Cannes 2022: La morte è un tema ricorrente in alcuni dei film indiani del festival

0
57

Una foto di 'Nauha'

La morte incombeva fin dall'inizio. L'apertura ufficiale del Festival di Cannesfu ritardato dalla seconda guerra mondiale. Quando alzò il sipario, diede a Neecha Nagar (1946) di Chetan Anand la Palma d'Oro (allora chiamata Grand Prix du Festival International du Film) per il miglior film, l'unico film indiano con quell'impresa fino ad oggi. Il film interpretato da Zohra Segal e Kamini Kaushal si è soffermato sui dialoghi tra due India (ricca/alta e povera/bassa), eccessi di potere, ostilità ecologica, malattia e morte. Alcuni di questi temi sono toccati nell'unica selezione ufficiale dell'India (nel segmento della proiezione speciale non competitiva) al festival di quest'anno, il documentario vincitore del Gran Premio della giuria Sundance 2022 di Shaunak Sen All That Breathes, in cui due fratelli danno il massimo per salvare i “più che umani” (aquiloni neri) che cadono morti/feriti dai cieli tossici di Delhi. E non si può fare a meno di notare un tema ricorrente della morte in alcune delle vetrine dell'India a Cannes.

“La morte è l'unica cosa che rende reale la vita”, afferma Pratham Khurana, 23 anni, il cui film di diploma di Whistling Woods Nauha è tra i 16 film studenteschi in competizione nella sezione La Cinef (ex Cinéfondation). In precedenza, i diplomati FTII Payal Kapadia (Afternoon Clouds, 2017; il suo documentario A Night of Knowing Nothing ha vinto l'Oeil d'Or l'anno scorso) e Ashmita Guha Neogi (CatDog, che ha vinto il primo premio 2020 nella categoria) hanno rappresentato l'India.

Una foto di ‘Godavari’

Un film da camera, Nauha (urdu per lutto/lamento) è la storia del custode Kishan (Azhar Khan) e della sua relazione poco appariscente con Babuji (Uday Chandra). La mancanza di nome del settantenne costretto a letto è importante. L'indirizzo generico “babuji” stabilisce l'età e la classe. La sua famiglia con sede negli Stati Uniti è irrilevante, quindi i loro volti/teste vengono tagliati fuori dall'inquadratura nelle scene del funerale, quando tornano a casa. La realtà della morte, tuttavia, non smorza mai gli scambi insoliti e infantili, nell'arco di tre giorni, tra un vecchietto irritabile ma dispettoso e la sua caregiver irritata, ma tenera.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png LEGGI ANCHE |Quando la ballerina di Pasoori Sheema Kermani usava sari e danze per sfidare il regime di Zia in Pakistan

La storia è ispirata dall'esperienza di Khurana con il padre del suo amico, di cui si è preso cura quando quest'ultimo era in una ventilatore manuale, che appare nel film. “Le madri sono diverse, ti trattano come un figlio, ma non sviluppi mai un rapporto stretto con il padre del tuo amico. È sempre molto pratico. Ma in quei momenti si era sviluppata una connessione emotiva tra di noi”, dice Khurana, che ha perso sua zia e sua madre in giovane età. Domande che sono rimaste sepolte nel profondo, che sta cercando di affrontare attraverso i suoi film.

Il meglio di Express Premium

Premium

FY22: mentre il Covid si attenua, le rimesse in uscita sono aumentate del 55% al ​​massimo storico

Premium

Una lettera di Mathura: ‘Radha ki chunari bhi Salma silti hai'

Premium

Una lettera da Varanasi: 'È il nostro waqt… Ayodhya accadrà a Kash…

Premium

Tavleen Singh scrive: Il male sotto il soleAltre storie premium >> Una foto di ‘All That Breathes’

Ambientato nell'inverno di Noida, anche se girato in Mira Road a Mumbai durante la pandemia, l'essenza del simbolismo del tempo era ciò che il ragazzo di Delhi con sede a Mumbai voleva evocare a Nauha – l'inverno e la notte segnalano la morte – un'epifania che ha avuto mentre guardava Shoojit Sircar's October (2018). A 13 anni, Raanjhanaa (2013) e la voce fuori campo del monologo finale di Dhanush in cui il suo personaggio morente riflette sul lasciarsi andare, gli hanno fatto capire l'importanza di uno scrittore e di un regista.

Mentre l'obiettivo rimane sul volto di Kishan, in una commovente scena di falò di notte, vediamo le sue reazioni alle due lavoratrici domestiche che si soffermano sul futuro di Kishan. La divisione di classe, come la morte, viene trattata con grazia e gravità. Era un pandemia ripensamento? “Il film alla fine si presenta in questo modo”, dice Khurana, “ma è emerso durante le nostre prove pre-pandemia, domande su cosa provano i lavoratori migranti, qual è la sensazione di essere separati dalle loro case e, quando arriva il momento , come tutti vogliono tornare a casa”, dice.

< img src="https://images.indianexpress.com/2022/05/Starfruits-a-representational-image.jpg" />Un'immagine rappresentativa per ‘Caramelle’

L'avvincente meditazione del regista marathi Nikhil Mahajansull'accettazione della morte, segna un passaggio di gesso e formaggio dai suoi precedenti thriller al dramma familiare. Godavari – parte della delegazione di sei film del governo indiano al mercato, tra cui Rocketry: The Nambi Effect di R Madhavan, che ha avuto la sua prima mondiale lì, Dhuin di Achal Mishra, Boomba Ride di Biswajeet Bora, Alpha Beta Gamma di Shankar Srikumar e Niraye Thathakalulla di Jayaraj Maram (Albero pieno di pappagalli) — è un omaggio al defunto regista marathi Nishikant Kamath, morto nel 2020.

Sebbene non sia un film biografico, alcuni aspetti della vita di Kamath, come la sua rabbia e le domande sulla sua mancanza di fedenelle cose, si è insinuato quando il suo caro amico e protagonista Jitendra Joshi interpretava Nishikant Deshmukh: un uomo irritabile, esplosivo, infelice, a cui manca la fede in tutto: il suo matrimonio, la famiglia, la casa, la religione, il fiume, ma la sua ricerca per trovare la fede inizia quando la vita sta per abbandonarlo.

Una foto da ‘Il racconto di un Babbo Natale e della sua falena’

Le esplosioni di Mumbai degli anni '90 e le tensioni comunitarie fanno da sfondo al progetto in corso Starfruits, che sarà diretto da Gourab Kumar Mullick e prodotto da Umesh Kulkarni. È selezionato, tra 10 film, per presentare fondi, a La Fabrique, un programma dell'Institut Français associato a Cannes. Ambientato in un villaggio costiero di Konkan, un transito per il contrabbando in RDX, in primo piano la storia del braccio destro di un gangster, amato da un altro uomo. “L'omosessualità è solo un sottotono, è principalmente ispirata dal dipinto di Bhupen Khakhar Yayati (1987), che si sofferma sulla corporeità”, afferma Mullick. C'è un crepacuore e una morte.

Il regista bengalese Aneek Chaudhuri nel suo film hindi interpretato da Pawan Chopra, The Tale of a Santa and His Moth, la storia di un povero vedovo bisessuale che fa di tutto per soddisfare un singolare desiderio della figlia malata terminale: mangiare la torta di mandorle a Natale. Il lungometraggio – presentato al Marche du Film, dove l'India è il paese d'onore – riflette sulla morte e su come le conseguenze di una guerra colpiscono i paesi in via di sviluppo, che “anche il più piccolo degli esseri soddisfa i bisogni dei propri cari prima di pensare ai propri sopravvivenza/sostegno”, afferma Chaudhuri.

Una foto di ‘Tamp’

Resuscitati dai morti sono due classici restaurati. Govindan AravindanTamp (The Circus Tent, 1978), che avrà una prima mondiale di Restoration, e Pratidwandi (The Adversary, 1970) di Satyajit Ray, della Film Heritage Foundation di Shivendra Singh Dungarpur e del direttore della fotografia Sudeep Chatterjee per il National Film Archive of India (ora sotto NFDC), rispettivamente. Il restauro, oltre a creare opere originali, è il modo migliore per onorare i maestri, non fare fotocopie dei loro classici in nome di omaggi. È una pillola dura ma necessaria che i registi bengalesi contemporanei farebbero bene a ingoiare, invece di invocare le leggende e ucciderle di nuovo con peani scadenti.

LEGGI ANCHE |'Conversazioni con gli amici' sembra un cuore -a cuore con i migliori amici

Se in Aravindanlirico “location film”, un circo itinerante sulle rive del Bharathappuzha infonde vita e stupore in un villaggio addormentato, entusiasma le sue anime quasi morte e porta un giovane disilluso lontano dal suo villaggio consumato dal tempo, il giovane disoccupato di Ray degli anni '70 , Siddhartha (Dhritiman Chatterjee) è indignato, riguardo al capitalismo, alla guerra del Vietnam, all'abbandono della sua grande città morta dentro, cacofonica e fuori, e alla fine esplode. Il film inizia e si conclude con uno strano richiamo di uccelli, che lo ha perseguitato per la maggior parte della sua vita e la morte (suo padre e, in seguito, di uno sconosciuto).

Una foto di ‘Pratidwandi’

La morte, tuttavia, non è un argomento vendibile. “Presentare i produttori è stato molto difficile (l'autofinanziato Godavari è ora supportato da Jio Studios). Sairat, ad esempio, è il film Marathi con il maggior incasso, ma se qualcuno dice: “Prenderò un ragazzo e una ragazza da un villaggio e alla fine li ucciderò”, nessuno lo sa investirò su di te. Godavari parla di un uomo che scopre l'idea della morte. Chi metterà i loro soldi?” dice Mahajan, che aggiunge che sarebbe più felice il giorno in cui il suo film sarà selezionato/concorso a Cannes, “L'attuale governo sta spingendo il cinema, al più grande festival cinematografico del mondo, è fantastico, ma è la cosa migliore? Non credo.”