Gli FPI scaricano le azioni indiane per un valore di oltre 35.000 crore di Rs a maggio finora

0
51

Andando avanti, il flusso di FPI in India deve rimanere volatile nel breve termine, affermano gli esperti. (Immagine rappresentativa)

L'esodo di denaro straniero dai mercati azionari indiani continua senza sosta con gli FPI che hanno ritirato finora oltre Rs 35.000 crore questo mese a causa delle preoccupazioni per le prospettive di un aumento più aggressivo dei tassi da parte della Fed statunitense e dell'apprezzamento del dollaro.< /p>

Con questo, il deflusso netto degli investitori di portafoglio esteri (FPI) dalle azioni ha raggiunto finora 1,63 lakh crore di Rs nel 2022.

In futuro, il flusso di FPI in India rimarrà volatile nel breve termine, dati i venti contrari in termini di prezzi elevati del greggio, inflazione, politica monetaria restrittiva, tra gli altri, ha affermato Shrikant Chouhan, Head – Equity Research (Retail), Kotak Securities.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Dato che il mercato madre, gli Stati Uniti, è debole e il dollaro si sta rafforzando , è probabile che gli FPI continuino a vendere nel breve termine,” V K Vijayakumar, Cheif Investment Strategist presso Geojit Financial Services, ha affermato.

Il meglio di Express Premium

Premium

Oroscopo di oggi, 24 maggio 2022: Cancro, Leone, Bilancia e altri segni — controlla…

Premium

Chiave UPSC CSE – 23 maggio 2022: cosa devi leggere oggi

Premium

Opinione: l'India può trasformare Quad in uno strumento per realizzare il suo significato.. .

Premium

Sondaggi presidenziali: per il Congresso, un preludio alle battaglie futureAltre storie premium >>

Gli investitori stranieri sono rimasti venditori netti per sette mesi fino ad aprile 2022, ritirando un enorme importo netto di oltre Rs 1,65 lakh crore dalle azioni.

Dopo sei mesi di vendite folli, gli FPI hanno trasformato gli investitori netti nei primi settimana di aprile a causa della correzione dei mercati e ha investito Rs 7.707 crore in azioni.

Tuttavia, dopo un breve respiro, ancora una volta sono diventati venditori netti durante la settimana abbreviata per le festività dall'11 al 13 aprile, e il sell-off è continuato anche nelle settimane successive.

I flussi di FPI continuano a rimanere negativi nel mese di maggio fino ad oggi e hanno scaricato azioni per un valore di Rs 35.137 crore durante il 2-20 maggio, hanno mostrato i dati con i depositari.

“Il fattore principale alla base dell'incessante vendita di FPI è l'apprezzamento del dollaro che ha portato l'indice del dollaro sopra 103. Inoltre, l'India è il principale mercato emergente in cui gli FPI si trovano su grandi profitti e il mercato è molto liquido da assorbire Vendita FPI,” ha detto Vijayakumar.

Himanshu Srivastava, Direttore Associato – Manager Research, Morningstar India, ha affermato che gli investitori stranieri continuano a nutrire preoccupazioni per le prospettive di un aumento più aggressivo dei tassi da parte della Fed statunitense.

La Fed statunitense ha alzato i tassi due volte quest'anno per combattere l'aumento dell'inflazione causato dal interruzione della catena di approvvigionamento a causa della guerra tra Russia e Ucraina.

“A causa della guerra, anche la tensione geopolitica è aumentata, il che ha spinto gli investitori a diventare avversi al rischio e a stare alla larga dai mercati emergenti come l'India, che sono percepiti come relativamente più rischiosi. E nell'attuale contesto avverso al rischio, gli investitori stranieri avrebbero trovato la prenotazione degli utili un'opzione migliore,” ha affermato Srivastava.

Anche sul fronte interno, le preoccupazioni per l'aumento dell'inflazione e per gli ulteriori aumenti dei tassi da parte della RBI e il suo impatto sulla crescita economica incombevano a grandi dimensioni.

“ Ciò che ha spaventato gli investitori è stato l'impatto dell'inflazione sul brusco e improvviso calo delle vendite al dettaglio,” Vijay Singhania, Presidente di TradeSmart, ha dichiarato.

Oltre alle azioni, gli FPI hanno ritirato un importo netto di Rs 6.133 crore dal mercato del debito durante il periodo in esame.

Con le banche centrali in difficoltà Per controllare l'inflazione, l'elevata volatilità continuerà a far parte della routine, ha affermato Singhania.
Oltre all'India, altri mercati emergenti, tra cui Taiwan, Corea del Sud, Indonesia e Filippine, hanno assistito a deflussi a maggio fino ad oggi.