Viswanathan Anand a Idea Exchange: “Non siamo più giocatori di scacchi della mitologia; qualcuno occhialuto che è un po' vecchio'

0
70

La leggenda degli scacchi Viswanathan Anand. Illustrazione: Shyam Kumar Prasad

‘Non siamo più giocatori di scacchi della mitologia; qualcuno occhialuto che è un po' vecchio. Ora gli scacchi sono visti come uno sport abbastanza giovane’: Viswanathan Anand

La leggenda degli scacchi Viswanathan Anand sul fatto di tenerlo insieme come giocatore di scacchi nonostante volesse lanciare chiavi e penne in giro dopo una brutta giornata di gioco, gli scacchi che si scrollavano di spalle dalla presa della Guerra Fredda e come ha risposto tranquillamente ad Anatoly Karpov’ s ironia casuale dell'indiano troppo gentile per vincere — vincendo. Molto. Questa sessione è stata moderata dall'editore senior NIHAL KOSHIE

Perché Viswanathan Anand: il grande scacchista indiano sta giocando a tornei a 52 anni e si diverte ancora. Anand si contenderà anche la carica di vicepresidente della FIDE e farà anche da mentore alla squadra indiana alle imminenti Olimpiadi di scacchi, un'estensione di ciò che fa nella sua accademia.

Nihal Koshie: Inizierò semplicemente dicendo a tutti quanto hai nel piatto ora. Stai facendo da mentore alla squadra indiana per le Olimpiadi di scacchi, inoltre stai anche gareggiando per la carica di vicepresidente della FIDE, Anand ha la Westbridge Anand Academy dove fa da mentore ai giovani, è stato di recente a Delhi per la staffetta della torcia delle Olimpiadi di scacchi e prima che ha suonato parecchio in Polonia e Norvegia. Le tue 24 ore devono essere piene ora di tutto ciò che sta accadendo?

Il meglio di Express Premium

Premium

UPSC Key-28 giugno 2022: Perché leggere 'Hurting religiosi Sentiments' o 'In…

Premium

NCP ha tenuto la mano di Uddhav, ha smesso di rassegnarsi, gli ha dato false speranze?

Premium

Come sono stati vinti Rampur, Azamgarh: dietro BJP che ha ridotto i voti SP

Premium

Razionalizzazione, le riforme potrebbero mettere alla prova le relazioni centro-stato al GST meetAltre storie premium >>

Sì. È più sfalsato di quanto suggerisci, ma sì, molte cose. Il fatto è che blocco tutto il resto dai miei scacchi, quindi quando sono andato a Varsavia e in Norvegia, ho parcheggiato tutto il resto. L'accademia di Westbridge può funzionare, devo solo monitorare cosa sta succedendo. E ovviamente giocherò altri tornei. Andrà a giocare in Spagna e Germania. E dopo, verrò e mi unirò alla squadra. Ma ho avuto la possibilità di interagire con il team a Delhi, perché la maggior parte di loro era lì. Quindi, è un po' complicato, ma sì, al momento sto giocando molto in particolare.

Leggi anche |Il leggendario Viswanathan Anand fa da mentore ai giocatori di scacchi indiani prima dei Giochi asiatici

Nihal Koshie: Hai giocato uno dopo l'altro in Polonia, dove hai vinto l'evento rapido e in Norvegia, dove nel formato classico eri terzo. Dovrai anche giocare a Lione e Dortmund. Quindi Vishy Anand, a 52 anni, ha intenzione di suonare regolarmente e fare un ritorno a tutti gli effetti? Quali sono i vantaggi di questi due tornei?

Beh, giocherò il più spesso possibile, ma selezionerò i tornei. Voglio dire, non giocherò tornei che richiedono un grande impegno, come il ciclo del Campionato del Mondo e così via, quindi è finito. Ma gli eventi che posso in qualche modo rientrare nel mio programma e che trovo interessanti… Voglio dire, continuerò a giocare a scacchi. Saranno meno scacchi di quelli a cui giocavo, ma comunque mi diverto molto.

Nihal Koshie: In Norvegia, hai avuto vittorie su Magnus Carlsen ed è stato anche un po' un miscuglio perché probabilmente nel nono round contro (Shakhriyar) Mamedyarov, hai commesso un errore e stavamo guardando quei video in cui c'era tante emozioni da parte tua. Quando è tornato al consiglio e tu ti sei dimesso. Ci puoi parlare di aver battuto Carlsen, e anche del nono turno contro Mamedyarov, quando hai dovuto rassegnare le dimissioni, perché era abbastanza animato da quello che abbiamo visto?

Sì, ok. Quindi, contro Carlsen avevo una posizione vincente nella Classica, che sarebbe valsa molto di più. Avrei ottenuto tutti e tre i punti, sarebbe stato un vantaggio di tre punti nel torneo, e quella è stata un'enorme opportunità persa. Dopo un errore così deludente, l'unica cosa di cui sono felice è che sono stato ancora in grado di giocare ad Armageddon ad alto livello e vincerlo. Ma quel giorno fu un'occasione viziata. In effetti, c'erano due occasioni viziate: quella e la partita di Mamedyarov. (Contro) Mamedyarov, ho semplicemente perso un certo thread e, dopo averlo fatto, l'ho visto. Ed ero così disgustato di me stesso che ho deciso di non aspettare che ce la facesse, ma solo di dimettermi. E la cosa peggiore è quando è venuto e si è seduto, all'inizio sembrava molto confuso, come hai visto nel video. A quel punto mi sono sentito davvero stupido, perché ho capito di essermi dimesso prematuramente, e avrei potuto almeno avere il senso di andare nell'altra stanza e aspettare che lui vedesse. È molto probabile che l'avrebbe trovato comunque se ci avesse pensato per qualche minuto, ma la gente sbaglia. Forse avrebbe giocato all'istante e io l'avrei cavata. Quindi era più fastidioso, ma niente da fare. Ne ero così scosso che mi sono dimesso ed è stato piuttosto emozionante.

Nihal Koshie: come hai dormito quella sera perché in passato, di cui hai parlato dopo una brutta partita, trovi è difficile dormire. Allora com'è andata quella serata?

Fu sgradevole, e quella notte fu sgradevole, e il giorno successivo fu sgradevole. Ma poi quando ho iniziato a giocare contro Aryan (Tari), me ne sono dimenticato.

Nihal Koshie: sei una persona che è stata calma e raccolta in pubblico mentre giocava. Ma sicuramente ci sono stati giochi e momenti nella vita in cui probabilmente sei stato frustrato e hai voluto sfogarti. Quindi, come si sfoga Vishy Anand? Non ne abbiamo visto molto. E hai una connessione con i tennisti che lanciano le loro racchette e dicono un Virat Kohli, che è così aggressivo sul campo.

Ho voglia di fare quelle cose, è solo che mi trattengo. Ed ero piuttosto arrabbiato e sapevo che avrei dormito male, sapevo che il giorno dopo sarei stato irritabile, avrei cambiato direzione qua e là. Ma sai che hai ancora una partita, e se perdi anche quella, ti sentirai ancora peggio. Sono riuscito a giocare abbastanza bene lì ed è stato d'aiuto il fatto che fosse l'ultimo round e a volte finire un torneo porta una sorta di chiusura. Quindi, ci sono sicuramente volte in cui rompo mentalmente una racchetta ma non l'ho ancora fatto fisicamente.

Nihal Koshie: Hai mai lanciato delle cose?

Nella mia stanza, certo. Ma niente che si rompa davvero e così via, non intendo niente di eccitante. Posso lanciare una penna sul letto o lanciare una chiave dall'altra parte della stanza. E al giorno d'oggi non ti danno nemmeno quelle chiavi, ti danno queste chiavi magnetiche. Cosa puoi fare con una chiave magnetica? È come dice la battuta: ai vecchi tempi potevi sbattere un telefono sul ricevitore, ma ora cosa puoi fare con un cellulare? Basta premere il tastierino!

Leggi anche |Scacchi norvegesi: Viswanathan Anand batte Aryan Tari nel round finale; si accontenta del terzo posto

Mihir Vasavda: Vediamo tutti i giocatori seduti in modo calmo, composto e tranquillo, ma abbiamo visto la reazione di Carlsen quando Nepo (Ian Nepomniachtchi) ha commesso un errore nella partita del Campionato del Mondo 2021 e il famoso errore di Garry Kasparov contro di te nel 1996. Come un giocatore, come reagisci a questo e hai un tracollo preferito di un giocatore di scacchi durante una partita a causa di un errore o per qualsiasi altro motivo?

Ci sono momenti nei giochi in cui faccio un errore e apro gli occhi. Scuoto la testa e sono furioso con me stesso. Questo è quanto ti permetti. Ho visto alcune espressioni spettacolari di Kasparov, per esempio. Notoriamente, la partita del Rapid che ho giocato contro di lui nel 1996, il fatto che lo abbiamo ancora in video è molto bello. Carlsen a volte cade e guarda in alto, ci sono persone che sembrano disgustate da se stesse, scuotono la testa, puoi vedere che si stanno maledicendo. Si agitano, fanno tutte queste cose, ma finora non è mai diventato violento.

Sandip G: Quali sono le sfide di giocare a scacchi a 52 anni. Voglio dire, ci sono dei cambiamenti che tu valutare e quali sono gli apprendimenti che ottieni a questa età?

Come in molte cose nella vita, quando qualcosa accade gradualmente, anche tu ti adatti gradualmente. Non è come il secondo in cui sono passato dai 49 ai 50 anni, qualcosa è cambiato. Era successo nel tempo. Quindi ti ci abitui, ma negli anni ho notato che certi tipi di errori si ripetono più spesso, il tuo calcolo non è così preciso. Ma noti anche che nel tempo hai iniziato a fare aggiustamenti per questo, ti sei ridotto di più, hai sovracompensato in altre aree che puoi. Quindi ci adattiamo, ci evolviamo. Questa è la parola giusta, ci evolviamo. Inoltre, noto che se continui a lavorare sugli scacchi, continui ad imparare cose nuove, in modo da compensare molte altre cose. Quindi, se sei in grado di lavorare su nuove aree, il cervello rimane fresco e funziona ancora.

Sandip G: Ti senti più emotivo con l'esperienza? Come funziona per te?

Non credo di essere diventato più emotivo con l'età. L'unica cosa che posso dire è che continuo a tenerlo dentro. Sono sempre stato irritato, anche quando avevo 22-23 anni, ridicolo quando sbagliavo qualcosa e così via. Oggi mi limito a scuotere la testa, a fare quei piccoli gesti che sono consentiti. Ti stai maledicendo dentro e cose del genere. Sai che il sonno della notte se ne andrà; passerai una notte abbastanza insonne. Parlo spesso di come affronti queste cose, ma quello che voglio dire è che, affrontando queste cose, potrei guadagnare 10 o 20 minuti di sonno con un certo sforzo. Tuttavia, la maggior parte delle notti sarà insonne. Conosci una certa quantità di dolore che dovrai affrontare. Ma il fatto è che, una volta che giochi a un altro gioco, il precedente va molto veloce. Quindi sei anche esperto. Ed è vero che se è successo qualcosa molte, molte volte nella tua vita, smetti di reagire in modo esagerato.

Sandip G: Vishy, ​​farai da mentore alla squadra indiana alle Olimpiadi di scacchi e sarai anche un mentore alla Westbridge Anand Chess Academy, con Praggnanandhaa, Gukesh e Vaishali, tutti loro hanno iniziato a giocare nell'era post-computer con potenti motori. Ma quando hai iniziato, era diverso. Allora come lo vedi? Quanto sono veloci questi ragazzi e quali sono i principali cambiamenti?

Direi che è abbastanza simile come lavoro e come funzionano. L'unica cosa è che non hanno dovuto disimparare nessuna abitudine e mi sono dovuto adattare. Tutti della generazione precedente (dovevano farlo). Ma puoi anche dire questo che le persone che hanno lavorato con i computer cinque anni fa sono ancora costrette a cambiare i loro metodi di lavoro con i moderni (metodi). Perché questo cambia sempre. L'unica cosa è che le nuove generazioni lo assorbono molto più facilmente, perché non c'è niente che devono imparare di nuovo o disimparare. Sembra loro più naturale. E inoltre, quando una nuova idea contraddice molta conoscenza e teoria degli scacchi, ci vuole un po' per accettarla. Penso che sia più facile per loro accettare queste cose, perché non sono così intrise di vecchie conoscenze.

Leggi anche |Gli scacchi mi hanno aiutato a diventare quello che sono, è ora che io restituisca: Viswanathan Anand

< forte>Sandip G: Un'altra domanda relativa al computer, annoti ancora tutti i giochi, come ti diceva tua madre? Questa abitudine sta morendo, a causa dei dati disponibili online, a portata di mano?

No, penso che le tue intuizioni personali siano molto preziose e lo faccio ancora. Potrei non fare l'intero gioco, ma almeno nei momenti chiave scrivo cosa ho pensato, in cosa ho fallito e da lì vado.

Sandip G: E tieni ancora quei taccuini?

Ora lo tengo sul mio computer ma sì, c'è.

Sandeep Dwivedi: Stavi parlando del sonno. I traumi che abbiamo le persone normali sono come se avessimo paura della matematica. Di notte avremo incubi sulla partecipazione a un compito di matematica e il foglio è bianco e non conosciamo nessuna di queste domande… Hai così tante partite in mente, scacchi, tutto il tempo che ci hai pensato, che tipo di incubi hai o non hai questo tipo di problemi?

Impari a evitare ricordi dolorosi. Li metti via. Dopo un po' scopri che il tuo cervello sta cercando di dimenticarli. I più dolorosi, quando li guardo di nuovo, fa altrettanto male, anche dopo tanti anni. Ma vai avanti. In qualche modo il modo migliore per curare un brutto gioco è giocarne uno buono. E una volta che ne interpreti uno buono, ti permette di stabilizzarti emotivamente e andare avanti. Come hai menzionato la matematica come materia, se sviluppi una paura, senti qualcosa “Non sono bravo in questo”, poi diventa molto più radicato e non scompare mai.

Sandeep Dwivedi: Vishy, ​​cerco di riportarti ai tuoi primi giorni, ai primissimi giorni, hai circa 10 anni, tuo padre è stato inviato nelle Filippine, è così che è iniziato e dicono che il programma a quiz in televisione è stato un fattore importante in come hai imparato il gioco… Tuo figlio ha più o meno la stessa età in questo momento, l'intera preparazione del bambino che inizia a giocare a scacchi, quanto è diverso e tu hai avuto un inizio molto rudimentale a 10 anni e hai fatto abbastanza bene come giocatore di scacchi; come pensi che l'intero rigore sia cambiato ora?

Ebbene, alla fine, in uno sport l'unica cosa che conta è la tua competitività nei confronti dei tuoi rivali. Penso che, a conti fatti, oggi i metodi di allenamento siano molto più avanzati. Pertanto, producono un output migliore. Ma a che serve… Con il mio metodo di allenamento, a quei tempi era competitivo. E quei metodi di allenamento erano più o meno gli stessi per tutti. Sono stati abbastanza bravi da aiutare a iniziare lo spettacolo. Ora, con la generazione moderna, hanno metodi di allenamento molto migliori, ma lo fanno anche tutti gli altri. Quindi non dà loro un grande vantaggio. Non c'è più nessuno per allenarsi alla vecchia maniera. In effetti, è abbastanza importante che imparino questi nuovi metodi. Puoi usare i vecchi metodi che funzionano ancora bene, ma in generale devi adattare il tuo modo di pensare.

Sandip G: Vishy, ​​come scegli il linguaggio del corpo di un avversario? Quali sono gli indizi che cerchi?

Penso che sia come gli scacchi. Non lo fai con il tuo cervello cosciente. Se il tuo avversario si agita, se si sta mangiando le unghie, se si muove a disagio, o se è una persona nervosa ma improvvisamente è seduto molto calmo, tutte queste cose… Sai che vedi un'interruzione nel modello e pensi, forse sta succedendo qualcosa. Questa è l'unica parte cosciente che hai. Qualcosa è diverso in lui. Ma queste non sono le cose che fai con il tuo cervello cosciente. Non è come pensi, ora fammi guardare quell'unghia e vedere cosa succede… Voglio dire, il tuo avversario dovrebbe fare qualcosa che si distingue e poi te ne accorgerai. È un po' come gli scacchi. In realtà anche se a casa ci si allena molto su come pensare, alla lavagna viene automaticamente e cosa non viene automaticamente, solo che puoi provare a forzare. E inoltre, non puoi farlo troppo spesso. Molte delle mosse devono venire naturalmente. Ogni tanto in una partita puoi fermarti e dirti 'aspetta un minuto, lasciami fermare e applicare un metodo che va contro il mio flusso naturale, ma sto cercando di ottenere qualcosa perché ho visto in quella partita dove mi sono perso una possibilità'. Ma non ti fermi in quella zona.

Leggi anche |Viswanathan Anand batte Magnus Carlsen nell'evento blitz di Norway Chess, finisce quarto

Nihal Koshie: Inizialmente, durante la conferenza stampa delle Olimpiadi di scacchi a Delhi, ti sei candidato per un ruolo amministrativo presso la FIDE. Penso che ci fossero suggerimenti sul fatto che sarebbe stato più un ruolo consultivo, ma il vicepresidente suona più come un ruolo a tutti gli effetti. Cosa ti ha fatto cambiare idea, se hai cambiato idea? Cosa ti ha fatto entrare nell'amministrazione?

Niente è cambiato. Ho descritto la situazione in un certo modo e l'intervista ridotta finale pubblicata varia da giornalista a giornalista. Ho cercato di dire che ci sono aree in cui c'è una curva di apprendimento, ma ho visto che potevo naturalmente fare cose come la comunicazione perché naturalmente l'avevo già fatto come giocatore. Potrebbero esserci state cose perse nella traduzione o abbellite. Nulla era sostanzialmente cambiato.

Direi che ci sono aree che mi verranno facilmente e aree che mi saranno difficili. Ma siamo una squadra e passeremo le cose in giro. Speri di essere parte del processo decisionale e trasmettere le tue idee e cercare di concentrarti sulle aree che speri di avere un impatto. La volta successiva che l'ho descritto, l'ho descritto come come provocare i giovani e rendere il gioco più grande in India, due aree chiave della FIDE. Spingerò per queste aree, ma in generale faremo un po' di tutto. Mi vedo come qualcuno che contribuirà alla squadra. In una squadra ci sono persone che hanno competenze diverse e sarà bello ascoltarle. Sono sicuro che ci sono attività quotidiane della FIDE di cui non sono a conoscenza o a cui non ho pensato molto.

Nihal Koshie: Quindi, in un certo senso , credi che uno sportivo possa essere un buon amministratore?

Sì, certamente. Penso che molti sportivi si siano dedicati allo sport di corsa. Il presupposto che gli sportivi non possano essere bravi a gestire lo sport eo le uniche persone che possono eseguire uno sport sono gli sportivi – questi due presupposti sono errati. È bello avere gli sportivi e le loro opinioni, ma non dovrebbero assolutamente essere le uniche persone che dovrebbero essere ascoltate. Dovresti ascoltare le altre persone, anche se sembra violare il tuo dogma o cose in cui credi profondamente a causa della sua prospettiva da estranei. Se stai parlando con un fan o un estraneo con una prospettiva remota al gioco, devi capire cosa li attrae verso il gioco. Quindi, è bello avere una prospettiva.

Sarà una curva di apprendimento nei primi mesi. Ho un po' di esperienza con l'Olympic Gold Quest. L'ho trovato facile perché tutto viene passato intorno a una squadra e discusso e, si spera, possiamo fare lo stesso alla FIDE. Spero di poter vincere ad agosto e poi aggiornarti in un'altra intervista.

Nihal Koshie: L'attuale presidente Arkady è l'ex vice primo ministro russo e ha stretti legami con il Cremlino. Ha parlato contro la guerra. Inoltre, l'Ucraina è una forte nazione che gioca a scacchi e sono sicuro che hai amici laggiù nella contea. Quando hai deciso di unirti alla squadra di Arkady, considerando la situazione geopolitica, ci sono state reazioni da parte dei tuoi amici in Ucraina o in altre parti del mondo? Hai ricevuto un feedback negativo o ci hai pensato due volte alla tua decisione?

Niente affatto, non dagli ucraini. La vedo in questo modo: Arkady e il suo team hanno fatto un ottimo lavoro negli ultimi quattro anni. Hanno deciso di raggiungere determinate cose. Uno dei loro obiettivi nel 2018 era espandere la base perché come sport non possiamo dipendere da un solo paese. Dobbiamo espandere gli sponsor con cui lavoriamo. In queste due aree si sono comportati molto bene.
I contributi della Russia alle casse della FIDE sono diminuiti rispetto ad altri paesi. Hanno anche cavalcato bene l'onda della pandemia e The Queen's Gambit. Penso che abbiano fatto un buon lavoro, ma avrebbero potuto fare di più.

La seconda cosa è che sì, conosciamo il passato di Arkady, ma da febbraio ha dimostrato attraverso le sue azioni di essere in grado di agire come presidente della FIDE e rappresentare giocatori di tutto il mondo. È in grado di separarlo dai suoi sentimenti interiori. È russo, quindi ha dei sentimenti, ma ha menzionato più volte che provava per gli ucraini e per quello che stavano passando. Si è schierato contro la guerra. Sento che ha dimostrato di essere sufficientemente indipendente dalla Russia. Ma vive lì con la sua famiglia, il che significa che continuerà ad andare avanti e indietro. Ma credo che abbia dimostrato la sua indipendenza e che sia in grado di ricoprire il ruolo di presidente della FIDE e non ho avuto esperienze negative con giocatori ucraini. Ne ho incontrati parecchi e si sono comportati normalmente. Capiscono che questo non era qualcosa di cui nessuno di noi era responsabile e stanno cercando di farcela nel miglior modo possibile.

Tushar Bhaduri: Quale sarebbe il tipo di cambiamento su cui vorresti lavorare in FIDE se vincessi le tue elezioni? Potresti elencare alcune delle tue priorità principali se verrai eletto? C'è stata una campagna dietro le quinte? Se sì, quanto è stato frenetico?

Ci sono regole specifiche per quando sei autorizzato a fare una campagna o come ti è permesso fare una campagna. Non ho ancora fatto nulla in particolare come parte del team della campagna. Sono andato a Delhi come giocatore di scacchi indiano che era stato invitato dal governo ad alzare il testimone. Ora c'era anche la FIDE, ma non stavamo facendo alcuna campagna in alcun modo. Lo stesso quando ho giocato a Varsavia e in Norvegia, ho giocato a titolo personale. Si sapeva già che mi ero impegnato in questi tornei e li avevo realizzati. Ho menzionato le aree in cui il team ha già lavorato. Quindi vorrei espandere la nostra impronta geografica e continuerei a lavorare per coinvolgere più giovani nel gioco, questo è fondamentale per la crescita a lungo termine del gioco. Dobbiamo continuare a promuovere gli scacchi in India perché è un mercato importante e un paese importante. Molte persone qui giocano al gioco, ma può espandersi molto di più. Queste sono le aree su cui mi concentrerò, ma penso che la FIDE sia già nella giusta direzione in questo settore, motivo per cui sarà facile per me inserirmi.

Leggi anche |Norvegia Scacchi: Anand ne sostiene un altro conquistare il campione del mondo Carlsen; guida la classifica

Sriram Veera: Nel 1998, il gioco di Anatoly Karpov. Eri venuto da Groningen, Paesi Bassi, non avevi prenotazioni di voli o hotel, ma in qualche modo sei riuscito ad atterrare e hai giocato a questa partita pazza e hai perso nel tie-break. Eri seduto con tua moglie e poi ha fatto un commento che “Vishy è un bravo ragazzo ma non ha il carattere per vincere”. Questo ti ha colpito duramente in quel momento e poi è successo il 2000 e hai vinto a New Delhi. Sentendo ciò, non riesco nemmeno a immaginare che Karpov faccia un'osservazione casuale del genere. In che modo ti ha motivato quell'incidente?

Penso come qualcuno che esce da una certa innocenza. Quello è stato uno dei momenti in cui ho capito che nessuno deve essere gentile con te. Nessuno ti deve alcun favore, e soprattutto quando un titolo o qualcosa di grosso è in gioco, devi sviluppare una pelle spessa se vuoi essere là fuori. È per questo che un paio d'anni dopo ho continuato in quella vena anche quando la riunificazione di Praga non stava andando per il verso giusto. Era chiaro che non avrei trovato un posto. Ho pensato, il mio atteggiamento era buono, me ne andrò. Non che mi siedo qui a chiedere l'elemosina. Me ne andrò e con i miei risultati farò il mio punto. Che è un atteggiamento molto costruttivo, perché molte persone si concentrano sul fare quello che sai fare meglio, e sicuramente mi ha aiutato nelle mie partite successive con (Vladimir) Kramnik, (Veselin) Topalov. Il modo in cui affronti i negoziati. Non ti avvicini alle negoziazioni come due persone che cercano di essere giuste. Ancora una volta, siamo chiari. Potrei avere la sensazione di essere stato giusto e corretto con le altre persone, ma forse non sono d'accordo. O forse lo percepiscono diversamente. Inoltre, quando interpreti qualcuno, inizi a vedere fantasmi ovunque. Quindi solo un avvertimento.

Ma l'idea che il titolo più alto sia qualcosa per cui combatti e non tutto può essere confinato alla scacchiera. L'ho visto. Ora, ad essere onesti, anche quando leggo questo, non muove più l'ago all'interno. Anche se leggo la stessa cosa, è come guardare due veterani di guerra quando hanno 80 anni. Non possono arrabbiarsi. Una volta avrebbero potuto dire che ucciderò l'altro ragazzo, ma semplicemente non puoi essere disturbato ed è la stessa cosa. Così tante cose del passato che non penso alle cose con Karpov. Anche se quelle impressioni rimangono. È solo che il fuoco è sparito. Non posso essere così entusiasta.

Quello era un periodo lì. E dopo quella partita ricordo molto presto che mi fu offerta la possibilità di giocare a Kramnik, per il diritto di giocare a Kasparov, ma stava succedendo troppo presto. Ho appena finito quella gita a gennaio. Avrei giocato due tornei a febbraio e marzo. Avevo giocato a wijk aan zee, avrei giocato a Linares, poi avrei giocato a Monaco, poi ad aprile a un certo punto avrei giocato una partita con Kramnik per qualificarmi per giocare a Kasparov. Ho pensato che ora fosse il momento per me di dire No e mettermi al primo posto. Quindi puoi vedere all'improvviso che ho l'impressione che va bene essere gentile con le persone, ma a volte devi essere gentile con te stesso. Devi dare la priorità a te stesso. Penso che sia ancora una delle lezioni più importanti che ho imparato.

Ma cosa avrebbe potuto farmi in quella partita di Karpov non lo so. Perché non avrei potuto dire di no alla finale e comunque ho giocato il ko. E penso che continuare a giocare l'eliminazione sia stata un'ottima idea. Quindi è una di quelle scelte spiacevoli che la vita ti offre e tu la prendi. E non ci pensi molto di più. Ma molto presto me ne sono dimenticato. Non puoi soffermarti sul passato e dopo ho avuto così tanti buoni risultati. Ho giocato la mia carriera. Karpov non ha giocato quasi per niente dopo. È così che funziona.

Sriram Veera: Il pendolo è ancora caricato così tanto che c'era il gioco del 1998 in cui Karpov aveva tutti i privilegi, e dovevi fare tutto e venire. La FIDE non ha prenotato i tuoi voli e tutto il resto. E poi 1994-5 New York sei seduto al 100° piano del WTC a giocare a Kasparov. Per inciso, è iniziato l'11 settembre. Anche in questo caso non avevi voce in capitolo su dove suonerai, sugli arrangiamenti, dice il campione. Come va adesso? È più egualitario?

Ci sono stati dei cambiamenti. Innanzitutto, il concetto è praticamente scomparso. Ora un campione può ancora farsi strada prima in alcune scelte. Ma allo sfidante verrà offerto un affare abbastanza equo. Non c'è più il privilegio di fare un pareggio. Se fai un pareggio, giochi ai tiebreak. Molti di questi cambiamenti sono avvenuti a causa di risultati precedenti. C'è stato poi un movimento per cambiare quelle regole ed è successo. Quindi posso dire che l'era in cui Karpov poteva fare quello che faceva è scomparsa. Infatti se devo spiegare a qualcuno quali privilegi aveva Karpov dovrò spiegare che quei privilegi esistevano prima di tutto a questi giovani. E poi ‘puoi credere che Karpov potrebbe ottenere tutti questi privilegi’ e mi daranno ancora uno sguardo perplesso. È come dire alle persone una volta che avresti prenotato il telefono, aspettavi 6 mesi e te lo avrebbero dato. Potete crederci? Ti guarderanno perplessi. Quindi è così. Non è più qualcosa che puoi trasmettere. Così quell'era passò. Ma molte cose di quell'epoca sono passate: la dominazione sovietica è passata, l'Unione Sovietica è scomparsa. Così tante cose che pensavo fossero caratteristiche permanenti della mia infanzia sono semplicemente scomparse. Quindi anche ora, quando qualcuno lo menziona, penso perché lo stanno sollevando. Ho imparato a non andarci. Ma anche se lo tirano fuori, non fa più male.

Sriram Veera: Quindi molta pubblicità intorno alle Olimpiadi, come dovrebbe essere il caso. Ma quanto l'hosting, sai, cambia la cultura scacchistica di un paese. Perché abbiamo ancora 74 Grandi Maestri e alte percentuali dal Tamil Nadu, dal Bengala occidentale o dal Maharashtra. Hai 30 GM negli ultimi 3 anni. E molti ragazzi dell'U18 sono qui. Ma ospitare un'Olimpiade. Può cambiare la cultura scacchistica? Dove lo vedi andare?

Avrà sicuramente un grande impatto. Intendo le Olimpiadi che si svolgono qui a Chennai. Voglio dire, per 2-3 settimane gli scacchi saranno continuamente nelle notizie in modo tale che anche le persone che sono molto lontane dal gioco almeno sentiranno qualcosa. Sarà nella loro coscienza, per così dire. Ovviamente i fan avranno la possibilità di venire a viverlo dal vivo e vedere molti dei migliori giocatori di cui possono solo leggere o guardare. E all'improvviso saranno lì e potranno essere create molte esperienze memorabili. Posso immaginare che alcuni genitori portino i loro bambini che giocano a scacchi sul posto, e 10 anni dopo uno di loro è un GM e dice “Ricordo di essere stato lì e mi ha fatto una grande impressione”. È il tipo di effetto a catena in cui si sapere dove è caduta la pietra. È qualcosa che lascerà la sua traccia e avrà un impatto molti anni dopo. E sicuramente abbiamo già avuto una fantastica pubblicità grazie alla staffetta della torcia. Un'idea molto innovativa tra l'altro, per trasferire qualcosa dalle Olimpiadi alle Olimpiadi di scacchi, così. Sai che è molto visivo, trasmette una certa gravità. E molte molte persone l'hanno letto, quelle che normalmente non seguono le notizie di scacchi. Quindi è fantastico per lo sport. Possiamo smettere di fare le cose? No. Ma questo momento è ciò che è condiviso. Sarà difficile ospitare un altro evento così grande per molto tempo. Quindi me lo ricorderò.

Sriram Veera: È grazie a te che i ragazzi e le ragazze del Tamil Nadu stanno ancora bene?

Il Tamil Nadu aveva un grande vantaggio anche prima di me. Quindi siamo il primo stato ad avere 4 Master internazionali. E ho beneficiato dell'eredità di questo, di essere il principale stato di scacchi in India. Che poi mi sono amplificato. Quindi sì, ho fatto la mia parte, parte dell'essere l'eredità e la cultura scacchistica tamil di cui i giovani traggono vantaggio. Ma non sono l'unica causa.

Shamik Chakrabarty: La tua comparsa ha coinciso con la fine della Guerra Fredda. Com'erano allora gli scacchi? E anche questa mancanza di forza politica dopo gli anni '90. Sei d'accordo sul fatto che abbia in qualche modo tolto lucentezza alle rivalità scacchistiche di alto profilo?

Intendi l'assenza della Guerra Fredda? Sì, Fischer-Spassky è stato l'apice della rivalità negli scacchi della Guerra Fredda. E c'era una certa eco quando anche una partita tra un disertore sovietico e un campione sovietico o qualcuno che non si adattava, come Kasparov, eri comunque in grado di schierarti. E ogni giornalista che è stato mandato a coprire gli scacchi, anche se non poteva seguire gli scacchi potrebbe scrivere qualche riga sul KGB, menzionare che alcune spie sono qui, alcune spie sono lì. Può menzionare bug, bug e alcune teorie del complotto. E avrebbe finito il suo articolo e avrebbe potuto inviarlo al giornale. E tutti lo adoravano. Una volta rimosso, ha lasciato un certo vuoto che ha impiegato un certo tempo per riempirsi. Ma ora sono emerse nuove trame. Ora ci sono giocatori di scacchi interessanti. Non sono più i giocatori di scacchi della mitologia, che è qualcuno con gli occhiali seduto davanti a una scacchiera, essendo leggermente vecchio. Ora gli scacchi sono visti come uno sport abbastanza giovane con tutti i tipi di giovani talentuosi. Ognuno un personaggio interessante e carismatico. Non è più uno sport praticato in pochi paesi. È anche riuscito ad espandere la sua impronta. Solo per citare, gli ultimi due campioni del mondo sono stati indiani e norvegesi. Nessuno dei due era possibile nemmeno 30 anni fa. Lo sport è andato avanti. Non abbiamo più bisogno della cosa della Guerra Fredda. Ma ci è voluto un po' perché doveva emergere una nuova trama.

Leggi anche |Un momento di orgoglio dice Viswanathan Anand quando Chennai ha scelto di ospitare la 44a Olimpiade

Shamik Chakrabarty: Gli scacchi moderni possono produrre qualcuno eccentrico come Bobby Fischer?

Sarà più difficile. Bobby Fisher visse in un'epoca in cui c'era molto più mistero per i giocatori. Ora tutto sembra istantaneo e difficilmente puoi dire nulla senza che sia una notizia pochi secondi dopo. Nell'era moderna ci saranno giocatori eccentrici, ma saranno là fuori molto più velocemente grazie ai social media e alla velocità di comunicazione.

Shivani Naik: La scrittura di questo sport ha bisogno di una novità vocabolario?

Il vocabolario che abbiamo è abbastanza buono, ma sono già emerse nuove forme di descrizione del gioco. La rivoluzione dello streaming ha introdotto un nuovo modo di vedere gli scacchi. Gli streamer suonano in modo molto diverso da quello che sono abituato a sentire sugli scacchi. E chiaramente ogni nuova base di fan con cui siamo in grado di entrare in contatto porterà il proprio modo di descrivere il gioco. Direi che l'evoluzione sta già avvenendo. Ormai siamo spesso paragonati ai videogiocatori, ci vediamo spesso su Twitch e YouTube. Tutte queste aree per noi non esistevano nemmeno cinque anni fa. I formati, i controlli del tempo e tutte quelle cose stanno cambiando molto velocemente. Una grande differenza ora è che i giornalisti hanno le migliori informazioni sul gioco perché finché sono seduti davanti al computer sanno almeno quali sono state le mosse migliori e gli errori che i giocatori hanno commesso. Quindi inevitabilmente cambierà anche il modo in cui descrivono il gioco.

Shivani Naik: Hai mai giocato sentimentalmente, come pensare, oggi non ho voglia di sacrificare un pedone o di essere attaccato a pezzi particolari?

Ci sono mosse che mi mettono a disagio e ci sono mosse che sono comode. Quelli scomodi che devo sforzarmi di fare. Sfortunatamente, se il computer dice che qualcosa è buono, probabilmente è giusto ed è tuo compito capirne il motivo. Una delle cose degli scacchi moderni è che sei costretto a capire cosa dice il computer. Tuttavia, le tue preferenze personali giocano un ruolo fondamentale.

Mihir Vasavda: Magnus Carlsen ha già detto che potrebbe rinunciare a difendere il suo titolo mondiale. In tal caso, che tipo di impatto avrà sul formato classico?

Non abbiamo avuto una situazione del genere dai tempi di Bobby Fischer. Fischer ha lasciato il gioco ed è scappato. Carlsen, a quanto ho capito, vuole ancora giocare ad altri eventi ma non ha vinto questo. La mia tendenza è credergli che è serio ma anche quando arriverà il momento di farlo davvero, esiterà perché è un grande passo. Farà male al gioco per un po' perché dopo tutto stai perdendo un campione ed è una transizione molto strana. Ma alla fine le persone andranno avanti e il gioco andrà avanti.

Mihir Vasavda: Molti sport stanno modificando i loro formati tradizionali o si stanno allontanando completamente da loro. È una preoccupazione per gli scacchi?

Non penso che sia una preoccupazione. Sento che devi andare con il pubblico. Se il pubblico ha nuove aspettative, allora devi andarci. Il secondo è il ruolo dei computer. I computer hanno cambiato il modo in cui gli scacchi vengono percepiti e il modo in cui gli scacchi vengono studiati e i formati devono rispondere a questo. I formati più veloci sembrano più naturali in un mondo guidato dal computer, il che significa che vedremo più formati come Armageddon e tie-break perché man mano che otteniamo nuovi fan, questi fan vogliono cose diverse. Una certa generazione farà fatica ad accettare, ma la generazione successiva non si accorgerà nemmeno che è cambiata. Allo stesso modo, forse ci sono appassionati di cricket a cui piacciono molto i loro test match, ma la maggior parte dei giovani è completamente abituata al nuovo mondo. In effetti, quando è stata l'ultima volta che ti sei persino chiesto se il tennis esistesse prima dei tie-break e così via. Con il passare del tempo, le persone si abitueranno e i nuovi fan non se ne accorgeranno nemmeno.

Abbonamento Express Non colpire il muro, iscriviti per la migliore copertura dall'India a partire da soli $ 5 al mese Abbonati ora