La lotta per la parità salariale della Panjab University colpisce un nervo scoperto durante la rissa su Chandigarh

0
40

La Panjab University si trova a Chandigarh, la capitale congiunta del Punjab e dell'Haryana. Nella foto, Haryana CM Manohar Lal Khattar (L) e Punjab CM Bhagwant Mann. (File)

Essere o non essere un'università centrale. Questa è la domanda che agita la Panjab University (PU) a Chandigarh in questi giorni.

Un mese dopo che l'Alta Corte del Punjab e dell'Haryana aveva ordinato al Centro di esplorare la possibilità di convertire la PU in un'università centrale

forte>, il Primo Ministro del Punjab Bhagwant Mann il 19 giugno ha chiesto l'intervento dei ministri dell'Unione Amit Shah e Dharmendra Pradhan per prevenire “qualsiasi cambiamento nella natura e nel carattere dell'Università del Panjab”. Mann l'ha definita una questione emotiva anche se alcuni corpi studenteschi l'hanno etichettata come un attacco alla struttura federale della nazione e un tentativo di diluire la pretesa del Punjab su Chandigarh. L'Alta Corte ha emesso la sua direttiva mentre ascoltava una richiesta degli insegnanti della PU di estendere l'età pensionabile da 60 a 65 anni dopo che il Centro ha introdotto regole di servizio centrale per i dipendenti di Chandigarh.

I semi della presente controversia si trovano nel marzo 29 circolare del Ministero degli Affari Interni (MHA) che applica le regole del servizio centrale ai dipendenti di Union Territory (UT), compresi i suoi insegnanti universitari. Ciò è avvenuto il giorno dopo un annuncio pubblico in tal senso da parte del ministro dell'Interno Amit Shah durante la sua visita in città. Non solo ha rafforzato lo stipendio degli insegnanti dei college UT, ma ha anche aumentato la loro età pensionabile a 65 anni, contro i 60 anni della Panjab University.

Altro da Political Pulse

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Il presidente della Panjab University Teachers 'Association (PUTA) Mritunjay Kumar ha affermato che dopo oltre tre ore di deliberazione il 4 maggio, gli insegnanti della PU hanno deciso che la loro richiesta di base era la parità con gli insegnanti dei college UT. “Tutte le parti interessate, incluso il Punjab, dovrebbero esaminare questa richiesta. Siamo preoccupati per la nostra istituzione perché non è facile lavorare nell'attuale atmosfera viziosa”, ha aggiunto, ma non si è impegnato a definire lo status centrale dell'università.

Il meglio di Express Premium

Premium

Quali FPI’ significa uscita dal mercato

Premium

UPSC Key-23 giugno 2022: Conoscere la rilevanza di 'Surya Nutan' per ‘Agr…

Premium

leader ribelli di Sena, MLA nel campo di Eknath Shinde di fronte a ED, IT caldo: Sarnai…Premium

Spiegazione: in che modo la propaganda Khalistani è costata a un canale la licenza nel Regno UnitoAltre storie premium >>

Il dottor Pramod Kumar, un osservatore politico, ha affermato che mentre gli insegnanti si preoccupavano principalmente della parità retributiva, la questione era politica a causa della situazione unica e della politica identitaria dell'UP. L'università si trova a Chandigarh, la capitale congiunta del Punjab e dell'Haryana.

Fondata a Lahore nel 1882, PU è stata fondata con i contributi del popolo dello stato. Dopo l'indipendenza, ha spostato il suo ufficio amministrativo da Lahore, la capitale del Punjab indiviso, a Solan nel 1947 come East Punjab University, con un campus a Hoshiarpur, prima di trasferirsi a Chandigarh nel 1956. Il suo nome è stato abbreviato in Panjab University nel 1950.< /p>

Durante la riorganizzazione del Punjab nel 1966, l'università è stata dichiarata “Inter State Body Corporate” ai sensi della Sezione 72(1) del Punjab Reorganization Act, 1966, uno status unico nel paese.

In base a questo, le sue finanze dovevano essere condivise dagli stati interessati – Punjab, Haryana, Himachal Pradesh e l'amministrazione di Chandigarh – nel rapporto di 20:20:20:40. Ma nel 1973, Haryana e Himachal Pradesh decisero di ritirarsi da questo accordo, in seguito al quale il Punjab e il governo centrale si assumevano la responsabilità finanziaria dell'università in un rapporto di 40:60.

Da leggere | Perché il Punjab ha rivendicato Chandigarh

La stima del budget di PU per il 2022-'23 era di Rs 1.014 crore. Il prof Mritunjaya ha detto che attualmente l'università ottiene Rs 260 crore dal Centro, Rs 290 crore dalle proprie risorse e Rs 42 crore dal governo del Punjab. “Penso che il Punjab non abbia dato la sua quota negli ultimi tre anni”, ha affermato.

CM Mann nella sua dichiarazione di domenica, tuttavia, ha affermato che il governo del Punjab aveva pagato Rs 42 crore all'anno, oltre ai Rs 100 crore provenienti da college affiliati nello stato.

Anche l'acuta crisi finanziaria ha fece dell'università una facile preda della politica. Nel luglio 2018, il primo ministro di Haryana ML Khattar ha cercato di rivendicare la presa dello stato su PU sparando una lettera all'allora ministro dell'Interno dell'Unione Rajnath Singh, dicendo che la quota di Haryana in PU dovrebbe essere ripristinata poiché la composizione e il carattere di Chandigarh erano cambiati nel corso degli anni e un un gran numero di studenti di Haryana stavano studiando lì.

Khattar ha anche chiesto che fosse emessa una notifica dal Ministero dell'Interno dell'Unione che alcuni college di Haryana fossero affiliati alla PU, una richiesta apertamente contrastata dall'allora capitano del Punjab CM Amarinder Singh che vide in essa un'insidiosa offerta di Haryana per rafforzare la sua pretesa su Chandigarh .

Al momento, è la parità di retribuzione che preoccupa di più i professori di PU. L'ex presidente della PUTA Rajesh Gill ha affermato che il Ministero degli affari interni ha creato “un'anomalia molto sfortunata” con il suo ordine del 29 marzo e deve correggerla applicando le condizioni di servizio centrale anche alla facoltà della PU. Sulla questione dello status di università centrale, Gill ha detto: “Non puoi escludere il Punjab dall'equazione. Ho letto da qualche parte che l'ufficio VC (vice-cancelliere) si chiamerà presto “Netrativ Niwas”, perché questa imposizione dell'hindi su PU? Vogliamo che le persone a capo della varsity provengano dal Punjab. Non vogliamo che le persone vengano trapiantate da altri stati.”

In Opinion |Madhav Godbole scrive: Dai Chandigarh al Punjab

Ma molti insegnanti ritengono che uno status di università centrale otterrà agli insegnanti migliori condizioni di servizio, borse di studio per studenti e fondi per migliori infrastrutture. Come brontolò uno di loro, “Per molto tempo c'è stato il senatore raj, con generazione dopo generazione in servizio all'università… Il Punjab non contribuisce al benessere della varsity ma ne rivendica sempre la proprietà”.

Il presidente della Panjab University Staff (Non-Teaching) Association (PUSA) Honey Thakur è contrario alla centralizzazione perché, secondo lui, influirà sugli stipendi dei dipendenti non insegnanti, alcuni dei quali temono persino la perdita del lavoro.

Una sezione dei corpi studenteschi ha respinto la mossa, definendola parte di una più ampia cospirazione per diluire la struttura federale dell'India. In una dichiarazione, Students for Society (SFS) ha affermato: “Lo stato centrale ucciderà lo spirito della Panjab University. Verrà virtualmente convertito in un'università privata con più corsi autofinanziati.'' I leader studenteschi temono anche un forte aumento delle tasse, che renderà l'istruzione superiore fuori dalla portata di molti.

“Nel 2017, in PU è stato implementato un aumento delle tasse del 1.100%, ma gli studenti sono stati in grado di costringere il Senato e il Sindacato a revocarlo. Se l'università ottiene lo status centrale, gli studenti andranno a Delhi per protestare contro l'aumento delle tasse e le misure anti-studenti?” ha chiesto Kanupriya, la prima donna presidente del consiglio studentesco della PU (2018-’19). Ha invitato il governo del Punjab ad assumersi maggiori responsabilità finanziarie per l'università.

L'attuale protesta degli studenti dell'università non era solo contro la centralizzazione, ma anche per rendere più responsabile il governo del Punjab, ha affermato Kanupriya, sottolineando come i successivi governi statali abbiano incoraggiato le università private mentre facevano poco per promuovere il PU.

< p>Il 7 maggio, il vicepresidente M. Venkaiah Naidu, cancelliere di PU, ha cercato di rimuovere la politica dall'equazione quando si è rivolto a insegnanti e studenti alla 69a convocazione annuale. Notando la presenza dei CM sia del Punjab che dell'Haryana, ha affermato: “Spero che estendano tutto il loro sostegno all'università perché ha bisogno di infrastrutture migliori, possibili solo con il sostegno dello stato e del governo centrale … spero che entrambi i capi dei ministri si muoveranno in questa direzione in futuro.''

Nel frattempo, tutti gli occhi sono puntati sul 30 agosto, quando il Centro dovrà presentare la sua risposta all'Alta Corte.

Express Abbonamento Dai un'occhiata ai nostri prezzi speciali per i lettori internazionali quando l'offerta durerà Abbonati ora