Lo smartwatch ibrido Gen 6 di Fossil nasconde Alexa in un look di classe

0
52
Fossile

Che ci crediate o no, ma alcune persone non vogliono indossare uno schermo gigante al polso (e caricarlo ogni notte). Ecco perché Fossil vende smartwatch ibridi che combinano lo stile analogico con funzionalità intelligenti di monitoraggio della salute. E il nuovissimo Fossil Gen 6 Hybrid nasconde alcune funzioni molto divertenti.

Come i precedenti smartwatch hybird di Fossil, il nuovo Gen 6 Hybrid offre monitoraggio dei passi, monitoraggio del sonno, monitoraggio della frequenza cardiaca, monitoraggio della forma fisica e notifiche intelligenti. Un piccolo display sotto le lancette dell'orologio mostra tutti i parametri di salute o fitness pertinenti; questo display sembra essere E Ink, il che spiegherebbe la durata della batteria di due settimane dell'orologio.

Fossile

Le nuove funzionalità includono il supporto per Alexa e un microfono integrato per accedere all'assistente. C'è anche un nuovo sensore SpO2 per misurare la saturazione di ossigeno nel sangue e un cardiofrequenzimetro migliorato.

RELATIRecensione Withings ScanWatch: uno smartwatch per le persone a cui non piacciono gli smartwatch

Fossil vende l'ibrido Gen 6 in due configurazioni. C'è la “Macchina” più grande design, che ha una cassa da 45 mm ed è disponibile in nero, argento o fumo. La più piccola “Stella” il design utilizza una cassa da 40,5 mm ed è disponibile nelle colorazioni oro rosa, argento e bicolore. Entrambi i modelli hanno cinturini intercambiabili rispettivamente di 24 mm e 18 mm.

Il nuovo Fossil Gen 6 Hybrid sarà in vendita il 27 giugno. Costa $ 249 se vuoi i cinturini in acciaio visti in questo articolo, anche se puoi acquistarlo per soli $ 229 se non ti dispiace un cinturino in pelle o silicone.

Fossil Gen 6 Hybrid

Disponibile dal 27 giugno, il nuovo smartwatch Fossil Gen 6 Hybrid offre un cuore avanzato monitoraggio della frequenza, un sensore SpO2, compatibilità con Alexa e altro con un design analogico di classe.

Fossil

Fonte: Fossil tramite Android Authority