato per la prima volta nel Bundestag, anche il New York Times ha riportato il suo successo. Diaby è stato il primo membro del parlamento tedesco con radici africane.

“Molte persone pensavano che fossi un esperto di Africa o di razzismo nella vita di tutti i giorni e ignoravano il fatto che la mia area fosse l'istruzione e la ricerca ,” Ha ricordato Diaby.

Oggi è riconosciuto nel Bundestag e dai suoi elettori. Nel 2021 lo hanno eletto direttamente per la prima volta.

Diaby è arrivato nell'ex Germania dell'Est (RDT) negli anni '80 dal suo nativo Senegal con una borsa di studio. Ha studiato chimica a Halle e alla fine ha conseguito il dottorato in contaminazione da metalli pesanti.

Ha chiamato Halle per molto tempo; qualcosa che molti estremisti di destra rifiutano di accettare. Gli attacchi razzisti ai social media fanno parte della sua vita quotidiana.

Leggi anche |Spiegazione: perché una mostra tedesca di fama mondiale ha rimosso un'opera d'arte indonesiana?

Per qualcuno che deve sopportare così tanto odio e molestie, Diaby è straordinariamente calmo. Gli piace differenziare, evitare giudizi radicali e retorica incendiaria.

“Le minacce di morte e così via mi hanno ferito. Ma ho anche sempre mostrato supporto e solidarietà quando veniva pubblicato qualcosa di non qualificato, offensivo o umiliante,” ha detto a DW.

“Mi sono state inviate lettere da persone che esprimevano solidarietà e da classi scolastiche che hanno raccolto firme.”

Dopo quasi 9 anni al Bundestag, Diaby siede attualmente nella commissione per gli affari esteri e nella commissione per lo sviluppo. Il parlamento tedesco di oggi è molto diverso da quello del 2013: è molto più vario.

Tuttavia, Diaby continua a lottare per una maggiore diversità e inclusione.

& #8220;Più è vario il parlamento, più differenziate sono le prospettive,” disse.

Abbonamento Express Non colpire il muro. Ottieni un abbonamento Express per accedere al nostro giornalismo pluripremiato. Seleziona Piano