“Atari era molto, molto difficile” Nolan Bushnell su Atari, 50 anni dopo

0
48
Nolan Bushnell

Sono passati 50 anni da quando Nolan Bushnell ha co-fondato Atari, che ha portato i videogiochi al mainstream. Per festeggiare, abbiamo chiesto a Bushnell cosa ha imparato durante i primi anni e cosa abbiamo perso di vista da allora.

Atari in l'era Nolan Bushnell

Quando senti il ​​nome “Atari,” se sei di una certa generazione, potresti ripensare a un periodo tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 in cui la console per videogiochi domestica Atari 2600 sembrava inarrestabile. Ma prima che Warner Communications acquistasse Atari nel 1976, la giovane azienda visse quattro anni folli di incertezza e successo mentre i suoi dipendenti innovavano senza sosta una nuova classe di intrattenimento elettronico.

Ted Dabney, Nolan Bushnell, Larry Emmons e Allan Alcorn ad Atari nel 1972. Allan Alcorn

La forza creativa guida di Atari in quel periodo era Nolan Bushnell, che ha co-fondato l'azienda con Ted Dabney il 27 giugno 1972 a Sunnyvale, in California. Bushnell e Dabney avevano già lavorato insieme al primo videogioco arcade al mondo, Computer Space, presso la Nutting Associates, ed erano pronti a prendere in mano l'attività in modo più completo. Presto ebbero un successo mostruoso con il gioco arcade Pong alla fine del 1972, che generò imitatori che diffondono videogiochi in tutto il mondo. Ma Atari ha comunque dovuto affrontare una dura battaglia quando i grandi nomi sono entrati nel mercato.

RELATEDIl primo videogioco commerciale: come appariva 50 anni fa

Con questo in mente e il 50° anniversario di Atari a portata di mano, abbiamo pensato che sarebbe stato divertente parlare delle lezioni dei primi anni di Bushnell presso l'azienda pionieristica. Bushnell ha parlato al telefono e le sue risposte sono state modificate per la formattazione.

Benj Edwards, How-To Geek:Pensi che l'industria dei videogiochi abbia perso di vista le innovazioni dei primi giorni di Atari?

Nolan Bushnell: Un po'. Ricorda che Atari è stata fondata come società di coin-op. E il coin-op ha questo requisito per cui un principiante deve entrare nel gioco quasi istantaneamente senza leggere le istruzioni. Quindi la semplicità dell'onboarding è persa da molte persone in questo momento.

HTG:Se giochi a un gioco moderno, devi sederti e attendere il caricamento, seguire un tutorial, guardare tutti i filmati e è passata un'ora dall'inizio del gioco prima di poter finalmente giocare a qualcosa.

Nolan Bushnell: Sì.

HTG: Cosa hai fatto “giusto” nei primi anni di Atari che le persone potessero imparare da oggi?

Bushnell:Abbiamo fatto davvero un buon marchio. E penso che, in termini di badge grafici e logo e tutto il resto, volevamo avere un aspetto distinto. Penso che sia tenuto insieme. In questo momento, il logo Atari è l'unica cosa che è ancora davvero vivace.

Una selezione di volantini dei primi giochi arcade Atari durante l'era Bushnell. Atari

HTG: anche Apple ha utilizzato con successo il marchio iconico e Steve Jobs è stato uno dei tuoi primi dipendenti. Pensi che sia stato cancellato da Apple?

Bushnell:Penso di sì, perché Jobs veniva a casa mia la domenica mattina con la sua moto. E beviamo il tè e parliamo di cose. E ho parlato dell'importanza del marchio e delle tavolozze dei colori e cose del genere: come un marchio e un aspetto sono sfaccettati. Non hai mai pensato che una tavolozza di colori fosse unica per un'azienda, eppure è assiomatica.

HTG: Quindi Steve Jobs era solito appendere fuori a casa tua?

Bushnell:Sì, lui viveva&8212;io ero su una collina, e lui era più giù nei lotti, ma potevo quasi lanciare un sasso e metterlo sul suo tetto.

HTG : Viveva da solo in quel momento?

Bushnell: Sì. Casa grande, senza mobili. Così semplice. [Ridacchia]

HTG: Allora andiamo nella direzione opposta adesso. Cosa hai fatto di “sbagliato” ad Atari che la gente possa imparare da oggi?

Bushnell:Penso che come faccio a metterlo senza sembrare uno stronzo? Ho sopportato l'incompetenza più di quanto avrei dovuto. Avrei dovuto essere più veloce a licenziare.

HTG: Beh, non sei nato manager, giusto? Sei stato principalmente un ingegnere…

Bushnell:Bene, in realtà non è del tutto vero. Ricorda che ho gestito 150 bambini al parco divertimenti. È stato un po' il mio MBA, l'ho sempre sentito. Era un lavoro estivo e non era come gestire un gruppo di ingegneri, ma mantenere tutti felici e lavorare era importante. Così come la gestione dei numeri&percentuali di manodopera e cose del genere.

Nolan Bushnell visto in un annuncio Atari del 1976. Atari

HTG:Ho letto una prima citazione da un manifesto che hai scritto nei primi giorni di Atari che diceva qualcosa del tipo: “Se le persone sono felici e la compagnia è felice, allora accadono cose belle.” Da dove hai preso quella filosofia di gestione di tipo egualitario?

Bushnell: Era davvero nell'aria. Ricorda, è stata l'estate dell'amore e del movimento hippie nel nord della California. Voglio dire, tutti noi avevamo i nostri costumi hippy, e nei fine settimana saremmo andati a fare pose, ea fare gli hippy. Voglio dire, posa totale. [Ride]

Era una specie di etica nell'aria. Ci sono state proteste contro la guerra del Vietnam e cose del genere, lo sai. Tutti stavano testando lo status quo.

HTG: Faresti qualcosa di diverso se potessi tornare indietro nel tempo e cambiare la storia di Atari?

Bushnell: Penso che sarei stato più veloce ad automatizzare alcuni le cose. Eravamo a corto di soldi ed eravamo molto svogliati riguardo alle partite e alle procedure che avevamo.

HTG: È perché eravate hippy.

< p>Bushnell: [Ride] Sì, credo di sì.

“Non abbiamo mai avuto abbastanza soldi&#8221 ;

Atari

Quando è arrivato il momento di sviluppare e rilasciare una console per videogiochi domestica più avanzata con cartucce (la 2600), Atari aveva bisogno di capitali e Bushnell vendette la sua azienda alla Warner Communications. Bushnell rimase con Atari fino all'inizio del 1979, perdendo sia gli anni dei mostri del 2600 che lo spettacolare fallimento di Atari subito dopo. (A quel punto stava lavorando a Chuck E. Cheese, ma questa è tutta un'altra storia.)

HTG: Ti penti di aver venduto Atari in quel momento?

Bushnell: Sì e no. Mi è davvero piaciuta la mia vita dopo che l'ho venduta. Mi sono sposato, ho avuto la mia casa, ho messo ordine nella mia vita personale. Atari è stato molto, molto difficile. E non abbiamo mai avuto abbastanza soldi. Lo gestivamo come se dovessimo renderlo pubblico, e poi il mercato è andato di traverso.

Se fossi andato avanti e fossi stato in grado di rendere pubblica l'azienda, avrei avuto altri tre o quattro anni nella corsa al successo e probabilmente non mi sarei mai sposato. Quindi sarebbe stato un bel giro e avrei fatto più soldi a Gobspocks? Assolutamente. Ma sulla base della mia vita personale, è stata sicuramente una buona cosa da fare.

HTG: Qual è il tuo gioco Atari preferito mai pubblicato da Atari?

Bushnell: Tempesta.

HTG:Era il 1981, dopo che hai lasciato l'azienda. Ci hai giocato comunque?

Bushnell: Era in laboratorio quando ero lì.

Uno screenshot del gioco Atari preferito di Bushnell, Tempest. Atari

HTG: Perché ti piace Tempest?

Bushnell:Penso che sia molto, molto dinamico. È uno di quei giochi che era un po' tutto da solo, estremamente innovativo. Non riesco a pensare a un altro gioco che fosse del tutto simile e che avesse così tanti livelli diversi, che lo mantenevano tutti interessante.

HTG: It&#8217 ;s un'esperienza a sé stante. Quasi psichedelico.

Bushnell: Esattamente. Non l'avrei detto, ma penso che tu abbia ragione. È stato un po' strano.

HTG: Che tipo di musica ascoltavi nel 1972 quando hai fondato Atari?

Bushnell: Beatles, Pink Floyd, Who, Queen. Tutti quelli. I Queen mi sono davvero, davvero piaciuti, me lo ricordo. Ve ne racconto un altro che mi è piaciuto molto. ELO—Orchestra di luci elettriche. Molte persone non li conoscono. Ho pensato che l'intera idea delle orchestre rock fosse molto affascinante per me.

HTG: Interessante perché quando penso a ELO, penso alla copertina di 8230;qual è l'album con sopra l'aspetto di un UFO?

Bushnell: Out of the Blue.

Epic Records

HTG: Mi ricorda il design Atari.

Bushnell: Sì. [Sorpreso] Sì, hai ragione!

HTG: Era il 1977. Diamine, potrebbero essere stati influenzati da Atari a quel punto.

< p>Bushnell: Forse.

L'eredità di Atari

Nel corso dei decenni, Bushnell ha tenuto centinaia di discorsi, migliaia di interviste e discusso quasi ogni possibile angolazione della storia di Atari. Ma una cosa resta ancora: 50 anni sono tanti. Lo stesso Bushnell compirà 80 anni il prossimo anno.

HTG: Come ci si sente quando qualcuno dice: “Ehi, sono passati 50 anni da quando hai avviato Atari.” Cosa ti viene in mente?

Bushnell:“Oh mio dio, sono così vecchio?” [Ride di cuore.] La mia figlia maggiore ha compiuto 50 anni un anno fa e ho pensato: “Ragazzi, questo dice che sei sul pianeta da molto tempo se hai figli che ne hanno 50.”

HTG: E Atari è un po' come uno dei tuoi figli.

Bushnell: Sicuramente.

p>

Atari

HTG: Stavo solo pensando a come 50 sia un traguardo enorme. Adesso ho 41 anni, quindi quel ricordo è passato dalla mia vita. Non riesco a immaginare di provare a ricordare qualcosa che è successo 50 anni fa. Alcune di quelle cose dei primi anni '70 sono ancora fresche? I ricordi di quel periodo ti vengono in mente in modo naturale?

Bushnell: Sì, un bel po'. Inoltre, ho molte vecchie foto sul mio computer e l'ho configurato in modo da avere un Amazon Echo Show e scorre la mia libreria di foto. Così mi vengono sempre in mente le cose.

***

Buon compleanno, Atari!

LEGGI SUCCESSIVO

  • &rsaquo ; Recensione PrivadoVPN: sconvolgere il mercato?
  • › 10 funzioni Samsung Galaxy da utilizzare
  • › 4 modi in cui stai danneggiando la batteria del tuo laptop
  • › Quanto costa ricaricare una batteria?
  • › Questi gadget scacciano le zanzare
  • › Quanto lontano può arrivare un'auto elettrica con una sola carica?